Asiatica Film Mediale

Spiegazione del bilancio delle vittime dello scioccante finale di stagione di The Walking Dead

Spiegazione del bilancio delle vittime dello scioccante finale di stagione di The Walking Dead
Debora

Di Debora

21 Novembre 2022, 21:10


Attenzione: spoiler in arrivo per il finale della serie The Walking Dead

Il bilancio delle vittime nel finale della serie di The Walking Dead è scioccante, anche se forse non per i motivi che molti si sarebbero aspettati. In 12 anni in TV, The Walking Dead si è guadagnato una reputazione giustificata insieme a Game of Thrones come una serie che non ha mai paura di uccidere i personaggi principali. In effetti, la stagione 11 di The Walking Dead termina con, tecnicamente parlando, solo due membri del cast originale in Daryl Dixon di Norman Reedus e Carol Peletier di Melissa McBride. Con “Rest In Peace” che mette i protagonisti sia contro l’esercito del Commonwealth di Pamela Milton che contro gli zombi varianti, il finale della serie di The Walking Dead avrebbe dovuto accumulare un bel numero di morti. Invece cade solo un personaggio principale.

Escludendo Luke e Jules, che sono stati quasi del tutto assenti durante l’ultima stagione di The Walking Dead, Rosita di Christian Serratos è l’unica grande morte finale di The Walking Dead. Per una serie TV che ha bruciato i personaggi principali più velocemente di quanto Negan brucia soprannomi divertenti, il bilancio delle vittime di “Rest In Peace” è incredibilmente basso. Un fattore importante dietro quella sorpresa incruenta è sicuramente l’imminente elenco di spin-off di The Walking Dead di AMC. Con The Walking Dead: Dead City, Daryl Dixon e uno spin-off di Rick & Michonne tutti in fila, l’intero livello superiore di personaggi era al sicuro dall’ascia smussata del finale della serie di The Walking Dead.

Gli spin-off di The Walking Dead hanno peggiorato il finale

Grazie a The Walking Dead: Dead City, Negan e Maggie sono stati protetti dal mietitore televisivo. Daryl Dixon è stato salvato dal suo progetto solista omonimo, e poiché Carol era originariamente prevista per recitare al suo fianco, anche il personaggio di Melissa McBride era sempre in grado di sopravvivere. Lo spin-off di Rick e Michonne The Walking Dead ha salvaguardato le sue due stelle di ritorno, lasciando anche pochissime possibilità che Judith sarebbe morta senza ottenere il suo meritato ricongiungimento familiare. Di conseguenza, The Walking Dead è rimasto con pochi preziosi personaggi che poteva effettivamente uccidere nel suo finale di stagione, e questo è diventato evidente mentre la stagione 11 progrediva con sorprendentemente poche grandi uscite.

Tuttavia, il problema di The Walking Dead non risiede nella mancanza di vittime durante il suo finale di serie. Si potrebbe sostenere che l’uscita di Rosita abbia effettivamente beneficiato dei riflettori non condivisi. Il vero svantaggio è la mancanza di minaccia che deriva dal sapere che così tanti personaggi sono al sicuro. Quando Negan era inginocchiato davanti al guardiano del Commonwealth di Outpost 22, ad esempio, il pubblico dovrebbe credere realisticamente che potrebbe essere ucciso. La sanguinosa reputazione di The Walking Dead si basa interamente su quel senso di imprevedibilità. Conoscere circa sette personaggi sarebbe quasi certamente una conclusione sicura per l’arco del Commonwealth della stagione 11, lasciando anche la morte di Rosita più prevedibile per processo di eliminazione.

The Walking Dead voleva un lieto fine

Anche prendendo in considerazione gli spin-off di The Walking Dead, “Rest In Peace” avrebbe potuto andare oltre per essere all’altezza del suo nome. Artisti del calibro di Yumiko, Magna, Eugene, Aaron e Jerry erano tutti disponibili come potenziali vittime del finale della serie, ma The Walking Dead ha rifiutato, limitandosi esclusivamente a Rosita. Il basso numero di morti del finale della serie The Walking Dead deve, quindi, essere una decisione creativa a un certo livello. Angela Kang e AMC hanno optato per una conclusione edificante e piena di speranza con solo un pizzico di tristezza, mentre The Walking Dead è stato tipicamente pessimista e triste con solo un pizzico di speranza. Questo cambio tonale rende omaggio al finale comico originale di The Walking Dead di Robert Kirkman.

Tuttavia, l’incombente presenza di spin-off potrebbe aver ancora influenzato la decisione di The Walking Dead di concludere felicemente la narrazione principale. La scena finale del finale della serie The Walking Dead di AMC è venata di tragedia e tristezza, poiché Rick Grimes viene catturato dal CRM e gli viene negato il ricongiungimento con la sua famiglia. Daryl Dixon, nel frattempo, condivide un solenne addio con Carol mentre intraprende un viaggio verso l’ignoto. Affinché il più ampio franchise di Walking Dead continui, devono esistere minacce, sconvolgimenti e difficoltà. Intenzionalmente o no, il finale per lo più privo di morte di The Walking Dead dà chiusura e calore per controbilanciare il modo in cui il futuro di Rick e Daryl promette spargimento di sangue e pericolo.


Potrebbe interessarti

Mi dispiace, Zombie Hank probabilmente non è nella quarta stagione di Titans
Mi dispiace, Zombie Hank probabilmente non è nella quarta stagione di Titans

Attenzione: SPOILER per la stagione 4 di Titans. La squadra titolare affronta un’orda di zombi nella stagione 4 di Titans, episodio 4, “Super Super Mart”, il che significa che personaggi deceduti come Hank Hall potrebbero tornare. Grazie al magico Deathstroke di Mother Mayhem, è tornato come uno zombi rianimato nella stagione 4 di Titans. Il […]

Perché Michael Scott è un personaggio così eccezionale spiegato dall’editore di Office
Perché Michael Scott è un personaggio così eccezionale spiegato dall’editore di Office

La notevole montatrice e regista di commedie Claire Scanlon ha ripensato a ciò che ha reso Michael Scott un personaggio così eccezionale in The Office. Scanlon è nota per la sua commedia romantica su Netflix Set it Up, che è stato un enorme successo di critica, ricevendo un punteggio del 92% su Rotten Tomatoes. Ha […]