Asiatica Film Mediale

Un dirigente di HBO si apre sul finale della serie acclamata dalla critica, nonostante avesse voluto di più.

Un dirigente di HBO si apre sul finale della serie acclamata dalla critica, nonostante avesse voluto di più.
Debora

Di Debora

23 Marzo 2023, 20:14



Un dirigente di HBO si è espresso apertamente sul desiderio di avere molte altre stagioni di Succession, amata dalla critica. Solo poche settimane prima del ritorno della serie con nuovi episodi è stato confermato che la quarta stagione sarebbe stata l’ultima. La decisione di concludere il dramma è stata presa naturalmente poiché la saga della famiglia Roy aveva raggiunto un punto di arrivo naturale.

In una conversazione con Variety, il presidente e CEO di HBO e HBO Max Content, Casey Bloys, si è espresso apertamente sulla sua volontà di avere ancora più episodi della celebre serie. Parlando a Series Mania, poco prima dell’inizio della quarta stagione di Succession, in onda dal 26 marzo su HBO, Bloys ha dichiarato che avrebbe voluto ancora episodi in più, ma che il creatore della serie, Jesse Armstrong, sentiva che fosse giusto concluderla in quel modo. Nella citazione sottostante, Bloys non fa mistero del fatto che avrebbe accettato altre due stagioni:

“Avrei voluto altre stagioni, ma in generale queste sono cose che si lasciano ai creatori. In questo caso, Jesse ha sentito che fosse la giusta conclusione. Sa che c’è una porta aperta e, se lo desiderasse, avrebbe potuto fare ancora altro. Ma questa è l’ideale per concludere la sua serie come vuole, raccontando la storia che vuole. Se avesse detto: ‘Ho altre due stagioni’, avrei detto: ‘Ok, fantastico’”.

Le prime recensioni della quarta stagione di Succession, da parte dei critici che hanno visto i primi episodi, affermano che la serie potrebbe concludersi al meglio, sfruttando l’umorismo pungente e l’incertezza eccitante che hanno reso la famiglia Roy alcuni dei personaggi più affascinanti in televisione. Armstrong riconosce che ci sono alcune situazioni in cui Succession avrebbe potuto continuare, ma non sarebbe stata la stessa serie.

Nel suo annuncio iniziale riguardo alla fine di Succession, il creatore e showrunner della serie ha menzionato come fosse stata presa in considerazione l’idea di continuare “per sempre” e trasformare “la serie in qualcosa di diverso, un programma più vario e divertente, dove ci sarebbero state settimane buone e cattive”. Con quella direzione, Succession avrebbe potuto diventare una commedia drammatica; con gli spettatori che si sarebbero sintonizzati perché amano trascorrere del tempo con i personaggi in quell’universo. Ma questo non sarebbe stato ciò che avrebbe guadagnato l’amore e l’adorazione dell’Emmy, ovvero la complessità del tifare per individui spregevoli a causa degli alti stake e della tensione costante.

Se le lodi continueranno per tutta la quarta stagione, Succession avrà la possibilità di fare ciò che poche altre serie sono riuscite a fare, ovvero concludersi al top. Questo è l’ideale invece di continuare oltre il punto in cui la buona volontà e i ricordi piacevoli vengono compromessi. È positivo che Bloys sia d’accordo su questo punto.

Fonte: Variety


Potrebbe interessarti

Ted Lasso ira i fan del calcio nella vita reale con uno striscione di Roy Kent.
Ted Lasso ira i fan del calcio nella vita reale con uno striscione di Roy Kent.

Ted Lasso infuria i tifosi di calcio nella vita reale con un banner di Roy Kent del Chelsea digitalmente alterato. Nella terza stagione di Ted Lasso, episodio 1, il leggendario e burbero allenatore di calcio di Richmond, interpretato da Brett Goldstein, si separa dalla sua fidanzata Keeley, molto dispiaciuta anche sua adorabile nipote Phoebe. Nell’episodio […]

L’attore protagonista di The Night Agent Star ha rischiato di perdere il ruolo nella serie Netflix a causa della sua barba.
L’attore protagonista di The Night Agent Star ha rischiato di perdere il ruolo nella serie Netflix a causa della sua barba.

The Night Agent ha una serie di attori di grande talento in alcuni dei loro ruoli più importanti, ma uno di loro ha rischiato di perdere l’opportunità a causa della sua barba. Creata da Shawn Ryan (S.W.A.T., The Shield), The Night Agent racconta la storia di un agente dell’FBI di basso livello e di un […]