Asiatica Film Mediale

The Equalizer 4 è ancora possibile in una sola condizione

The Equalizer 4 è ancora possibile in una sola condizione
Erica

Di Erica

30 Agosto 2023, 20:25



Il regista Antoine Fuqua ha rivelato che un quarto film della serie Equalizer non è escluso, ma Denzel Washington dovrebbe tornare nel ruolo di McCall per poterlo dirigere. Fuqua ritiene che The Equalizer 3 sarà probabilmente la fine della serie, ma la notevole forma fisica di Washington gli permetterebbe di girare un altro capitolo se volesse farlo. Nonostante l’interesse del pubblico per la saga d’azione rimanga stabile, potrebbe essere meglio concludere la serie in modo trionfale anziché lasciarla affievolire con un capitolo meno riuscito.

Il regista Antoine Fuqua rivela che The Equalizer 4 non è ancora escluso, ma c’è una condizione che deve essere soddisfatta. Dopo due precedenti film di successo, Denzel Washington torna nel ruolo dell’assassino in pensione Robert McCall per un’altra avventura, questa volta in Italia. Il prossimo film, che vede McCall affrontare la mafia italiana, è considerato come il capitolo finale della serie.

Prima dell’uscita di The Equalizer 3, Fuqua rivela a EW che considererebbe di tornare a dirigere un quarto film, ma solo se Washington volesse tornare nel ruolo di McCall. Nonostante questa condizione, però, il regista sembra molto sicuro che questo sia la fine della strada. Di seguito il suo commento completo: “Credo che questo sarebbe tutto. Abbiamo entrambi parlato in questo modo. Ma non si sa mai! Ascolta, Denzel è in forma. Si allena tutti i giorni. Se lo vedessi adesso, ti stupirebbe. Ha perso anche 27 chili, rispetto a The Equalizer. E’ davvero in salute. Sì, dipende da lui. Ovviamente, se volesse farne un altro, lo farei anche io, ma non lo vedo. Ma chi lo sa?”

Entrambi i precedenti film di Equalizer sono stati solidi successi al botteghino, con il primo e il suo sequel che hanno incassato poco più di 100 milioni di dollari ciascuno. Si prevede che l’apertura al botteghino di The Equalizer 3 sarà leggermente più bassa rispetto ai predecessori, ma sembra probabile che il totale incassato del film non sarà troppo lontano quando tutto sarà detto e fatto. Chiaramente, l’interesse del pubblico per la saga d’azione rimane abbastanza stabile, il che significa che se un quarto film dovesse accadere, probabilmente non ci vorrebbe molto per coinvolgere il pubblico.

Detto ciò, Washington ha ormai quasi 70 anni e ad un certo punto non sarebbe più credibile vederlo eliminare hordes di criminali con precisione millimetrica. Sì, il 71enne Liam Neeson lo fa regolarmente, ma i suoi nuovi film d’azione non hanno lo stesso impatto che Taken ha avuto nel 2009. Potrebbe quindi essere opportuno concludere le cose in grande invece che in modo sottotono.

The Equalizer 3 sarà anche abbastanza diverso dai suoi predecessori in alcuni modi, ponendosi come un capitolo finale. Spariti sono i cupi scenari della East Coast dei primi due film, sostituiti invece dalle splendide viste della Costiera Amalfitana. McCall sembra anche aver trovato un potenziale partner romantico in questa occasione, oltre a una serie di nuovi amici. Dopo così tanto spargimento di sangue, McCall sembra meritarsi un lieto fine nel prossimo film anziché essere nuovamente strappato dalla sua ritirata per uccidere altri teppisti in The Equalizer 4.


Potrebbe interessarti

David Ayer, Capo della DC Films? Il regista di Suicide Squad, con un incasso di 746 milioni di dollari, credeva di essere stato in lizza.
David Ayer, Capo della DC Films? Il regista di Suicide Squad, con un incasso di 746 milioni di dollari, credeva di essere stato in lizza.

Il regista di Suicide Squad, David Ayer, ha aperto sul fatto di aver pensato che la Warner Bros. lo stesse forse considerando come supervisore dell’universo cinematografico della DC. Nonostante i loro sforzi, la DC ha avuto grandi difficoltà nel gestire un universo cinematografico di successo basato sui personaggi dei fumetti della DC. Dalle poche performance […]

Rebel Moon ottiene un titolo e una tagline più sinceri nel poster giocoso
Rebel Moon ottiene un titolo e una tagline più sinceri nel poster giocoso

Sommario Rebel Moon di Zack Snyder, originariamente respinto da Lucasfilm, è un’opera spaziale matura su una ribellione guidata da Kora. Un poster creato dai fan rinomina in modo umoristico Rebel Moon come “Sexy Star Wars” e sostituisce il slogan con una descrizione spiritosa. Secondo Snyder, Rebel Moon è influenzato non solo da Star Wars ma […]