Notizie Serie TVUna lega della loro stessa star spiega la mancanza...

Una lega della loro stessa star spiega la mancanza di rappresentazione gay del film

-


La star del cinema Rosie O’Donnell chiarisce la mancanza di rappresentazione gay del film. Il film A League of Their Own è stato diretto da Penny Marshall. È stato rilasciato nel 1992 e si è concentrato sull’evoluzione della prima lega di baseball professionistica femminile. È liberamente ispirato alla creazione di una squadra in particolare, i Rockford Peaches. O’Donnell interpreta Doris Murphy, la terza base della squadra. Altri attori nel film includevano Tom Hanks, Geena Davis, Madonna e Ann Cusack.

A League of Their Own è diventato presto un film sportivo classico moderno dopo la sua uscita. Ora, il film è stato adattato in una serie TV comica con lo stesso nome. La serie è stata co-creata da Will Graham e Abbi Jacobson di Broad City, e vede la stessa Jacobson insieme a Chanté Adams, D’Arcy Carden, Gbemisola Ikumelo e Dale Dickey. A differenza del film degli anni ’90, il programma televisivo A League of Their Own è sfacciatamente queer, mostrando la rappresentazione di personaggi e relazioni gay frequentemente tra i compagni di squadra rappresentati nello spettacolo. O’Donnell fa anche una breve apparizione nella serie TV.

O’Donnell spiega la disparità tra la rappresentanza nelle due entità A League of Their Own in una recente intervista a Late Night con Seth Meyers. Quando stavano girando A League of Their Own, erano i primi anni ’90. O’Donnell definisce questo come “un tempo diverso” in cui “nessuno era fuori”. Marshall non ha avuto l’opportunità di mostrare la rappresentazione che esisteva nella vita reale a causa della mancanza di rappresentazione e accettazione delle persone gay. Attraverso la storia dell’incontro con uno dei veri membri dei Rockford Peaches, O’Donnell ha mostrato come questa mancanza di rappresentazione in realtà non rappresentasse la realtà. Piuttosto, alcune delle donne che ha incontrato avevano avuto relazioni omosessuali (che lo dicessero apertamente o meno) per decenni. Dai un’occhiata alla citazione completa di O’Donnell di seguito:

“Quando guardo lo spettacolo, non posso credere che siamo in grado di avere una rappresentazione reale. Sai, quando abbiamo realizzato la serie vera e propria, abbiamo incontrato i membri originali dei Peaches. E loro avrebbero, sai, 88 anni, e direbbero “uh, questa è la mia coinquilina Betsy”. Sono tipo ‘oh ciao, Betsy, um ovviamente hai giocato come interbase.’ E lei dice ‘Sì, l’ho fatto’ e io sono tipo ‘Va bene, e da quanto tempo siete coinquilini?’ “Oh, 52 anni.” Ed è solo che la società è cambiata così tanto. La gente non si rende conto, dicono, perché non l’ha fatto Penny [Marshall] aggiungerlo? Bene, nel 1991 quando stavamo girando, nessuno era fuori! Voglio dire, KD Lang non era fuori. Era un’altra epoca. E non riuscivo davvero a credere a dove siamo andati in 30 anni, anche se c’è molto altro da fare, e penso che la rappresentazione sia il primo passo, penso che Abby Jacobson sia uscito dal parco, per così dire, in questo Lega delle loro stesse cose. L’ha fatto davvero”.

Sebbene né A League of Their Own sia basato direttamente su persone reali, la storia è comunque ispirata da eventi veri. Dal racconto di O’Donnell, lo show televisivo non solo è una spinta alla rappresentazione estremamente soddisfacente, ma è in realtà una rappresentazione più efficace della realtà. Le vere donne dietro questo campionato di baseball includono molte donne gay e la serie TV A League of Their Own lo mostra chiaramente.

La rappresentazione in A League of Their Own è una spinta positiva che può far sentire le persone viste mentre vengono raccontate storie più accurate e aperte. La stessa O’Donnell è apertamente gay e dalla sua intervista si può dire quanto questo significhi personalmente per lei. Lei, insieme ad altre star come Ellen Degeneres, era in prima linea tra le celebrità che facevano coming out negli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000, quando il matrimonio gay non era legale nella maggior parte dei posti negli Stati Uniti e quando essere gay non era così ampiamente accettato come era è ora. Vedere una tale evoluzione nella vita di O’Donnell, attraverso una storia con A League of Their Own, sembra toccarla profondamente. A League of Their Own si sta rivelando un altro passo importante verso una rappresentazione queer equa e accurata nei media.

Fonte: A tarda notte con Seth Meyers

Ultime News

La seconda stagione di Stranger Things ha quasi ucciso Bob

Secondo gli autori di Stranger Things, il personaggio preferito dai fan della seconda stagione, Bob Newby, è stato...

Il videogioco Oregon Trail è in fase di sviluppo come film musicale

Il videogioco Oregon Trail vedrà ora una rinascita insolita grazie a un adattamento musicale del film. L'Oregon...

Il direttore del telefono di Mr. Harrigan condivide il coinvolgimento di Stephen King

Il regista di Mr. Harrigan's Phone, John Lee Hancock, rivela che Stephen King è stato molto coinvolto in...

Mila Kunis rivela di essere letteralmente invecchiata nel casting del film di Ted

Mila Kunis rivela di essere invecchiata nel suo ruolo nella commedia Ted. Il creatore di I Griffin...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te