Asiatica Film Mediale

Spielberg ha essenzialmente proibito il colore rosso dai set di Jaws (e questo ha reso il film più spaventoso)

Spielberg ha essenzialmente proibito il colore rosso dai set di Jaws (e questo ha reso il film più spaventoso)
Erica

Di Erica

31 Luglio 2023, 18:08


Sommario

  • Spielberg ha chiesto al direttore artistico di limitare l’uso del colore rosso nei set di Jaws per evitare che sovrastasse il colore del sangue e per aumentare l’anticipazione.
  • L’omissione del rosso nei set del film ha senso perché Jaws costruisce suspense attraverso suggerimento e immaginazione piuttosto che attraverso immagini esplicite.
  • Spruzzando sottilmente il rosso nel film, Spielberg lascia spazio per lo shock e l’impatto delle scene più sanguinolente, solidificando Jaws come un capolavoro duraturo dell’orrore e del suspense.

Steven Spielberg racconta la sorprendente richiesta che ha fatto al direttore artistico di Jaws. Originariamente uscito nel 1975, Jaws rimane uno dei film più popolari di Spielberg e uno dei film di suspense più iconici di tutti i tempi. Jaws continua ad essere proiettato nei cinema che proiettano i classici, e ha persino ricevuto una riedizione in IMAX nel 2022.

Come riferito a Vanity Fair, Spielberg ha fatto una richiesta non convenzionale al direttore artistico quando ha realizzato il suo film sugli squali: non utilizzare troppo il colore rosso. Spielberg ha detto al suo direttore artistico che “non voleva che il rosso fosse dominante in nessuno dei set”. Invece, Spielberg ha optato per una quantità di rosso di buon gusto che avrebbe creato “anticipazione” senza inundare i set. Ecco l’intera citazione di Spielberg:

“Sì, per Jaws, non volevo che il rosso fosse dominante in nessuno dei set. Ho detto a Joe [Alves], ‘Per favore… quando stai progettando il film e trovi i tuoi colori, non usare troppo il rosso, lasciando spazio per il sangue.’ E in generale, abbiamo abbastanza seguito quello. Il ragazzo Kintner aveva un costume da bagno rosso, e avevamo del vino rosso nella scena con Hooper e Brody al tavolo da pranzo, ma c’era un po’ di simbolismo e prefigurazione in quello.”

Perché la richiesta rossa di Spielberg ha senso

C’è una ironia in questa richiesta considerando che Jaws è un film su uno squalo enorme che massacra la popolazione di una tranquilla città balneare. Che Alves l’abbia o meno aggiunto nei set, il rosso è un colore essenziale per Jaws. Il rosso è il colore del sangue nell’acqua, il colore della morte e il risultato del mostro dalle denti affilati al centro dell’orrore di Jaws.

Tuttavia, analizzando più a fondo la meccanica di Jaws, l’omissione del rosso ha molto senso. Jaws costruisce in modo iconico la suspense attraverso il suggerimento e l’immaginazione del pubblico. Ciò significa che Jaws suggerisce più spesso la presenza di uno squalo piuttosto che mostrarlo. Prendiamo ad esempio la scena d’apertura di Jaws, quando un nuotatore notturno viene mostrato dal basso e gli spettatori vengono presentati per la prima volta a una minaccia. L’iconica colonna sonora di John Williams accelera, e il pubblico è costretto a immaginare uno squalo che si aggira nell’ignoto, proprio come farebbe un nuotatore di Amity Island.

Pertanto, un uso eccessivo di tonalità cremisi avrebbe rischiato di sovrastare l’orrore del rosso più importante: il sangue. Spielberg ha optato invece per una sottile spruzzata di rosso in modo che si insinui nella mente dello spettatore senza sopraffare, lasciando spazio allo shock delle scene più sanguinolente di Jaws. Riflettere su questa scelta di design di produzione consolida ancora di più Jaws come un capolavoro duraturo dell’orrore e del suspense.

Fonte: Vanity Fair


Potrebbe interessarti

Cocaine Bear 2 Potenziale affrontato dalla regista Elizabeth Banks
Cocaine Bear 2 Potenziale affrontato dalla regista Elizabeth Banks

La regista di Cocaine Bear, Elizabeth Banks, ha espresso interesse nella possibilità di un sequel, elogiando la natura subversiva e divertente del film. Il successo al botteghino di Cocaine Bear, che ha incassato oltre 89 milioni di dollari in tutto il mondo, suggerisce che un sequel sia una possibilità. Anche se un sequel potrebbe affrontare […]

Perché Ridley Scott e Joaquin Phoenix di Gladiator si sono finalmente riuniti 23 anni dopo con Napoleon
Perché Ridley Scott e Joaquin Phoenix di Gladiator si sono finalmente riuniti 23 anni dopo con Napoleon

Joaquin Phoenix spiega il motivo per cui si è riunito con Ridley Scott per il prossimo epico storico “Napoleone”, dopo aver lavorato con il regista più di vent’anni fa in “Gladiator”. Uscito nel 2000, “Gladiator” è stato uno dei primi film a presentare Phoenix come una stella nascente. L’attore rappresenterà Napoleon Bonaparte nel prossimo film […]