Notizie FilmWeronika Bilska sulla "Marilyn Monroe polacca", l'amore per il...

Weronika Bilska sulla “Marilyn Monroe polacca”, l’amore per il cinema personale

-

- Advertisment -spot_img


Soprannominata la “Marilyn Monroe polacca”, la defunta attrice e cantante Kalina Jędrusik elettrizzava il pubblico della Repubblica Popolare Polacca con i suoi abiti azzardati, la sua performance nel film di Andrzej Wajda, nominato agli Oscar, “La terra promessa” o la sua relazione non convenzionale con il marito, lo scrittore Stanisław Dygat. Ma “Autumn Girl” – che viene proiettato questa settimana nella competizione polacca dell’EnergaCamerimage Film Festival – che prende il nome da una delle sue canzoni, “Jesienna dziewczyna”, rifiuta di mostrare Jędrusik come un’altra donna definita e distrutta dalla sua immagine sessualizzata.

“Non volevano che fosse un film in cui la protagonista fosse una vittima”, dice la direttrice della fotografia Weronika Bilska, che si è unita alla troupe femminile guidata dalla regista Katarzyna Klimkiewicz, che ha scritto la sceneggiatura insieme a Patrycja Mnich. Il film è stato prodotto da Renata Czarnkowska-Listoś e Maria Gołoś per RE Studio, con Next Film che si occupa della distribuzione locale.

“Kasia diceva sempre che voleva fare qualcosa di allegro, pieno di luminosità e di colore. Un film che non abbatta nessuno, ma che possa essere visto come un invito al piacere”.

Anche se il carisma di Jędrusik è stato catturato soprattutto in bianco e nero, Bilska si è imbattuta in fotogrammi colorati provenienti dai set delle produzioni polacche degli anni ’60, attualmente disponibili sul sito web di Filmoteka Narodowa. Scoprendo un universo completamente diverso, che è confluito nel film finito.

Immagine caricata pigramente


Per gentile concessione di Bartosz Mrozowski

“C’erano calze viola, carta da parati gialla. Tutta questa tavolozza di colori, brillante come quella che vediamo ora”, dice, sottolineando che la protagonista Maria Dębska – recentemente nominata miglior attrice al Polish Film Festival di Gdynia – doveva sempre “brillare”.

“La luce doveva far risaltare la bellezza della sua pelle, i colori dei suoi abiti o i foulard che aveva in testa. C’era qualcosa di sensuale. La Kalina di Maria è in sintonia con il suo corpo, è a suo agio con la sua scollatura, i suoi gesti. Ecco perché il suo comportamento non è mai volgare. Per lei, è semplicemente naturale”.

Mentre Bilska descrive il film come una “fantasia” su Jędrusik, piuttosto che un consueto biopic, dopo aver visto il filmato della star originale – accusata di “scandalizzare la nazione” e che, a quanto si dice, ha spinto il primo segretario Władysław Gomułka a distruggere il proprio televisore – è rimasta affascinata dalla sua ambiguità e da quella che lei chiama “bella debolezza”.

“Secondo me, soffriva della sindrome dell’impostore. Quando veniva intervistata, diceva che solo gli uomini possono essere veri artisti e le donne sono le loro belle muse. Implicava che, nonostante tutto, “sapeva ancora stare al suo posto”. Era abbastanza scioccante per me, ma questo è un argomento per un altro film”.

La direttrice della fotografia ha dovuto anche girare delle sequenze musicali, per la prima volta nella sua carriera.

“È stata una bella sfida, anche se ho avuto questa fantasia di girarle di nuovo da capo ora che so come si fa”, scherza. “Il nostro coreografo Kuba Lewandowski e il compositore Radosław Łuka, abbiamo fatto tutti del nostro meglio. Volevo che la musica di Kalina e l’interpretazione del mondo nelle sue canzoni funzionassero come un elemento autonomo del film”. La musica ha avuto un ruolo importante anche in “Songs About Love” di Tomasz Habowski, un dramma a microbudget su un musicista che si imbatte in una giovane cantante di talento, anch’esso diretto da lei.

Bilska, che sta girando la serie “Herkules”, ha già ricevuto il Golden Tadpole a Camerimage per il corto “Bad Lyrics” di Marcin Maziarzewski. Ha una remora a partecipare al festival, che celebra l’arte della cinematografia.

“Sono contenta di essere stata invitata, ma sarebbe bello se ci fosse anche un festival Soundimage per i tecnici del suono o Designimage per i designer di produzione. Personalmente, sono contrario all’idea di favorire una professione rispetto al resto del team. Un tale approccio gerarchico può essere dannoso”, dice, ammettendo che tende a cercare il “cinema personale” quando seleziona i suoi progetti.

“Per me, il cinema personale è il tipo di cinema che ti fa pensare. Non si tratta necessariamente di persone che parlano di se stesse, ma di come vedono il mondo e perché. In ‘Songs About Love’, Tomek Habowski parla del mondo che conosce e io ci credo. Sento che è su di me e per me”, dice, citando l’ultimo film di Łukasz Grzegorzek “My Wonderful Life” come una collaborazione particolarmente soddisfacente. Bilska ha già lavorato in “Kamper” e “A Coach’s Daughter” di Grzegorzek.

“Questo è il tipo di cinema che sto cercando, che non riguarda solo la realizzazione dei miei sogni professionali, ma anche i miei sogni come spettatore. Con ‘My Wonderful Life’, penso di essere andata più vicina a realizzarlo finalmente”, dice.

Bilska è rappresentata da Match & agenzia di management Spark.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you