Asiatica Film Mediale

Streamer, ronzio dei premi che guidano il successo dei film internazionali

Streamer, ronzio dei premi che guidano il successo dei film internazionali
Erica

Di Erica

08 Novembre 2021, 12:16


Mentre i blockbuster hollywoodiani come “Dune” e “Non c’è tempo per morire” stanno dominando il box office americano, i titoli speciali in lingua straniera stanno dimostrando il loro coraggio nelle sale all’inizio dell’era post-pandemica.

Spinto dalla storica vittoria del miglior film di Bong Joon Ho per “Parasite” nel 2019, la stagione dei premi degli Stati Uniti non è mai stata più aperta alla tariffa non in lingua inglese, con lo scioccante “Titane” di Julia Ducournau, l’agghiacciante “Lamb” di Valdimar Jóhannsson e il sobrio “A Hero” di Asghar Farhadi che ottiene il buzz dell’Oscar in categorie che vanno oltre il lungometraggio internazionale.

Dove i grandi distributori statunitensi ora comprano meno di questi titoli, organizzazioni indipendenti come A24, Neon, IFC Films e Samuel Goldwyn Films si sono fatte avanti durante la pandemia, accaparrandosi i film in lingua straniera più caldi nel circuito dei festival.

“Una delle cose più sorprendenti ora è che ci sono così tanti [U.S.] compagnie che fanno film stranieri; non sono una o due compagnie a dominare”, dice Tom Bernard della Sony Pictures Classics, che spingerà “Parallel Mothers” di Pedro Almodóvar a Venezia nella corsa ai premi.

Bernard fa notare che oggi ci sono più modi per monetizzare i film stranieri, grazie agli streamer e al loro ritrovato potenziale di premi.

Sul lato negativo, Bernard dice che l’aumento della concorrenza per i film speciali internazionali ha spinto gli agenti di vendita a scatenare guerre di offerte, che favoriscono i distributori che possono spendere più soldi in anticipo e puntare sullo streaming rispetto alle uscite in sala. Bernard dice che la SPC, che ha prosperato con il suo modello teatrale, si è persa un certo numero di titoli da festival perché non era disposta a pagare troppo.

Citando i recenti risultati del box office domestico per “Lamb” di A24, che ha ottenuto più di 2,5 milioni di dollari fino ad oggi, e “Titane” di Neon, con più di 1,4 milioni di dollari, l’analista senior di Comscore Paul Dergarabedian dice: “Un film indie beneficia di un’uscita sul grande schermo tanto quanto un blockbuster”. Egli nota anche che nell’attuale mercato delle sale “qualsiasi film d’autore che guadagna più di un milione di dollari, per me, è un successo”.

Come sottolinea Émilie Georges, capo della società di vendita francese Memento Films International, anche il tipo di film in lingua straniera che si vende negli Stati Uniti sta cambiando.

“Un tempo, si aveva [sales for] grandi autori come Jacques Audiard e, di tanto in tanto, un film a sorpresa che era passato inosservato”, dice Georges.

Ma ora, nota, c’è una varietà di acquirenti per una vasta gamma di film.

“Quello che funziona ora sono i film con argomenti potenti che accendono un dibattito o una controversia”, dice.

Georges, che ha venduto “A Hero” di Farhadi in lingua farsi ad Amazon Studios, nota anche che “SVOD ha creato un’enorme dinamica per le entrate residue e che ha superato le entrate del DVD e dell’home entertainment tradizionale.”

Robert Aaronson, senior VP di Cohen Media Group, dice che il proprio canale SVOD della società – lanciato nel 2018 – ha visto un “bel bump in abbonamenti durante la pandemia”, ma ha continuato a comprare i pic stranieri più teatrali, tra cui il film in concorso a Cannes di Francois Ozon “Everything Will Be Fine” con Sophie Marceau. Aaronson dice che “il pubblico americano si è abituato ai sottotitoli grazie ai servizi di streaming, ma il pubblico principale dei film in lingua straniera sono i cinefili che continuano a rispondere ai film internazionali”.

Tuttavia un altro importante agente di vendita indie europeo, il capo di The Match Factory Michael Weber, parlando a un recente panel del MIA Market di Roma, ha lamentato “uno squilibrio tra ciò che viene prodotto e ciò che il mercato può assorbire, anche con tutte queste piattaforme.”

“Per noi si tratta di identificare i film che possono ancora trovare un pubblico”, ha detto Weber, citando il successo oltreoceano delle tre ore del giapponese Ryusuke Hamaguchi, “Drive My Car”, che ha tirato più di 1,4 milioni di dollari nelle sale francesi dopo il lancio da Cannes.

Negli Stati Uniti, IFC Films e Neon hanno dei precedenti con modelli di rilascio ibridi, sia day-and-date che una breve finestra nelle sale seguita da un rollout digitale. Queste strategie sono adatte ai film che hanno raggiunto un certo livello di attenzione mediatica dai lanci dei festival, ai film di genere che sono più giovani o ai film incentrati su temi con maggiori possibilità di copertura mediatica.

Arianna Bocco, capo di IFC Films, un fornitore chiave di film in lingua straniera negli Stati Uniti, chiama il day-and-date “un modello davvero sorprendente, ma non tutti i film sono taglia unica”.

Bocco sta cercando di costruire una campagna in sala per il vincitore del Leone d’Oro di Venezia “Happening” di Audrey Diwan, un film su una giovane donna che affronta un aborto illegale nella Francia degli anni ’60 – che avrà una finestra in sala di 45 giorni – e il film di Penélope Cruz-Antonio Banderas “Official Selection”.

La vera svolta per i titoli in lingua straniera, dice Bernard dell’SPC, è stata la spinta tra i proprietari di sale statunitensi ad adottare strategie digitali “per raggiungere i loro clienti che amano il cinema internazionale e i film di più alto valore artistico”.

Ora, grazie a queste spinte di marketing online, questi film stanno ottenendo più esposizione, dice Bernard.

“Il box office racconta la storia, ma d’altra parte non dice molto perché gli anziani e altri segmenti di pubblico non sono tornati nei cinema”, avverte Barnard. “Ma sicuramente sta tornando”.

“La cura è la chiave per il futuro”, dice l’esercente tedesco Christian Bräuer, capo della confederazione europea dei cinema d’essai CICAE. “We dobbiamo trovare nuovi modelli di business per il futuro, forse anche con gli streamer. Ma significa anche un aggiornamento tecnologico dei cinema d’essai e della comunicazione con i clienti”.

Dergarbedian di Comscore sottolinea che, anche ora, “i film specializzati possono spesso mettere più sederi in poltrona su una media per sala”.

“I numeri mostrano che il pubblico è interessato [in speciality titles]e che questa è una parte del business che penso prospererà una volta che tutto sarà di nuovo in pista”.




Potrebbe interessarti

‘Vera Dreams of the Sea’ vince il Grand Prix del Tokyo Film Festival
‘Vera Dreams of the Sea’ vince il Grand Prix del Tokyo Film Festival

“Vera Dreams of the Sea”, il dramma semi-autobiografico di Kaltrina Krasniqi su un’interprete del linguaggio dei segni che combatte per i suoi diritti in una disputa di eredità, è stato premiato lunedì con il Tokyo Grand Prix alla cerimonia di chiusura del 34° Tokyo International Film Festival. Il premio vale 30.000 dollari. Ambientato nel nativo […]

Disney Plus lancerà 13 film Marvel in rapporto d’aspetto espanso Imax
Disney Plus lancerà 13 film Marvel in rapporto d’aspetto espanso Imax

I fan del Marvel Cinematic Universe saranno presto in grado di vedere ancora di più i Vendicatori che si riuniscono su Disney Plus. A partire da questo venerdì (12 novembre), gli abbonati Disney Plus saranno in grado di trasmettere 13 film Marvel in Expanded Aspect Ratio di Imax – che offre fino al 26% in […]