Asiatica Film Mediale

Sandra Bullock temeva che le riprese di Lost City avrebbero ucciso Daniel Radcliffe

Sandra Bullock temeva che le riprese di Lost City avrebbero ucciso Daniel Radcliffe
Erica

Di Erica

24 Marzo 2022, 20:07


Sandra Bullock ricorda una scena in cui era preoccupata per la vita del suo co-protagonista Daniel Radcliffe durante le riprese di The Lost City. Sulla scia di Romancing the Stone, The Lost City – che arriverà nei cinema domani, 25 marzo 2022 – è una commedia romantica basata sull’avventura. Il film è stato diretto da Adam e Aaron Nee da una sceneggiatura che hanno scritto insieme a Oren Uziel e Dana Fox.

Daniel Radcliffe recita in The Lost City nei panni del cattivo Fairfax, un eccentrico miliardario che finanzia una missione sfidante la morte in Sud America. Rapisce la scrittrice di romanzi rosa Loretta Sage (Sandra Bullock), il cui romanzo più recente La città perduta di D contiene dettagli che lo convincono che la città è reale e che lei sa dove si trova. L’unica persona che può salvarla è Alan Caprison (Channing Tatum), il suo modello di copertina bello ma ottuso che interpreta il personaggio principale della sua serie, Dash McMahon.

Di recente, EW ha tenuto una discussione intorno al tavolo con il cast e la troupe di The Lost City. La troupe si è divertita a ricordare alcuni dei momenti più pericolosi e terrificanti delle loro riprese nella Repubblica Dominicana. Durante la conversazione, Aaron Nee ha rivelato che lui e suo fratello erano preoccupati che Radcliffe si sarebbe ritirato dalla produzione perché “Penso che Adam e io abbiamo pensato, ‘Oh no, abbiamo appena portato qui Daniel e lo metteremo dentro l’oceano.'” Sandra Bullock lo ha riformulato in modo più schietto, dicendo “E ora lo uccideremo”.

Contrariamente a quanto pensava Sandra Bullock sul set, Daniel Radcliffe ha precedentemente affermato di essersi divertito moltissimo sul set interpretando un cattivo. In effetti, ha rivelato che pensava di avere il lavoro più facile di chiunque altro lì, dicendo che “hanno fatto delle riprese fisiche piuttosto estenuanti e mi stavo divertendo molto”. Secondo i suoi commenti nella discussione Around the Table, la cosa più vicina a qualcosa di fisicamente impegnativo è stata una scena che lo ha visto rimanere in una grotta per ore, dove insiste scherzosamente di aver dovuto fare pipì in un angolo. A parte questo, però, sembra che il tempo di Radcliffe sul set sia stato per lo più tranquillo, mentre Bullock e Tatum hanno dovuto effettivamente attraversare la giungla e fare alcune delle riprese più difficili.

The Lost City si sta sicuramente preparando per essere un gioco pieno di azione sulla scia di questi momenti potenzialmente cicatriziali. Le prime recensioni per il film Bullock sono state positive, arrivando a un 76% su Rotten Tomatoes prima della sua anteprima ufficiale. Per fortuna, questo sembrerebbe dimostrare che tutti i momenti in cui il cast si è messo in situazioni terrificanti valeva la pena di offrire al pubblico un’esperienza elettrizzante e soddisfacente.

Fonte: EW

Date di uscita chiave La città perduta (2022)Data di uscita: 25 marzo 2022


Potrebbe interessarti

Il regista di Hunger Games ricorda l’incredibile audizione di Jennifer Lawrence
Il regista di Hunger Games ricorda l’incredibile audizione di Jennifer Lawrence

Il regista di Hunger Games Gary Ross ricorda l’audizione di Jennifer Lawrence per il film di successo per giovani adulti. Nel 2022, Jennifer Lawrence è una delle giovani attrici più rispettate del settore. Il quattro volte candidato all’Oscar – e una volta vincitore, per Silver Linings Playbook – è riuscito a colmare il divario tra […]

L’attore Freddy Krueger spiega l’intensa scena di Elm Street cancellata
L’attore Freddy Krueger spiega l’intensa scena di Elm Street cancellata

La star di A Nightmare on Elm Street, Robert Englund, condivide i dettagli di una scena brutale che è stata tagliata dal classico horror. Elm Street, che è stato diretto da Wes Craven ed è uscito nei cinema nel novembre 1984, ha reinventato il genere slasher che era esploso tra la fine degli anni ’70 […]