Asiatica Film Mediale

Sam Elliott si scusa per i commenti su Power Of The Dog

Sam Elliott si scusa per i commenti su Power Of The Dog
Erica

Di Erica

10 Aprile 2022, 23:12


Sam Elliott si è scusato dopo aver fatto commenti insensibili su The Power of the Dog. The Power of the Dog è un film western psicologico basato sull’omonimo romanzo di Thomas Savage. Il film è stato diretto da Jane Campion ed è interpretato da Benedict Cumberbatch, Kirsten Dunst, Jesse Plemons e Kodi Smit-McPhee. The Power of the Dog è incentrato su un allevatore prepotente e misogino, Phil Burbank (Cumberbatch), che inizia a tormentare psicologicamente la nuova moglie di suo fratello, Rose (Dunst) e suo figlio Peter (Smit-McPhee). Tuttavia, la mascolinità tossica di Burbank è il risultato del fatto che ha nascosto la sua omosessualità.

In un’intervista con WTF con Marc Maron, Elliott ha criticato molto senza mezzi termini The Power of the Dog, definendo il film un “pezzo di merda”. Ha elogiato Campion per essere un grande regista, ma ha affermato che non sapeva nulla del West americano. Elliott ha criticato le riprese di The Power of the Dog in Nuova Zelanda invece che in America e ha affermato che tutti i cowboy sembravano ballerini di Chippendales. Tuttavia, ha anche fatto un ulteriore passo avanti e ha criticato le “allusioni all’omosessualità” del film. Riteneva che tutti gli aspetti del film lo rendessero una rappresentazione ingannevole dell’Occidente.

Mentre parlava all’evento TV Contenders di Deadline, Elliott ha iniziato il suo discorso scusandosi per le sue critiche a The Power of the Dog. Ha spiegato che il film lo aveva colpito e voleva discuterne con Maron. Tuttavia, non ha articolato molto bene ciò che voleva dire sul film e ha ferito le persone nel processo. Ha menzionato come la comunità gay sia stata un’incredibile fonte di sostegno per lui e che gli dispiaceva molto che le sue parole li ferissero. Si è anche scusato con il cast di The Power of the Dog e li ha elogiati per essere attori brillanti. Dai un’occhiata alla sua dichiarazione di seguito:

Ho detto al podcaster della WTF che pensavo che Jane Campion fosse una regista brillante e voglio scusarmi con il cast di The Power of the Dog, tutti attori brillanti. E in particolare Benedict Cumberbatch. Posso solo dire che mi dispiace e lo sono. Io sono… non sono stato molto eloquente al riguardo. Non l’ho articolato molto bene. E ho detto alcune cose che feriscono le persone e mi sento malissimo per questo. La comunità gay è stata incredibile per me per tutta la mia carriera. E intendo tutta la mia carriera, da prima che iniziassi in questa città. Amici di ogni livello e di ogni mansione fino ad oggi. Mi dispiace di aver ferito qualcuno di quegli amici e qualcuno che amavo. E chiunque altro dalle parole che ho usato.

Le scuse di Elliott erano probabilmente necessarie, poiché le sue critiche non sono state ben accolte da molti. Campion ha sbattuto in particolare Elliott, affermando che con i suoi commenti “ha colpito la triade di misoginia, xenofobia e omofobia”. Sia Smit-McPhee che Plemons non hanno pensato molto o energia ai commenti di Elliott, scegliendo semplicemente di ridere un po’ su di loro. Cumberbatch ha risposto ai commenti di Elliott scegliendo di concentrarsi sul potere del film e sul perché è così necessario affrontare la mascolinità tossica. Resta da vedere se qualcuna di queste star di Power of the Dog accetterà o risponderà alle scuse di Elliott.

Alla fine, Elliott può avere un’opinione su The Power of the Dog. Tuttavia, quando quell’opinione manca grossolanamente il punto principale del film e include tracce di omofobia, affronterà sicuramente le conseguenze di esprimere tali opinioni. Lo stesso Elliott, dopotutto, non è un cowboy e non può dettare come dovrebbe essere interpretato esattamente il West americano. Oltre a questo, chiaramente non capiva i temi di The Power of the Dog sulla mascolinità tossica e l’omosessualità nascosta e, quindi, avrebbe davvero dovuto astenersi dal parlarne. Fortunatamente, ha riconosciuto come le sue critiche fossero mal articolate e ferissero gli altri. In definitiva, spetta al cast di The Power of the Dog e alla comunità gay accettare le sue scuse. Tuttavia, è rispettabile che Elliott abbia tentato di rimediare al dolore causato dai suoi commenti.

Fonte: Scadenza

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Il botteghino internazionale di Animali fantastici 3 è inferiore a Crimes Of Grindelwald
Il botteghino internazionale di Animali fantastici 3 è inferiore a Crimes Of Grindelwald

Animali fantastici: I segreti di Silente è uscito nelle sale internazionali e il suo debutto è di gran lunga inferiore a quello del film precedente. In arrivo nelle sale americane il prossimo fine settimana, Animali fantastici: I segreti di Silente è il terzo episodio della Warner Bros.’ franchise prequel di Harry Potter. Il nuovo film, […]

Il risveglio della forza I sequel di Star Wars hanno fallito ben prima dell’ascesa di Skywalker
Il risveglio della forza I sequel di Star Wars hanno fallito ben prima dell’ascesa di Skywalker

Sebbene inizialmente sia stato ben accolto, è diventato chiaro che Star Wars: Il risveglio della Forza ha effettivamente fallito la trilogia del sequel sin dall’inizio. Realizzare una trilogia di sequel in grado di sfruttare appieno la schiacciante popolarità di Star Wars è sempre stata una battaglia in salita, e la trilogia di sequel della Disney […]