Notizie Serie TVTrue Blood Star sul perché il suo carattere umano...

True Blood Star sul perché il suo carattere umano era così importante per lo spettacolo

-


La star di True Blood Carrie Preston ha rivelato perché il suo personaggio umano Arlene Fowler Bellefleur è stato fondamentale per lo spettacolo. Basato sui libri bestseller di The Southern Vampire di Charlaine Harris, True Blood è stato prodotto e creato da Alan Ball. Dal 2008 al 2014, la serie soprannaturale è andata in onda per sette stagioni su HBO, raccogliendo numerosi premi e una grande base di fan lungo la strada. La storia è incentrata su Sookie Stackhouse (Anna Paquin), una cameriera con poteri telepatici, che sta solo cercando di cavarsela nella città immaginaria di Bon Temps, in Louisiana. I vampiri sono ufficialmente usciti dalla bara grazie a un nuovo sangue sintetico, che permette loro di provare ad assimilarsi nella società. Quando Sookie rimane invischiata con il vampiro di 174 anni Bill Compton (Stephen Moyer), la vita come la conosce si capovolge.

Il dramma soprannaturale è stato ampiamente elogiato per il suo scintillante cast di personaggi ricorrenti, con Paquin che si è portato a casa un Golden Globe per la prima stagione di True Blood. Sebbene avesse dei poteri, era uno dei personaggi più radicati nello show, che pullulava di vampiri, lupi mannari, stregoni e altro ancora. Sookie ha lavorato come cameriera al Merlotte’s Bar and Grill, che fungeva da ancora per la serie stravagante. La sua collega era Arlene Fowler Bellefleur, un essere umano interpretato da Preston, che era incline al bigottismo contro il mondo soprannaturale. Nonostante ciò, aveva un buon cuore e ha fornito molti dei momenti più affascinanti dello spettacolo.

La Preston ha recentemente parlato con The List di interpretare Arlene in True Blood, dicendo che spesso sentiva di essere quasi in un suo show separato come personaggio umano. La star di Claws ha detto alla pubblicazione che si sentiva a casa da Merlotte’s, che era essenzialmente un’ambientazione fondamentale per la serie. Preston dice che il bar sembrava un “posto reale” durante le riprese. Leggi i suoi commenti completi qui sotto:

“Voglio dire, ogni volta che penso a “True Blood”, penso a Merlotte’s. Penso al ristorante perché il mio personaggio era questa cameriera. E così, ero in questo spettacolo su un bar, e tutti gli altri erano in questo spettacolo soprannaturale dove le persone facevano cose pazze con personaggi soprannaturali, e il mio personaggio era davvero una specie di tenere premuto il forte umano. Quindi, penso a tutto questo. Tutti i giorni e le ore e le ore che abbiamo trascorso in quel ristorante e in quel bar, e sembrava un posto vero, reale. Anche se era un set su un palcoscenico, mi sembrava davvero, mi sentivo a casa lì dentro… Sento che sarebbe stato sbagliato se il mio personaggio fosse diventato un vampiro o qualcosa. Aveva davvero bisogno di incarnare e rappresentare il Sud e l’elemento umano della storia perché era una delle ultime in piedi davvero”.

Non sorprende che Preston abbia il posto più caro nel suo cuore per il Merlotte di True Blood, poiché è lì che sono state girate la maggior parte delle sue scene. In effetti, alla fine il suo personaggio assume la proprietà dell’hotspot da Sam Merlotte (un altro personaggio integrale), rebranding Bar and Grill di Bellefleur con un nuovo look. Preston si unisce a molti dei suoi co-protagonisti e innumerevoli fan, che non trasudano altro che amore per il luogo iconico. In effetti, numerosi spettatori hanno provato senza fortuna a prendere un drink nell’ambientazione immaginaria nel corso degli anni. La verità è che la produzione ha costruito una facciata appena fuori dal lotto della Warner Bros., con l’interno esistente su un palcoscenico. Mentre Merlotte’s, e poi Bellefleur’s, non sono mai stati lontani dal dramma ultraterreno, (insieme ad Arlene) ha rappresentato l’umanità in molti modi.

True Blood non sarebbe stato certamente lo stesso spettacolo senza il battito di Merlotte al suo interno. Il bar e la griglia erano essenzialmente un luogo in cui il pubblico poteva sedersi e prendere un alito unto da tutti i colpi di scena soprannaturali, con Arlene che fungeva da ancoraggio umano riconoscibile per gli spettatori. Simile a Pop’s Chock’Lit Shoppe su Riverdale o McLaren’s Pub su How I Met Your Mother, Merlotte’s era un hub immutabile per i personaggi da riunire. Come dice Preston, Arlene è stata fondamentale nel “tenere premuto il forte umano” al bar, e la serie semplicemente non sarebbe stata la stessa senza il suo punto di vista. Con il discorso di un riavvio di True Blood sulle carte, si spera che i fan possano incontrarla di nuovo.

Fonte: la lista

.item-num::after { content: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

Latest news

Le prime stagioni di Le bizzarre avventure di JoJo finalmente ottengono il doppiaggio

La piattaforma Netflix ha aggiornato il suo catalogo in America Latina, aggiungendo infine i doppiaggi in spagnolo latino...

L’abominio di Roth crea uno scontro perfetto con Hulk (ma con un problema)

La recente presa in giro di Tim Roth dell'apparizione dell'Abominio in She-Hulk crea un potenziale scontro con Bruce...

Il pubblico di Daredevil aumenta notevolmente dopo No Way Home e Occhio di Falco

Daredevil di Netflix sta attualmente vedendo i fan tornare a rivedere la serie sulla scia dell'enorme personaggio rivelato...

Netflix svela in anteprima il doppiaggio di Komi-san wa, Komyushou Desu

La piattaforma Netflix ha rivelato attraverso la sua applicazione mobile un'anteprima del doppiaggio in spagnolo latino dell'adattamento anime...

Le foto dal set di Creed 3 rivelano il ritorno di Michael B. Jordan nei panni di Adonis

Le nuove foto dal set di Creed 3 rivelano il ritorno di Michael B. Jordan nei panni di...

La scena eliminata di Occhio di Falco introduce correttamente Kingpin nel Flashback di Echo

Una scena eliminata da Occhio di Falco arriva e introduce Kingpin correttamente nella scena del flashback di Echo...

Must read

You might also likeRELATED
Recommended to you