Asiatica Film Mediale

Tutti i paralleli MCU e DCEU nel film L’alba dei sette per ragazzi

Tutti i paralleli MCU e DCEU nel film L’alba dei sette per ragazzi
Debora

Di Debora

06 Giugno 2022, 18:18


ATTENZIONE: Spoiler in vista per la stagione 3 di The Boys

Hai individuato ogni parallelo tra MCU e DCEU nella brillante parodia di “Dawn of the Seven” di The Boys? Basato sui fumetti originali di Garth Ennis e Darick Robertson (che si sono dilettati nel denigrare la produzione di fumetti Marvel e DC), il programma televisivo live-action di Amazon The Boys esiste in un’era in cui ogni altro film di successo è interpretato da quello che Billy Butcher potrebbe definire “un dannato supe .” Con così tanto materiale su cui lavorare, non sorprende che le parodie stiano mangiando bene nel 2022. The Boys ha selezionato i migliori tropi MCU e DCEU per la sua zuppa satirica, sia che si tratti di modellare Vought dopo uno studio importante, sia per le battute costanti riguardo alla “demografia” dei supereroi.

Il capo dell’arsenale di The Boys è “Dawn of the Seven” – un film di squadra nell’universo interpretato da Vought’s Seven (o comunque molti membri siano vivi durante le riprese). Il progetto viene menzionato per la prima volta nella seconda stagione, ma l’episodio di apertura della terza stagione di The Boys (“Payback”) inizia alla premiere di “Dawn of the Seven” dopo una turbolenta produzione che coinvolge eroi riassunti e una sorpresa nazista.

Ora che “Dawn of the Seven” è stato finalmente rilasciato (non nella vita reale, purtroppo, anche se possiamo sperare) e la stagione 3 di The Boys si sta muovendo verso pascoli a forma di Soldier Boy, guardiamo indietro a ogni tropo MCU e DCEU e imbavagliamo questo il film falso ha gettato la nostra strada.

Il titolo e il poster di Dawn Of The Seven simulano Batman V Superman

Iniziando come significa per andare avanti, il titolo “Dawn of the Seven” rappresenta un chiaro cenno al Batman V Superman: Dawn of Justice del DCEU, ma il parallelo va ben oltre un solo nome. Rivelato per la prima volta durante l’esplosiva scena della morte di Susan Raynor nella seconda stagione di The Boys, il poster di “Dawn of the Seven” è un grande “7” metallico su uno sfondo grigio canna di fucile, con scritte che sfumano dal bianco al grigio e divisori che separano le righe di testo. Questa colorazione, design e layout sono praticamente identici al poster pubblicato per l’incendio critico di Zack Snyder del 2016 con protagonista l’Uomo d’Acciaio e il Crociato Incappucciato.

L’alba dei sette è un film “VCU”.

Ogni grande franchise ha il suo universo cinematografico condiviso in questi giorni e Vought non è diverso. “Dawn of the Seven” dei ragazzi esiste all’interno del franchise “VCU”, un gioco su entrambe le configurazioni MCU e DCEU.

La sessione dello storyboard del regista è uno scherzo di Zack Snyder

Nella seconda stagione di The Boys, il regista di “Dawn of the Seven” Adam Bourke propone il suo concept cinematografico, parlando animatamente dei Sette attraverso uno storyboard disegnato nello stile di un fumetto. La scena fa riferimento al modo in cui il regista di Batman V Superman: L’alba della giustizia, Zack Snyder, è famoso per aver incorporato pannelli di fumetti all’interno degli storyboard dei suoi film, seguendo fedelmente le immagini del materiale originale in adattamenti come 300 e con “Il ritorno del cavaliere oscuro” per Batman V Superman in particolare.

La composizione di Hans Zimmer e la riscrittura di Joss Whedon

Il tono originale di “Dawn of the Seven” di Adam Bourke nella seconda stagione di The Boys specificava chi avrebbe gestito i compiti musicali per la grande squadra di Vought: Hans Zimmer. Il famoso compositore ha scritto brani su entrambi i lati della divisione Marvel/DC di Hollywood, ma soprattutto per i nostri scopi, questi includono Man of Steel del 2013 e il suo seguito DCEU, Batman V Superman: Dawn of Justice. Homelander in seguito conferma che “Joss” ha contribuito a riscrivere la sceneggiatura di “Dawn of the Seven”, facendo cadere un riferimento ironico a come Joss Whedon ha sostituito Zack Snyder in Justice League.

Una battaglia della Vought Tower a New York copia The Avengers

La battaglia principale di “Dawn of the Seven” dei ragazzi si svolge nelle strade devastate di New York City, con una stanca Seven Tower che fornisce un punto focale centrale. L’ambientazione ricorda deliberatamente The Avengers della Marvel del 2012, dove la squadra titolare combatte contro Loki a New York City sullo sfondo della Stark Tower.

Il filtro Dawn Glow dalle scene di Knightmare del DCEU

Noterai immediatamente la parodia di “Dawn of the Seven” di The Boys è intrisa di un bagliore dorato permanente e opprimente da cinema. Da un lato, The Boys usa questo effetto per segnalare i passaggi narrativi dalla realtà alle scene di “Dawn of the Seven”. Dall’altro, è un divertente passaggio visivo alle sequenze DCEU Knightmare di Batman V Superman: Dawn of Justice e Justice League di Zack Snyder. Questi flashforward post-apocalittici sono indicati da un filtro arancione sabbioso come se il sole sorgesse costantemente e l’effetto utilizzato da “Dawn of the Seven” è praticamente identico.

CGI Alien Fodder Villains – Chitauri e Parademons

Quando la regina Maeve sta girando le scene per “L’alba dei sette” nella seconda stagione di The Boys, un paio di stuntmen in tute verde brillante e caschi argentati passano davanti tenendo grandi bastoni. Questi sono i nemici più importanti del film: è facile uccidere i guerrieri alieni disseminati sul campo di battaglia, dando ai nostri eroi qualcosa da combattere prima dell’evento principale. L’MCU e il DCEU sono entrambi colpevoli di questo tropo. La Marvel è stata la prima nel 2012 in The Avengers, dove gli invasori Chitauri hanno devastato New York, prima che Justice League seguisse l’esempio nel 2017 con i suoi Parademons.

La cattiva rappresentazione di Dawn Of The Seven

Nonostante i (molto) graduali segni di progresso, i film DC e Marvel non si sono coperti di gloria quando si tratta di diversità e rappresentazione. Le accuse di razzismo di Ray Fisher contro coloro che sono coinvolti nel DCEU sono ben documentate, mentre il franchise è prevalentemente eterosessuale nonostante coinvolga personaggi queer canonici come Wonder Woman. L’MCU ha attirato critiche giustificate per non aver pubblicato un film solista con protagonista femminile fino a Black Widow nel 2021 e per il suo tentativo simbolico di rappresentazione LGBTQ + in Avengers: Endgame.

I ragazzi prendono di mira questi fallimenti con una precisione tipicamente spietata. Innanzitutto, Vought aggiunge un cinico momento “Brave Maeve” per sfruttare la rivelazione pubblica della sua sessualità, chiarendo che la società sta cercando di sfruttare un mercato piuttosto che ampliare sinceramente la diversità del loro franchise cinematografico. In secondo luogo, Maeve si unisce a Starlight e Stormfront per una scena condiscendente “le ragazze lo fanno” che si è trovata comprensibilmente paragonata al momento A-Force di Avengers: Endgame.

Greg Grunberg interpreta l’agente Coulson

Interpretato dal franchise-hopper preferito da tutti, Greg Grunberg, la stagione 2 di The Boys presentava l'”Agente Pearson” – un agente segreto fidato e di buon cuore alleato dei Sette. I fan dell’MCU tracciano rapidamente l’ovvio parallelo con l’agente Coulson di Clark Gregg.

#ReleaseTheBourkeCut riff sulla controversia DCEU Snyder

La terza stagione di The Boys rivela come le tendenze naziste di Stormfront abbiano quasi portato “Dawn of the Seven” all’inferno dello sviluppo, fino a quando una campagna di fan su #ReleaseTheBourkeCut ha spinto Vought a finire il film. L’intero scenario – e in particolare l’hashtag – parodia di come #ReleaseTheSnyderCut sia seguito sulla scia di Justice League del 2017 e alla fine abbia portato alla premiere di Justice League di Zack Snyder nel 2021.

Le numerose riprese di Dawn Of The Seven

Durante la premiere di “Dawn of the Seven” della terza stagione di The Boys, diventa chiaro che il film ha subito numerose riprese grazie sia alla fedeltà a Hitler di Stormfront, sia al primo taglio tristemente povero di Andy Bourke. La Justice League della Warner Bros è ancora una volta la battuta finale qui, con Joss Whedon che famigerato riprese di ampie fasce di filmati. La gag di reshoot di The Boys forse si applica anche su scala più ampia, con i pickup ora sempre più comuni per i film di supereroi (vedi Doctor Strange in the Multiverse of Madness per il pandemonio di post-produzione più recente).

Dawn of the Seven è stato quasi scaricato su Vought+

Adam Bourke ammette a un giornalista che Vought ha quasi scaricato “Dawn of the Seven” su Vought+, il servizio di streaming interno della società immaginaria. Ancora una volta, questa gag mette in gioco sia la DC che la Marvel. La frase fa riferimento direttamente al modo in cui la Warner Bros. ha rilasciato Justice League di Zack Snyder su HBO Max, ma indirettamente allude alla controversia tra Marvel (più specificamente, Disney) e Scarlett Johansson quando Black Widow ha ottenuto un rilascio lo stesso giorno su Disney+.

La scena della battaglia finale di Corny

La battaglia finale di un determinato film di supereroi prevede inevitabilmente una scena in cui i supereroi si riuniscono contro il cattivo finale, facendo battute sul lavoro di squadra, sul non mollare mai o qualcosa di altrettanto banale. “Dawn of the Seven” non è diverso, poiché quando Stormfront chiede se Homelander intende portarla giù da solo, i restanti membri dei Seven appaiono con Starlight che scherza: “Non è solo”. Scegli le scene corrispondenti dal canone MCU e DCEU: l’assemblea dei Vendicatori a New York, la resistenza finale di Sokovia, il momento “alla tua sinistra”, la suddetta scena A-Force, l’arrivo di Wonder Woman in Batman V Superman, Cyborg’s ” Non sono solo” citazione da Justice League di Zack Snyder…

Il cameo della terza stagione di Big The Boys di Charlize Theron

La terza stagione di The Boys presenta un casting acrobatico geniale con Charlize Theron nei panni di se stessa nel ruolo di Stormfront in “Dawn of the Seven”. Che sia per coincidenza o per design, questa meta parodia colpisce il chiodo dell’MCU proprio sulla sua testa dopo i titoli di coda, poiché appena un mese prima dell’inizio dello streaming di “Payback”, Theron ha fatto un cameo altrettanto scioccante in Doctor Strange in the Multiverse of Madness.

Unisciti ad Amazon Prime: guarda migliaia di film e programmi TV in qualsiasi momento

Inizia subito la prova gratuita

The Boys continua venerdì su Prime Video.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Il trailer dello show di Resident Evil rivela il live-action Licker e Giant Spider
Il trailer dello show di Resident Evil rivela il live-action Licker e Giant Spider

Gli zombi non sono gli unici pericoli che l’umanità dovrà affrontare in futuro, come si vede nel nuovo trailer dello show di Resident Evil. Basata sui videogiochi survival horror di Capcom, la serie sarà ambientata in due linee temporali del 2022 e del 2036, la prima delle quali sarà incentrata su due gemelle Jade e […]

Il trailer di One Piece BTS rivela un primo sguardo alle enormi navi pirata dello show
Il trailer di One Piece BTS rivela un primo sguardo alle enormi navi pirata dello show

L’adattamento manga live-action di One Piece di Netflix mostra le enormi navi pirata nella prossima serie. Basato sul manga di Eiichiro Oda, One Piece è scritto dai co-showrunner Matt Owens e Steven Maeda e ha come protagonista Iñaki Godoy nei panni di Monkey D. Rufy, un giovane pirata in viaggio per trovare il “pezzo unico” […]