RecensioniSpider-Man: No Way Home Review - Spidey ottiene finalmente...

Spider-Man: No Way Home Review – Spidey ottiene finalmente un buon Threequel

-


Uno dei film più attesi dell’anno, Spider-Man: No Way Home è il primo film del Marvel Cinematic Universe a entrare ufficialmente nel multiverso. La fine di Spider-Man: Far From Home ha visto Peter Parker come un uomo ricercato, la sua identità è stata resa pubblica dopo che Mysterio ha incastrato il supereroe titolare per omicidio. Diretto da Jon Watts da una sceneggiatura di Chris McKenna ed Eric Sommers, No Way Home ha la responsabilità simultanea di continuare a sviluppare la storia personale di Spider-Man e allo stesso tempo portare avanti la narrativa generale del MCU e per la maggior parte ha successo. No Way Home è ancora la storia più intrigante e divertente di Spider-Man. Anche se il multiverso incombe, il film è premuroso nel suo focus sul viaggio di Peter.

Peter Parker/Spider-Man (Tom Holland) sta cercando di vivere una vita normale, ma trova difficile essere un adolescente normale ora che la sua doppia identità è stata resa pubblica. È ricercato per omicidio e deve difendersi dalle accuse – che, grazie al video ben curato di Mysterio, sono piuttosto schiaccianti. La vita di Peter, per dirla semplicemente, è sconvolta. L’unico modo in cui pensa di risolvere il problema e riportare le cose alla normalità è usare la magia. Per farlo, Spider-Man si rivolge direttamente al Dottor Strange (Benedict Cumberbatch), che lo aiuta tentando un incantesimo che cancellerà l’identità di Peter dalle menti del mondo. Naturalmente, le cose non vanno secondo i piani e l’incantesimo apre le porte al multiverso, che vede i nemici di Spidey provenienti da altri universi: Doctor Octopus (Alfred Molina) da Spider-Man 2, Electro (Jamie Foxx) da The Amazing Spider- Man 2 e Green Goblin (Willem Dafoe) di Spider-Man – si sono presentati per combatterlo.

Zendaya e Tom Holland in Spider-Man: No Way Home

Prima di No Way Home, tutti, da Tony Stark a Happy (Jon Favreau), trattavano Peter come se avesse bisogno di essere curato; nel caso di Mysterio, manipolare Peter e prenderlo di mira come se fosse meno intelligente era il nome del gioco. In Spider-Man: No Way Home, tuttavia, Peter ha un più profondo senso di responsabilità per le sue azioni ed è più capace di prendere decisioni. Questo lo tira fuori dall’ombra del suo mentore e sotto i suoi riflettori. È meno reazionario e più partecipe del proprio viaggio. L’MCU sta finalmente prendendo più seriamente Spider-Man ed è una boccata d’aria fresca da guardare mentre cerca di risolvere i problemi e ripulire i pasticci che crea. C’è una sequenza in cui Peter capisce come uscire da una situazione usando la geometria ed è un promemoria di quanto sia intelligente senza dover fare affidamento sui gadget e sulla tecnologia che gli sono stati dati nei film precedenti.

Grazie a Peter che ha finalmente preso in mano la situazione, No Way Home è in grado di volare più in alto di qualsiasi delle precedenti voci di Spider-Man nell’MCU. Il film riflette su che tipo di eroe è Spider-Man e chi aspira a essere: è qualcuno che si assume la responsabilità delle sue scelte? Aiuta le persone bisognose o le lascia indietro? Queste domande giocano pesantemente nella sua trama, aggiungendo gravità al suo viaggio come eroe che sta cercando di crearsi un percorso. No Way Home sembra più un film di Spider-Man. È un po’ banale ma accattivante, sincero e incredibilmente divertente, come dovrebbe essere.

Alfred Molina in Spider-Man: No Way Home

Ciò che avrebbe reso il film più forte, tuttavia, è che Peter ha il suo cattivo piuttosto che dover combattere solo quelli del passato (per quanto sia bello rivederli). Il film si sofferma troppo a lungo sulla creazione di tutti i personaggi multiversali, ma è solo una volta che tutte le informazioni e le introduzioni sono fuori mano che la trama va davvero avanti e non si ferma. Detto questo, il cuore del film risiede nell’olandese Peter e nelle relazioni che ha stretto con Ned (Jacob Batalon), MJ (Zendaya) e la sua amata zia May (Marisa Tomei), che hanno tutti molto da fare. Il concetto di multiverso sembra troppo da gestire all’inizio, ma No Way Home manovra sorprendentemente bene il modo in cui funziona e le ragioni alla base; ci sono alcune scene dedicate all’esposizione, ma non sovrasta mai la storia o diventa senza senso.

Forse ciò che rende il film così divertente e coinvolgente è che c’è un equilibrio: il tono spensierato lascia il posto a momenti più emotivamente pesanti, ma torna sempre indietro senza essere stridente. Watts racchiude il film con molta azione, con una sequenza particolare che offre straordinari effetti visivi (di Chris Waegner), così come acrobazie magistralmente coreografate da George Cottle e Hugo Duran. Spider-Man: No Way Home va all in ma non dimentica di rimanere radicato nella storia personale del personaggio titolare, che è piena di temi che circondano l’identità, il potere e l’azione. Alla fine, Peter si fa avanti alla grande e rafforza notevolmente il film.

Di sicuro, No Way Home sarà molto divertente per coloro che hanno già visto tutti i precedenti film di Spider-Man: gli spettatori che hanno visto la trilogia di Spider-Man di Sam Raimi e i film di The Amazing Spider-Man saranno più soddisfatti non solo per la ricomparsa dei loro cattivi, ma perché i battiti emotivi e la profondità legati al film derivano, in parte, dai retroscena degli antagonisti. La connessione e la comprensione delle trame dei film precedenti sono essenziali. Sapere da dove provengono i cattivi precedentemente non MCU eleva anche alcune dinamiche del personaggio e il meta umorismo (di cui ce n’è in abbondanza). Spider-Man: No Way Home è in definitiva una gioia da guardare, con un’azione spettacolare, molto cuore e una storia di un eroe con i piedi per terra che apre la strada a cose entusiasmanti a venire.

Spider-Man: No Way Home esce nelle sale la sera di giovedì 16 dicembre. Il film dura 150 minuti ed è classificato PG-13 per sequenze di azione/violenza, un po’ di linguaggio e brevi commenti suggestivi.

Date di uscita principali Spider-Man: No Way Home (2021)Data di uscita: 17 dicembre 2021

Marco
Marco
Sono Marco, un appassionato di cinema e serie TV che scrive recensioni per il sito di cinema Asiatica Film Mediale. Sono una persona determinata e appassionata, che ama condividere la propria passione per il cinema e la televisione con il pubblico. Sono arrivato a scrivere per Asiatica Film Mediale dopo aver vinto un concorso per giovani critici con la mia recensione del film "Parasite". Tra le serie TV italiane preferite ci sono "Gomorra" e "Suburra". Durante la scrittura delle mie recensioni mi piace ascoltare la colonna sonora dell'opera che sto recensendo per trasmettere tutte le emozioni dell'opera ai lettori.

Ultime News

Il futuro emozionante della famosa saga horror di A24 dei 2020s? viene suggerito dal regista.

Riassunto Ulteriori dettagli sulla potenziale quarta puntata del franchise X vengono rivelati dal regista Ti West durante...

Risposta dal produttore alle voci sul ritorno di Daniel Day-Lewis alla recitazione

Sintesi Spielberg e Sheridan si sono incontrati con Daniel Day-Lewis per discutere di un ruolo da produttore, non...

Kong si aggrappa sulla schiena di Godzilla nel nuovo trailer di GXK

Sommario Kong cavalca sulla schiena di Godzilla in un nuovo teaser trailer di Godzilla x Kong: The New Empire,...

“Niente ha senso”: John Cena nel film di guerra raffigura tutto in modo errato secondo l’esperto

Riassunto Il veterano della guerra in Iraq Jay Dorleus ha criticato The Wall per le inesattezze chiave nella rappresentazione...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

Avventuratevi nel cuore pulsante dell'orrore con la nostra raccolta...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te