Asiatica Film Mediale

“Sono contenta di non averlo fatto”: perché Britney Spears non rimpiange di aver perso il ruolo in The Notebook.

“Sono contenta di non averlo fatto”: perché Britney Spears non rimpiange di aver perso il ruolo in The Notebook.
Erica

Di Erica

17 Ottobre 2023, 22:21


Sommario

  • Britney Spears rivela di non avere rimpianti per aver perso il ruolo principale in The Notebook, poiché ciò le ha permesso di concentrarsi sulla sua carriera musicale.
  • Il fatto che Spears non abbia ottenuto il ruolo si è rivelato positivo, in quanto il suo album In the Zone ha raggiunto il primo posto nelle classifiche e ha incluso il brano di successo “Toxic”.
  • Mentre Ryan Gosling e Rachel McAdams hanno avuto successo nel loro percorso di attori dopo The Notebook, la carriera musicale di Spears è decollata anch’essa.

Britney Spears spiega perché non ha rimpianti per aver perso il ruolo principale in The Notebook. Basato sul romanzo omonimo di Nicholas Sparks del 1996, The Notebook è un film del 2004 spesso considerato uno dei più amati film romantici del XXI secolo. The Notebook è diretto da Nick Cassavetes e ha come protagonisti la coppia formata da Allie, interpretata da Rachel McAdams, e Noah, interpretato da Ryan Gosling.

Riflettendo sul quasi casting nel film The Notebook, Spears ha dichiarato a People che “la scelta per The Notebook era tra me e Rachel McAdams”, che alla fine è stata scelta per il ruolo al posto di Spears. Riguardo alla perdita del ruolo, Spears ha menzionato di essere contenta di non averlo fatto, perché sarebbe stata costretta a “recitare come una ereditiera degli anni ’40 giorno e notte” invece di lavorare sul suo album. Di seguito riportiamo l’intera citazione di Spears:

La scelta per The Notebook era tra me e Rachel McAdams, e anche se sarebbe stato divertente riconnettermi con Ryan Gosling dopo il nostro periodo insieme a The Mickey Mouse Club, sono contenta di non averlo fatto. Se l’avessi fatto, invece di lavorare sul mio album In the Zone, sarei stata impegnata a recitare come una ereditiera degli anni ’40 giorno e notte.

Spears, McAdams e Gosling hanno preso vie di carriera diverse dopo il casting di The Notebook

Come ha menzionato Spears, a seguito del rifiuto per The Notebook si è dedicata al suo quarto album in studio, In the Zone. Questo si è rivelato un enorme successo per la carriera di Spears, in quanto In the Zone ha raggiunto il primo posto nelle classifiche statunitensi. Sebbene l’album non abbia avuto lo stesso impatto globale del suo album di debutto …Baby One More Time, In the Zone include il brano di successo “Toxic”, che ancora oggi viene trasmesso dalle radio.

Incontratisi sul set di The Mickey Mouse Club, le carriere di Gosling e Spears hanno avuto inizio in modo simile, ma hanno preso direzioni molto diverse nel corso degli anni. Oggi, The Notebook è un’eccezione nel curriculum di Gosling, poiché la sua carriera si è popolata di film più cupi come Drive, Blue Valentine e The Place Beyond the Pines. Dopo The Notebook, Gosling si è affermato come attore di prima categoria ed è stato candidato a due premi Oscar come Miglior Attore per Half Nelson e La La Land.

Per McAdams, il 2004 è stato un anno importante, poiché ha visto l’uscita sia di The Notebook che di Mean Girls, entrambi considerati punti di svolta nella sua carriera. Da allora, i film romantici si sono susseguiti nella filmografia di McAdams. Gosling, McAdams e Spears, che avrebbe potuto interpretare il ruolo principale in The Notebook, hanno preso strade nettamente diverse ma hanno comunque visto le loro carriere decollare dopo il casting o il non casting in The Notebook.

Fonte: People


Potrebbe interessarti

X-Men: Il regista di First Class Matthew Vaughn svela il segreto dei film sui supereroi: “Far credere alle persone”.
X-Men: Il regista di First Class Matthew Vaughn svela il segreto dei film sui supereroi: “Far credere alle persone”.

Riassunto Matthew Vaughn sottolinea l’importanza di basare i film sui supereroi su problemi umani relazionabili, come si è visto nell’utilizzo della Crisi dei Missili di Cuba in X-Men: L’inizio. Vaughn critica la dipendenza eccessiva dalla CGI nei film sui supereroi, affermando che può far sembrare l’esperienza visiva come guardare un videogioco anziché connettersi con i […]

Il direttore di Hocus Pocus risponde alla teoria delle streghe di Allison 30 anni dopo.
Il direttore di Hocus Pocus risponde alla teoria delle streghe di Allison 30 anni dopo.

Sommario Il regista Kenny Ortega accenna alla possibilità che Allison sia una strega, affermando di aver sentito in quel personaggio una piccola strega durante tutto il film Hocus Pocus. Sebbene non sia confermato che Allison sia una strega secondo il canone di Hocus Pocus, la sua fascinazione per le streghe e il soprannaturale solleva questa […]