Asiatica Film Mediale

Stephen King ha quasi salvato la miniserie The Stand del 2020

Stephen King ha quasi salvato la miniserie The Stand del 2020
Debora

Di Debora

19 Giugno 2022, 12:31


Sebbene il remake di The Stand del 2020 sia stato un flop con critici e spettatori, la miniserie ha avuto una grazia salvifica: il suo unico contributo dell’autore del romanzo originale Stephen King. Stephen King è una leggenda dell’horror da decenni, ma la storia dell’adattamento cinematografico del suo lavoro è stata un miscuglio. Per ogni grande successo come l’adattamento horror di successo del 2017 It, c’è una versione mediocre come Lisey’s Story o un vero e proprio flop.

Sfortunatamente, The Stand del 2020 è finito per rientrare in quest’ultima categoria. The Stand del 2020 aveva grandi scarpe da riempire, poiché la miniserie era un remake del popolare adattamento di Mick Garris del 1994 e il libro su cui era basato era uno dei romanzi più amati di King. La pandemia di COVID-19 non ha fatto favori alla miniserie, ma alla fine, The Stand del 2020 è stato condannato da sottotrame divise, una struttura della trama confusa e un ritmo interminabilmente lento più che sfortunato tempismo.

Comprensibilmente, una storia su una pandemia assassina che spazza via gran parte dell’America non ha entusiasmato gli spettatori quando The Stand è stato fatalmente presentato per la prima volta nel dicembre del 2020. Tuttavia, è presto diventato chiaro sulla base delle recensioni che il cattivo tempismo era in realtà il problema più piccolo affrontato dalla miniserie . La strana decisione del creatore e showrunner di The Stand Josh Boone di raccontare la sua trama già imbottita in ordine non lineare è stato un grave errore, mentre il profondo malinteso di numerose figure chiave nel testo non ha aiutato la ricezione della miniserie. The Stand ha rovinato alcuni dei migliori cattivi di Stephen King e ha lasciato agli eroi poco da fare, il che rende sorprendente il fatto che lo stesso sceneggiatore abbia quasi salvato la serie in un solo episodio. King ha scritto l’episodio finale di The Stand, un nuovo epilogo che si svolge dopo l’azione della storia vera e propria, ed è teso, terrificante, riflessivo e pieno di speranza, tutto ciò che The Stand del 2020 non è stato fino al suo finale.

Cosa è andato storto con The Stand 2020

Una struttura narrativa anacronistica ha reso la storia abbastanza semplice ma tentacolare di The Stand (due bande di sopravvissuti che combattono dopo l’apocalisse) quasi impossibile da seguire per gli spettatori non iniziati. Per coloro che hanno familiarità con il romanzo, tuttavia, tutti, dal castrato Randall Flagg di Alexander Skarsgård a Nadine Cross, interpretata male da Amber Heard, hanno subito enormi cambiamenti di carattere, la maggior parte dei quali ha reso gli eroi più onesti e i cattivi meno spaventosi. Al di fuori di alcuni punti luminosi come la versione coinvolgente e genuinamente snervante di Owen Teague su Harold Lauder, The Stand ha fallito perché il remake della miniserie ha reso la malvagità di Randall Flagg più convenzionale, la moralità dei personaggi più chiara e gli archi narrativi individuali di personaggi come Frannie meno coinvolgente. In quanto tale, alcuni spettatori sono rimasti comprensibilmente sorpresi quando l’episodio finale di The Stand è riuscito a mostrare ciò che avrebbe potuto essere, concentrandosi su un personaggio, raccontando una storia semplice e fornendo una conclusione soddisfacente nel processo.

Come Stephen King ha quasi salvato la scena

Dimostrando che avrebbe dovuto adattare più dei suoi libri, Stephen King ha scritto il finale di stagione, un epilogo originale non basato sul suo romanzo originale. L’episodio, “The Circle Closes”, è di gran lunga il più forte della stagione, poiché arricchisce il personaggio di Frannie, riporta in vita Randall Flagg e lo rende un cattivo effettivamente seducente per la prima volta, e persino iniettando alcune vere poste in gioco nel procedimento. Per gran parte della durata dell’episodio, il rischio che Frannie e il suo bambino muoiano sembra molto reale poiché Frannie giace sul fondo di un pozzo e attende il salvataggio, resistendo all’offerta allettante di Flagg di salvarle la vita in cambio di un favore. Questa tensione costante rende “The Circle Closes” sia un’ora forte di narrazione di genere che un necessario correttivo dopo la piatta e senza vita della stagione precedente, ma l’episodio non è privo anche di momenti divertenti.

Una ripresa in POV di Flagg che segue Frannie e Stu nella loro nuova casa nel Maine fa riferimento alla precedente storia di King Children of the Corn e fornisce la prova che Flagg è (come è stato spesso teorizzato) Colui che cammina tra le file. Nel frattempo, il fatto che la prova di Frannie si presenti sotto forma di una prova della sua fede piuttosto che di una prova letterale della forza fisica mostra che l’idea di fortezza di King è maturata nei decenni trascorsi da quando ha scritto il romanzo originale. Per una storia così incentrata su Dio, il diavolo e le questioni esistenziali, anche l’acclamata miniserie del 1994 ha lottato con il fatto che il climax di The Stand consiste essenzialmente in Las Vegas che viene distrutta dall’intervento divino. È un finale che co-firma l’uso della violenza estrema mentre predica la pace, e l’esplosione nucleare che distrugge la città è un testo roboante, banale vicino a un testo altrimenti complesso e ponderato.

Come il finale di The Stand ha salvato Frannie e Randall Flagg

La miniserie The Stand del 2020 ha rovinato la Las Vegas di Flagg e questo grande passo falso ha reso rinfrescante il fatto che il finale della serie non fosse un’esplosione nucleare trionfante che spazzava via ogni antagonista in una volta. Invece, l’immagine finale di The Stand è di una donna in circostanze terribili che sceglie di fidarsi che la sua fede duratura si prenderà cura di lei e della sua famiglia, piuttosto che soccombere al male. È un finale molto più adatto e commovente dal punto di vista tematico, e uno che rende giustizia a Frannie in un modo che anche il romanzo originale non è riuscito a fare.

Potrebbe una stagione 2 risolvere il problema

È improbabile che The Stand riceva una seconda stagione poiché, come il precedente film del regista Josh Boone, altrettanto male recensito New Mutants, il suo fallimento critico e l’uscita ritardata hanno eclissato le grazie salvifiche della miniserie. Tuttavia, questa non è una brutta cosa. Mentre la sceneggiatura di King per l’episodio finale ha fatto molto per risolvere i problemi di The Stand, questo da solo non era sufficiente a giustificare un’altra stagione che arricchisse personaggi sgradevoli e le loro storie contorte. L’immagine di Frannie e Stu che sopravvivono per affrontare il nuovo mondo con il loro bambino è stata un’immagine avvincente con cui finire dopo le molte delusioni della miniserie, mentre la vista molto divertente del cattivo nudo che tenta di corteggiare nuovi seguaci era una specie di malvagio campy che il Randall Flagg di Skargaard meritava molto di più. In quanto tale, il finale di The Stand dimostra che la miniserie avrebbe potuto essere migliore, ma il finale non mostra che una seconda stagione ne migliorerebbe la ricezione o risolverebbe la sua miriade di problemi.

Quali adattamenti dei suoi libri odiava Stephen King?

Stephen King è un gigante del genere horror non solo per la sua abilità nel mestiere, ma anche perché il suo lavoro è uno dei più prolifici e completamente adattati al cinema di tutti i tempi. E per ogni flop come The Stand del 2020, ci sono altri adattamenti di King che hanno ricevuto un’accoglienza molto positiva dalla critica e dal pubblico. Per quanto riguarda le opinioni di King, sono anche un miscuglio. Chiaramente, l’autore ha provato abbastanza simpatia per The Stand da aiutarlo a salvare qualche faccia nell’episodio finale, ma è stato molto meno generoso verso altri adattamenti, in particolare Shining di Stanely Kubrick. Sebbene sia un film horror leggendario a sé stante, Stephen King odia Shining per essere una rappresentazione non autentica della storia che aveva originariamente scritto. Nel corso degli anni, The Tommyknockers, Graveyard Shift, Dreamcatchers, The Dark Tower e Maximum Overdrive, che lui stesso ha diretto, si sono classificati tra i film di Stephen King meno preferiti di King.

Qual era l’adattamento preferito di Stephen King dei suoi libri?

Al contrario, Stephen King ha anche apprezzato e persino amato alcuni adattamenti cinematografici dei suoi libri. La maggior parte di questi sono stati anche successi di critica e classici amati dal pubblico, come Carrie, The Dead Zone, Cujo (per il quale King ha apprezzato essere consultato seriamente) e The Shawshank Redemption. Ma l’adattamento di gran lunga preferito di King del suo lavoro scritto è Stand By Me (1986) di Rob Reiner. Questa storia, che attinge fortemente dall’infanzia di King, occupa un posto speciale nel cuore dell’autore, che ha sempre amato la fedeltà con cui il film adatta lo spirito in cui è stato scritto. Mentre The Stand avrebbe potuto essere un flop, i preferiti di Stephen King come Stand By Me continuano ad essere adattamenti popolari e imperdibili.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Perché l’estate che sono diventata bella fine è cambiata dal libro
Perché l’estate che sono diventata bella fine è cambiata dal libro

L’autrice e co-showrunner di The Summer I Turned Pretty, Jenny Han, ha spiegato perché il finale dello show deviato dal libro. The Summer I Turned Pretty è stato presentato in anteprima su Prime Video il 16 giugno 2022 ed è un adattamento televisivo dell’omonima serie di libri di Han. La serie segue Isabel “Belly” Conklin […]

Le spade laser Jedi morte di Kenobi erano un’occasione persa in Guerre dei cloni
Le spade laser Jedi morte di Kenobi erano un’occasione persa in Guerre dei cloni

Attenzione: Spoiler per l’episodio 5 di Obi-Wan Kenobi. La serie Obi-Wan Kenobi ha perso l’occasione di fare riferimento alla storia oscura di Jabiim con i Jedi delle Guerre dei Cloni. Aiutato dal gruppo di simpatizzanti Jedi noto come The Path, Obi-Wan elude l’Impero con la Principessa Leia, ma durante il suo soggiorno nella loro base […]