Asiatica Film Mediale

Una recensione di Chiara: il dramma italiano avvincente è coinvolgente e tematicamente ricco

Una recensione di Chiara: il dramma italiano avvincente è coinvolgente e tematicamente ricco
Marco

Di Marco

27 Maggio 2022, 14:48


Anche se a volte può assomigliare a uno, A Chiara non è un film di formazione nel senso tradizionale. È legato alla prospettiva della sua protagonista quindicenne, sì, ma per quanto cerchi di farsi strada con gli artigli, il film non è progettato per tracciare la sua transizione dall’infanzia alla (giovane) età adulta. È invece il concetto di “crescita” che lo scrittore-regista Jonas Carpignano si propone di interrogare. Incastonato in una struttura sociale e familiare che pone grande enfasi sulla pietra miliare della crescita, a un livello che si rivela sempre più sinistro, A Chiara con calma e forzatura sostiene il diritto all’autodeterminazione di un minore rivelando quanto sia facile per qualcuno essere legati a una vita che non avrebbero scelto per se stessi.

Questo dramma in lingua italiana ambientato nella regione meridionale della Calabria inizia quando Chiara (Swamy Rotolo) e la sua famiglia si riuniscono per celebrare il 18° compleanno di sua sorella Giulia (Grecia Rotolo). L’atmosfera festosa di discorsi e balli si inasprisce più tardi quella notte quando un’auto viene bombardata davanti alla casa di Chiara e lei assiste alla fuga a piedi di suo padre, Claudio (Claudio Rotolo). Quando la madre della ragazza, Carmela (Carmela Fumo), respinge la sua richiesta di risposte dicendole che è troppo giovane e non capirebbe, è frustrata ma imperterrita. Quando apprende dal telegiornale che Claudio è ricercato dalle autorità in relazione alla ‘ndrangheta, la mafia che ha profonde radici nella sua regione, decide di trovarlo facendo l’unica cosa che potrebbe metterla maggiormente a rischio: fare domande .

Claudio Rotolo in La Chiara

Anche se giovane e pericolosamente fuori di sé, Chiara è una forza di determinazione e il film procede al ritmo costante che stabilisce. Il suo slancio è tale che lo spettatore raramente si ferma a pensare a meno che Carpignano non lo desideri, elaborando gli eventi solo in termini di come Chiara si sente riguardo a loro fino a quando un po’ di dialogo mette improvvisamente a fuoco il quadro più ampio. Dal momento che questi sono i suoi parenti che sta perseguitando, non si sente mai in pericolo fisico e, per molto tempo, le scene non funzionano in quel modo nemmeno per il pubblico. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che il cast non professionista è tutta la famiglia della star nella vita reale e il loro affetto per lei sembra totalmente genuino. In che modo sentire parlare della criminalità di suo padre dovrebbe superare la realtà della persona che ha vissuto per tutta la vita? Come può un macabro aneddoto sulla ‘ndrangheta convincere lo spettatore che il Claudio che hanno incontrato potrebbe mai nuocere a sua figlia?

La cosa intelligente dell’approccio di A Chiara a questo argomento è che non cerca mai di convincere il suo pubblico che il viaggio di questa ragazza potrebbe finire con la violenza. Mentre lavora per sfondare la porta del mondo criminale, diventa chiaro che la minaccia non è davvero per il suo corpo, ma per la sua anima. Chiara non è una intrusa; le risposte che richiede le saranno date liberamente, se solo aspettasse di essere abbastanza grande per ascoltarle. Diventa gradualmente chiaro, forse più rapidamente per lo spettatore che per Chiara, che ciò che ha davvero scoperto è uno sguardo al proprio futuro, almeno quello che la sua famiglia le ha preparato. Una volta che la drammatica domanda diventa se questa ragazza di 15 anni può sfuggire al suo destino cercando la verità, e se lo vorrà anche se la trova, A Chiara diventa un avvincente orologio.

Swamy Rotolo in A Chiara

Carpignano non lascia che la narrativa e le performance facciano tutto il lavoro, tuttavia, e una serie di tocchi di regia soggettiva aggiungono profondità tematica alla lotta di Chiara. Il sound design gioca un ruolo importante qui, abbandonandosi in alcuni punti quando la protagonista sente il peso di una scelta che non sa ancora di dover fare, ma che in qualche modo sembra anticipare. Un motivo della sua corsa su un tapis roulant, nel momento una metafora diretta della sua situazione, diventa una chiave avvincente per comprendere il finale del film senza, fortunatamente, soffocare la possibilità di interpretazioni multiple. A Chiara è un film con cui non solo ci si diverte a guardare svolgersi, ma anche sedersi, rimuginare e discutere con gli amici nei giorni a seguire. Gli spettatori farebbero bene a non lasciarlo passare.

A Chiara nelle sale venerdì 27 maggio. Il film dura 121 minuti ed è classificato R per alcuni contenuti linguistici e di droga.

Date chiave di uscita A Chiara (2022)Data di uscita: 27 maggio 2022


Potrebbe interessarti

Il video di Doctor Strange 2 mostra le scene di BTS of America Chavez con Wanda
Il video di Doctor Strange 2 mostra le scene di BTS of America Chavez con Wanda

Attenzione: questo articolo contiene SPOILER per Doctor Strange 2 Un video di Doctor Strange in the Multiverse of Madness mostra il dietro le quinte delle scene di America Chavez con Wanda Maximoff. Il sequel di Doctor Strange è l’ultimo film della Fase 4 del MCU ed è stato diretto da Sam Raimi. Doctor Strange 2 […]

Recensione Deep In The Forest: una moderna guerra civile con grandi idee, cattiva esecuzione
Recensione Deep In The Forest: una moderna guerra civile con grandi idee, cattiva esecuzione

Lo sceneggiatore e regista Jeremy Dylan Lanni (Heal Thyself) e il co-sceneggiatore Pasquale Lanni affrontano l’attuale stato politico americano in Deep in the Forest. Il film sta cercando di catturare il futuro e si può sentire quello sforzo nella maggior parte delle scene. Sfortunatamente, il film vacilla fino agli ultimi cinque minuti e offre poche […]