Asiatica Film Mediale

Spiegazione del finale samaritano (in dettaglio)

Spiegazione del finale samaritano (in dettaglio)
Erica

Di Erica

26 Agosto 2022, 19:50


Attenzione: questo articolo contiene spoiler per Samaritan! Il finale Samaritan di Prime Video, con Sylvester Stallone, offre una svolta interessante sul genere dei supereroi. Basato sull’omonimo fumetto del 2014, Samaritan vede Stallone nei panni di Joe, un anziano spazzino che vive nell’immaginaria Granite City, piena di criminalità e illegalità. Joe cattura l’attenzione di Sam Cleary (Javon Walton), un ragazzo che sospetta che il vecchio possa essere il Samaritano, un supereroe che proteggeva la città, ma si crede sia morto decenni fa in un’epica battaglia con il suo gemello malvagio fratello, Nemesis, anche lui scomparso.

Quando Joe salva Sam da una banda di mafie locali che lo attaccano, Sam è convinto che Joe sia un samaritano e i due iniziano a legare. Allo stesso tempo, Sam viene coinvolto con il signore del crimine locale, un uomo di nome Cyrus (Pilou Asbæk di Ghost in the Shell), che è determinato a vedere i piani della Nemesis scomparsa da tempo realizzarsi, vale a dire l’immersione di Granite City nell’oscurità e permettendo all’elemento criminale di subentrare. Dopo aver acquisito la maschera e il martello di Nemesis da un’irruzione alla stazione di polizia, Cyrus mette in moto il suo piano appiccando un incendio alla centrale elettrica e attirando Samaritan per essere ucciso, una volta per tutte.

Quando Cyrus scopre che Samaritan sembra essere vivo e ha un legame con Sam, rapisce il ragazzo per attirarlo fuori. Con Sam in pericolo e Cyrus vicino a realizzare il suo obiettivo di trasformare Granite City in un impero criminale, Joe affronta ciò che ha evitato per decenni, affrontando non solo Cyrus, ma anche il suo stesso passato, che è più complesso di quanto il pubblico sia portato a credere . Eliminando la banda di teppisti di Cyrus dopo aver acquisito il martello di Nemesis, Joe affronta Cyrus in un combattimento a mani nude nella centrale in fiamme, ricreando la battaglia che ha avuto luogo 20 anni prima, con la redenzione e la vita di Sam in bilico. Il risultato è un finale che è sia visivamente spettacolare, ma solleva anche alcune interessanti domande psicologiche sul protagonista del film. Ecco spiegato in dettaglio il finale del film Samaritano di Stallone.

Cosa è successo davvero tra Samaritano e Nemesi 20 anni fa?

Sia Samaritan che Nemesis sono nati con superpoteri, che alla fine si sono diramati rispettivamente nel bene e nel male, con Nemesis che ha sviluppato un forte odio per suo fratello. Nemesis avrebbe poi creato un martello, forgiato a mano dall’odio che aveva per suo fratello, rendendolo l’unica arma che poteva lasciare una cicatrice su entrambi i fratelli. Tentando di attirare il suo eroico gemello, Nemesis ha appiccato l’incendio alla centrale elettrica con l’intenzione di gettare l’intera città nell’anarchia e nel caos e attirando Samaritan in una trappola. Durante la loro battaglia 20 anni prima, Nemesis e Samaritan (interpretato dalla star di Rocky e Rambo Stallone) hanno combattuto una battaglia finale per il destino di Granite City. Completamente addobbati in costume, entrambi i fratelli combattono con Nemesis apparentemente sconfitto a un certo punto. Samaritan inizia ad allontanarsi, ma cade dal tetto, appeso al bordo con un destino infuocato sotto di lui. Nemesis gli afferra la mano per salvarlo, ma Samaritan cade, presumibilmente alla sua morte, lasciando Nemesis il vincitore (e portando allo scioccante finale di Samaritan), ma a costo di perdere il suo unico fratello, il suo odio li distrugge entrambi. Dopo la battaglia, né Samaritan né Nemesis furono mai più visti o sentiti, lasciando Granite City a se stessa, il che l’ha portata a essere invasa dal crimine.

Perché Cyrus vuole distruggere Granite City

Cyrus è il principale boss del crimine di Granite City ed è semplicemente un sociopatico assetato di potere. Ha radunato i teppisti e le bande locali, mentre comprometteva la polizia locale, corrompendola o spaventandola. Con la città già sull’orlo del collasso, Cyrus sta cercando di spingerla oltre il limite, vedendo un’opportunità per perpetuare il caos con cui è cresciuto. Cyrus è cresciuto con la leggenda di Samaritano e Nemesi e alla fine ha scelto di far parte del problema, anche se lo vede come una soluzione. Nemesis è una figura eroica per Cyrus in molti modi, fungendo da simbolo di potere e forza, che cerca di sfruttare rubando la maschera e il martello dalla stazione di polizia. Rapendo Sam (Walton, che interpreta Posacenere in Euphoria), credendo che attirerà Samaritan da lui, Cyrus sta tentando di ricreare lo scenario stesso accaduto decenni fa, sperando di distruggere finalmente Samaritan ed emergere come la nuova Nemesi.

La grande svolta rivelata – e come questo cambia tutto in Samaritan

Dando fuoco alla centrale elettrica, Cyrus attira Joe, che irrompe nel loro quartier generale ed elimina l’intera banda da solo, venendo infine portato faccia a faccia con Cyrus, che si riferisce a Joe come al “bravo ragazzo”. . È a questo punto che Joe rivela la verità su chi è, dicendo che è il “cattivo ragazzo”. Joe è in realtà Nemesis, non Samaritano, e si è nascosto dopo la morte di suo fratello, per il quale ha enormi sensi di colpa e responsabilità. Ora che Cyrus si è preso la responsabilità di diventare la nuova Nemesi, dà al personaggio samaritano di Stallone, Joe, l’opportunità di riscattarsi combattendo contro il piano risvegliato per portare il caos a Granite City. Nemesis, a sua volta, assume il ruolo di fratello caduto, combattendo contro il piano stesso che aveva messo in atto decenni prima, diventando essenzialmente il nuovo Samaritano nel processo. Sconfiggendo Cyrus e salvando Sam, Joe trova finalmente la redenzione, che si solidifica quando Sam viene successivamente intervistato dalla notizia, dicendo che Samaritan è quello che si è presentato e ha salvato la giornata.

Samaritan 2 – Ci sarà un sequel e quale potrebbe essere quella storia

C’è molto spazio lasciato aperto alla fine di Samaritan per continuare la storia di Joe e Sam, soprattutto da quando Joe è stato redento per le sue trasgressioni passate. Joe sembra abbracciare questo nuovo cambiamento, ma non fa un tentativo di rivendicare il merito o di metterlo in mostra, per non parlare di tornare in costume. Probabilmente, ci vorrà del tempo prima che lo faccia, se non del tutto, quindi un Samaritan 2 potrebbe alla fine rivelare cosa Joe sceglie di fare con la sua redenzione. Potrebbe continuare a essere un netturbino come copertura, mentre combatte il crimine di notte sotto mentite spoglie, potenzialmente come samaritano. È anche possibile che possa assumere un nuovo nome o identità per combattere il crimine, potenzialmente con l’assistenza di un Sam più adulto al suo fianco, che senza dubbio si laureerà ad avere poteri propri in qualche modo. Con il viaggio di Joe ancora aperto all’esplorazione, c’è sicuramente una storia da raccontare su come Granite City è stata ricostruita e su come Samaritan sarebbe coinvolto in quell’impresa, che alla fine potrebbe portare Sam a prendere il sopravvento e portare avanti il ​​Samaritano nome. Alla fine, dipenderà dalle prestazioni di Samaritan su Prime Video se deve accadere un sequel. Se ha successo e c’è un desiderio o una giustificazione per continuare la storia, allora un Samaritan 2 è del tutto possibile.


Potrebbe interessarti

Danny DeVito non può nascondere l’opinione sul pinguino di Batman durante il poligrafo
Danny DeVito non può nascondere l’opinione sul pinguino di Batman durante il poligrafo

La star di Batman Returns Danny DeVito non può nascondere la sua opinione sul pinguino di Batman in un esilarante video poligrafico. DeVito è diventato il primo attore a interpretare Il pinguino sul grande schermo quando ha recitato nel seguito di Batman di Tim Burton del 1992. Colin Farrell in seguito ha messo il suo […]

Il creatore di Ahsoka, Dave Filoni, afferma che il nuovo spettacolo è tutto ciò che sperava
Il creatore di Ahsoka, Dave Filoni, afferma che il nuovo spettacolo è tutto ciò che sperava

Il creatore di Ahsoka, Dave Filoni, afferma che lo spettacolo live-action di Star Wars del personaggio è tutto ciò che aveva sperato che fosse. Pochi anni dopo l’uscita nelle sale di La vendetta dei Sith, George Lucas scelse l’artista dello storyboard, l’assistente al direttore dell’animazione e il superfan di Star Wars, Filoni, per aiutarlo a […]