Asiatica Film Mediale

Strange New Worlds rende il miglior trucco da impresa di Kirk la manovra PIKE

Strange New Worlds rende il miglior trucco da impresa di Kirk la manovra PIKE
Debora

Di Debora

26 Maggio 2022, 14:00


Attenzione: SPOILER per Star Trek: Strange New Worlds Episodio 4 – “Memento Mori”

L’effetto fionda usato più volte dal capitano James T. Kirk (William Shatner) è stato ricollegato come inventato dal capitano Christopher Pike (Anson Mount) nell’episodio 4 di Star Trek: Strange New Worlds. Al comando della USS Enterprise in una nuova missione quinquennale di esplorazione galattica, Pike e il suo equipaggio vengono attaccati dai Gorn. Nel disperato tentativo di sopravvivere, Pike ordina al tenente Erica Ortegas (Melissa Navia) di pilotare l’Enterprise vicino a un buco nero, dove le navi Gorn esitano a seguirlo. Ma sfuggire sia al buco nero che al Gorn ha richiesto a Pike di ideare ingegnosamente una mossa che sarebbe diventata sinonimo di Capitan Kirk e viaggio nel tempo.

Conosciuto anche come il fattore di fuga della velocità della luce, l’effetto fionda di Kirk era il metodo utilizzato dall’astronave Enterprise per i viaggi nel tempo. Accelerando fino alla curvatura 10 e usando la gravità di una stella per accelerare a una velocità ancora maggiore, l’Enterprise potrebbe infrangere la barriera del tempo. Questo, ovviamente, richiede calcoli matematici precisi da parte di un’intelligenza superiore come il signor Spock (Leonard Nimoy) in modo che l’Enterprise possa arrivare in un momento specifico. L’Enterprise ha usato l’effetto fionda per viaggiare nel tempo due volte in Star Trek: The Original Series, negli episodi “Tomorrow is Yesterday” e “Assignment: Earth”, (che è stato ricollegato da Star Trek: Picard stagione 2) con entrambe le missioni che hanno portato Kirk e il suo equipaggio fino alla fine degli anni ’60 e di nuovo nel 23° secolo. Kirk ha usato l’effetto fionda ancora una volta in Star Trek IV: The Voyage Home per recuperare due megattere del 1986, che sono state trasportate su un Klingon Bird-of-Prey rubato.

Nell’episodio 4 di Strange New Worlds, “Memento Mori”, l’Enterprise era impantanata tra la nave Gorn e una stella nana bruna che veniva rapidamente trascinata in un buco nero vicino. Pike ebbe l’idea ispirata di usare la gravità del buco nero per fiondare l’Enterprise verso la salvezza. Per quanto riguarda la nave Gorn, che avrebbe attaccato l’Enterprise non appena fosse emersa, il brillante piano di Pike era di utilizzare lo “spostamento rosso gravitazionale” espellendo l’unità AP-350 danneggiata nella stiva come esca. Anche gravemente danneggiato dall’attacco Gorn e dalle pressioni gravimetriche del vicino buco nero, lo scafo dell’Enterprise resistette come credeva Pike, e il piano del Capitano ebbe successo. L’Enterprise riuscì a lanciarsi via con la fionda ea mettersi in salvo mentre la nave Gorn inseguiva l’esca. Il tenente Ortegas dichiarò che se il piano avesse funzionato (cosa che ha fatto), sarebbe stato ufficialmente conosciuto come la “manovra del luccio”.

Come prequel ambientato prima della serie originale nel 2259, l’episodio 4 di Strange New Worlds ora si inserisce nella linea temporale canonica di Star Trek come il primo caso dell’effetto fionda utilizzato dall’astronave Enterprise prima che Kirk ne fosse il capitano. La differenza fondamentale tra la “manovra del luccio” e gli usi successivi dell’effetto fionda è che Kirk ha utilizzato specificamente il fattore di fuga della velocità della luce per viaggiare nel tempo. A causa di questo uso migliorato, è ragionevole presumere che gli effetti della fionda di Kirk non fossero “Pike Maneuvers”, anche se è la stessa premessa di base. Curiosamente, Spock è presente sull’Enterprise sotto entrambi i Capitani, ma il Vulcaniano di Leonard Nimoy non specificherebbe mai l’effetto fionda come una variazione della “manovra del luccio” in TOS, per il semplice motivo che sarebbero passati altri 55 anni prima che Strange New Worlds lo facesse. riconvertire la tattica come l’invenzione di Pike con il giovane Spock (Ethan Peck) presente per aiutarla a eseguirla.

Nonostante il numero di volte in cui il Capitano Kirk abbia usato l’effetto fionda, non è mai diventato noto come la “manovra di Kirk”. Ingiustamente, non esiste una tattica specifica per astronave intitolata al Capitano Kirk. In Star Trek: The Next Generation, una strategia che faceva sembrare la USS Stargazer in due posti contemporaneamente è stata chiamata “Picard Maneuver” in onore del capitano Jean-Luc Picard (Patrick Stewart). Anche il Capitano di Star Trek: Voyager, Kathryn Janeway, ha avuto il suo nome dal “Protocollo Janeway”. Con l’aiuto della regina Borg (Annie Wersching), l’ammiraglio Picard ha usato l’effetto fionda per viaggiare nel tempo fino al 2024 in Star Trek: Picard stagione 2. Eppure l’effetto fionda non è mai stato chiamato “Pike Maneuver” dopo Star Trek: Strange New Worlds , che purtroppo indica che il moniker non è rimasto fedele e potrebbe essere andato perso nel tempo.

Star Trek: Strange New Worlds è in streaming giovedì su Paramount+.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

L’attore Dustin di Stranger Things si unisce al cast di Broadway di Dear Evan Hansen
L’attore Dustin di Stranger Things si unisce al cast di Broadway di Dear Evan Hansen

Cose più strane la star Gaten Matarazzo è stata scritturata nell’ultima iterazione di Broadway Caro Evan Hansen. Sebbene sia noto soprattutto per il ruolo dell’adorabile Dustin Henderson in Netflix Cose più strane spettacolo, Matarazzo ha anche una serie notevole di ruoli a Broadway a suo nome. Ora 19 anni, Matarazzo ha iniziato la sua carriera […]

Hayden Christensen risponde alla domanda sullo spinoff di Darth Vader
Hayden Christensen risponde alla domanda sullo spinoff di Darth Vader

La star di Star Wars Hayden Christensen ha recentemente condiviso i suoi pensieri su un potenziale programma televisivo di Darth Vader. Christensen si è unito per la prima volta al popolare franchise fantasy di fantascienza come l’apprendista Jedi Anakin Skywalker nel film prequel del 2002 Star Wars: Episodio II – L’attacco dei cloni. È tornato […]