Asiatica Film Mediale

“Siamo in chiusura”: la ripresa di Tron 3 ritardata a tempo indeterminato mentre il regista si apre sul licenziamento di oltre 150 persone

“Siamo in chiusura”: la ripresa di Tron 3 ritardata a tempo indeterminato mentre il regista si apre sul licenziamento di oltre 150 persone
Erica

Di Erica

15 Agosto 2023, 20:34



Il regista di Tron: Ares, Joachim Rønning, ha rivelato su Instagram che le riprese del film sono state interrotte a tempo indeterminato a causa dello sciopero degli sceneggiatori e degli attori, con conseguenti 150 licenziamenti. Rønning sollecita l’AMPTP, la WGA e la SAG-AFTRA a negoziare più velocemente a causa dell’impatto sulla produzione di Tron: Ares e sul numero di persone che hanno perso il lavoro. Il futuro di Tron: Ares rimane incerto poiché il regista sottolinea la necessità di una soluzione agli scioperi in corso.

Il regista Joachim Rønning ha parlato dello stato attuale del film Tron: Ares, affermando che 150 persone sono state licenziate a causa del rinvio indefinito delle riprese. Il sequel del film del 2010, Tron: Legacy, vede Jared Leto come protagonista nel ruolo di Ares. Le riprese del film erano in corso quando sono iniziati gli scioperi degli sceneggiatori e degli attori di Hollywood.

Ora, Rønning ha rivelato su Instagram che le riprese di Tron: Ares sono state interrotte a tempo indeterminato a causa dei continui scioperi degli sceneggiatori e degli attori.

Rønning rivela anche che 150 persone che lavoravano al film sono state licenziate. Lancia un appello all’AMPTP, alla WGA e alla SAG-AFTRA affinché accelerino i negoziati, dato che la produzione di Tron: Ares è stata interrotta e tante persone sono state licenziate. Leggi il post completo qui sotto:

“I momenti migliori della mia carriera sono stati quelli in cui ho visto un attore recitare di fronte alla telecamera, portando la scena e il testo a un livello superiore. Ho avuto la fortuna di collaborare con talenti straordinari. È una grande parte di ciò che mi rende un regista. Tuttavia, come me, essere attore o sceneggiatore significa essere un libero professionista. E posso dirti che l’incertezza costante non è per tutti. Perciò non ritengo irragionevole chiedere una rete di sicurezza migliore.

Molti dei miei migliori amici sono sceneggiatori. Tutto inizia con la storia. Tutto inizia da voi. Questo deve continuare. E ciò significa che l’IA deve essere regolamentata. Non c’è dubbio sulle minacce che la tecnologia rappresenta per tutti gli addetti creativi.

Oggi avrebbe dovuto essere il nostro primo giorno di riprese per TRON: ARES (un film che parla di IA e di ciò che significa e richiede essere umani). Invece, siamo fermi con oltre centocinquanta persone licenziate. È una situazione indefinita, il che rende tutto molto più difficile per tutti.

L’AMPTP, la SAG-AFTRA e la WGA devono velocizzare il processo di negoziazione e non abbandonare il tavolo finché non sia concluso. Questo è Hollywood. Chiudiamo accordi a colazione. Perché improvvisamente abbiamo tutto il tempo del mondo quando ogni giorno è così prezioso? Queste tattiche sono estremamente frustranti. È ora di trovare una soluzione diplomatica in modo da poter tornare a lavorare – con condizioni eque per tutti”.

Come scioperi degli sceneggiatori e degli attori hanno influenzato le produzioni di Hollywood

Non è solo Tron: Ares a vedere la produzione interrotta a causa degli scioperi degli sceneggiatori e degli attori. Produzioni di film altamente attesi, come Deadpool 3, Lilo & Stitch in live-action e serie come American Horror Story, sono state tutte colpite dallo sciopero. Anche alcuni film completati sono stati influenzati, con Disney che ha posticipato l’uscita di Poor Things con protagonista Emma Stone a causa dell’impossibilità degli attori di promuovere il film durante lo sciopero.

Tuttavia, ciò che rende unica la sospensione della produzione di Tron: Ares è il riconoscimento di Rønning del numero di licenziamenti avvenuti a causa dello sciopero. È evidente che senza attori e sceneggiatori che producono contenuti per gli studi AMPTP, molti altri membri dell’equipaggio dietro le quinte potrebbero essere licenziati. Ciò sottolinea quanto sia importante che le trattative continuino sia per gli attori che gli sceneggiatori impegnati nella lotta per contratti equi, sia per i membri dell’equipaggio preoccupati per la sicurezza del lavoro.

Non è chiaro quanto gli scioperi degli sceneggiatori e degli attori influenzeranno la data di uscita prevista di Tron: Ares. Non ci sono notizie ufficiali su quando uscirà, ma secondo le indiscrezioni, non sarà visibile prima del 2025, indipendentemente dallo stato attuale delle riprese. Nonostante gli ostacoli e le difficoltà derivanti dai licenziamenti, si spera che Tron: Ares possa riprendere la produzione una volta che gli scioperi saranno terminati.

Fonte: Joachim Rønning/Instagram


Potrebbe interessarti

Il vendicatore tossico svela la prima immagine di Peter Dinklage nel remake del classico cult del 1984.
Il vendicatore tossico svela la prima immagine di Peter Dinklage nel remake del classico cult del 1984.

Riassunto È stata rilasciata la prima immagine di Peter Dinklage nel ruolo di Winston Gooze nel reboot di Toxic Avenger. Il film è una reinterpretazione spirituale del cult classico del 1984 della Troma, che segue un uomo malato terminale che diventa un supereroe deforme dopo essere caduto in un deposito di scorie tossiche. Il regista […]

Blue Beetle Star svela una nuova storia di sfondo per il supercriminale Carapax: “Un enorme cambiamento”
Blue Beetle Star svela una nuova storia di sfondo per il supercriminale Carapax: “Un enorme cambiamento”

Il nuovo origin story di Carapax, nel film Blue Beetle, esplora la vera storia dei popoli indigeni e mette in evidenza gli effetti tragici del colonialismo e dell’adozione forzata. Carapax rappresenta lo specchio oscuro di Jaime Reyes, in quanto è il prodotto della scuola americana che addestrava giovani ragazzi a diventare soldati e macchine per […]