RecensioniSono Charlie Walker Recensione: un buon cast lasciato in...

Sono Charlie Walker Recensione: un buon cast lasciato in sospeso da una sceneggiatura scadente

-


È opinione di questo critico che quando un film non atterra per qualcuno, è più probabile che l’esperienza visiva sia frustrante se riescono a immaginarne una versione che lo sarebbe. Io sono Charlie Walker è un buon test di quell’ipotesi. Il nuovo film del regista Patrick Gilles aspira a molti percorsi diversi, che vanno dalla finzione didattica in stile Spike Lee a un omaggio a Blaxploitation, e riunisce un cast con il talento per realizzare quella visione. Ma, in pratica, nessuno di questi va oltre il livello di ouverture e si stabilizza in qualcosa di simile alle rievocazioni in un documentario televisivo. I percorsi per un film migliore e più interessante sono quasi sempre visibili, ma io sono Charlie Walker non passo mai nella loro direzione, troppo fiducioso in una sceneggiatura che è ancora a pochi passi dal raggiungere il suo potenziale.

Come si può intuire dal titolo, il film segue Charlie Walker (Mike Colter), un camionista nero in un paesaggio di San Francisco dei primi anni ’70 che chiaramente non lo vuole lì. Dopo essersi fatto strada nel mondo degli affari, si trova con un’opportunità di successo nel 1971, quando due petroliere di proprietà della Standard Oil si scontrano nella baia di San Francisco e versano centinaia di migliaia di galloni di petrolio greggio. L’operazione di pulizia è così grande che, con dispiacere dei razzisti, Charlie finisce per gestire una spiaggia tutta sua che, per pura fortuna, finisce per diventare un epicentro dell’inquinamento. Sapendo che è improbabile che l’establishment lo lasci vincere, l’astuto protagonista si muove non solo per superare la concorrenza, ma per metterlo nella migliore posizione possibile per l’inevitabile confronto con l’esecutivo in carica, Mr. Bennett (Dylan Baker).

Monica Barbaro e Dylan Baker in Io sono Charlie Walker

Se c’è qualcosa che definisce che io sono Charlie Walker, è il livello di superficie, e questo non dovrebbe essere scritto come una critica. Il film di Gilles è (molto) esplicitamente interessato all’esplorazione del razzismo e il numero di interazioni che Charlie ha che non riguardano immediatamente il colore della sua pelle può essere contato su una mano. Il film si apre richiamando la reputazione di SF come luogo di tolleranza di sinistra e, dato che il compito di Charlie è rimuovere una sostanza nera indesiderabile dalla superficie di una spiaggia bianca (qualcosa in cui si dimostra molto più bravo di chiunque altro), c’è il potenziale per satira pungente qui. Un cameo del regista e musicista Boots Riley, che ha diretto lo sconfinato creativo Sorry to Bother You, strizza l’occhio in quella direzione. Ma la sceneggiatura è così schietta nel suo approccio che impegnarsi con essa a quel livello sarebbe solo aggravante.

In assenza di un messaggio avvincente su cui masticare, gli spettatori cercheranno invece intrighi e anche qui, io sono Charlie Walker, è afflitto da una mancanza di sfumature. La storia raccontata è molto meno interessante di quanto presuppone il film. Charlie pensa che solo un passo avanti sia posizionato come intelligenza suprema e non c’è nulla nella trama che il pubblico non percepirà come ovvio. I personaggi non avanzano mai oltre gli stereotipi, dagli hippy agli uomini d’affari senza scrupoli e ai vagabondi razzisti (completi di minacciosi accenti del sud nonostante siano apparentemente gente del posto di NorCal), lasciandoli senza archi di crescita a cui un pubblico possa aggrapparsi. La decisione di dire frequentemente allo spettatore cosa sta succedendo attraverso la voce fuori campo, la fonte del confronto del documentario televisivo, dà loro poche ragioni per prestare molta attenzione alle scene stesse.

Safiya Fredericks in Io sono Charlie Walker

L’unica vera grazia salvifica è il cast, che finisce per diventare cavie in una prova di quanto sia difficile superare materiale poco cotto. I’m Charlie Walker include molti volti che gli spettatori ricorderanno di aver apprezzato altrove: a parte Colter di Luke Cage e Baker di The Good Wife, Carl Lumbly è stato recentemente la parte migliore di The Falcon and the Winter Soldier, e si spera che Monica Barbaro dovrebbe essere catapultata in un film più grande e cose migliori ora che Top Gun: Maverick è finalmente nelle sale. Tuttavia, non importa quanto spesso appaiano questi artisti, sono tutti sottoutilizzati, gli viene chiesto di tenere una singola nota per molto più tempo di quanto sia credibile o coinvolgente. Anche se ciascuno sbircia a scatti, come sono soliti fare i bravi attori, è probabile che i momenti non vengano visti, poiché il film ha da tempo convinto il suo pubblico a disimpegnarsi.

Sono Charlie Walker uscito in sale selezionate e in VOD venerdì 10 giugno. Il film dura 78 minuti e non è ancora stato valutato.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

La nostra valutazione:

1,5 su 5 (scarso, poche buone parti)

Ultime News

Il ritorno di Peggy Carter nell’MCU riceve un dubbio aggiornamento da Hayley Atwell

Dopo la scomparsa della sua variante in Doctor Strange in the Multiverse of Madness, Hayley Atwell ha un...

The Swimmers Review: le sorelle Issa brillano come le eroiche sorelle Mardini

I film basati su storie vere non sono nuovi. Semmai, sono un punto fermo del cinema. ...

Le probabilità della stagione 5 di Doom Patrol affrontate dallo showrunner

In vista della premiere della stagione 4 dello show, lo showrunner e produttore esecutivo Jeremy Carver ha affrontato...

Come Sam Raimi e John Carpenter hanno ispirato il regista di Cocaine Bear

Elizabeth Banks spiega come il suo prossimo film, Cocaine Bear, si sia ispirato a Steven Spielberg, John Carpenter...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te