Asiatica Film Mediale

Rings Of Power è buono come i film LOTR? È all’altezza dell’hype?

Rings Of Power è buono come i film LOTR?  È all’altezza dell’hype?
Debora

Di Debora

03 Settembre 2022, 23:44


Questo articolo contiene spoiler per gli episodi 1 e 2 di The Rings of Power. Anelli. È impossibile sopravvalutare l’impatto che Game of Thrones, la serie TV estremamente popolare della HBO, ha avuto nel dimostrare che esisteva un mercato per la narrazione di lunga durata, percorrendo un percorso seguito da molti successori. Quando Game of Thrones si è concluso nel 2019, ogni studio, servizio di streaming e rete sperava che sarebbero stati loro a colmare il divario. Gli Amazon Studios si sono rivolti a un franchise classico, Il Signore degli Anelli, per una serie TV prequel.

Il budget di 1 miliardo di dollari di Rings of Power lo rende lo sfidante più impegnato per l’eredità di Game of Thrones. Quel budget rende The Rings of Power la serie TV più costosa mai realizzata e i dirigenti di Amazon lo hanno giustificato insistendo che era necessaria una quantità fenomenale di costruzione del mondo. La decisione di girare la prima stagione in Nuova Zelanda significa naturalmente che molti spettatori paragoneranno Gli anelli del potere agli amatissimi adattamenti cinematografici di Peter Jackson de Il Signore degli Anelli di JRR Tolkien, e anche la colonna sonora sembra evocarli. Tutto ciò significa che è impossibile sopravvalutare il peso delle aspettative che gravano sulle ultime serie TV di Amazon, sia dal pubblico in generale che dal corpo stesso di Amazon.

Amazon Studios ha avuto molti originali di successo, ma nessuno ha avuto il significato culturale di Stranger Things di Netflix o The Mandalorian di Disney+. Secondo Business Insider, questo è il loro momento di verità; “Se non avrà successo, ci sarà una grande domanda da parte di Andy Jassy e del consiglio”, ha osservato un insider. “Se non possiamo prendere questo pezzo di IP e renderlo di successo, perché Amazon Studios è anche qui?” Fortunatamente, tutti i segni indicano che The Rings of Power realizzerà davvero il suo potenziale e sarà all’altezza dell’eredità de Il Signore degli Anelli.

Gli anelli del potere non giocano solo sulla nostalgia

È impossibile sopravvalutare l’importanza della nostalgia nella moderna cultura popolare. Questo è il segreto del successo di Stranger Things, che gioca sulla nostalgia degli anni ’80 in modi freschi e creativi. Sarebbe facile anche per The Rings of Power di Amazon giocare la carta della nostalgia, concentrandosi sugli omaggi ai blockbuster vincitori di Oscar di Peter Jackson. Ma la decisione di ambientare The Rings of Power nella Seconda Era della Terra di Mezzo impedisce che diventi un problema troppo grande. Solo una manciata di personaggi familiari di lunga durata sono ancora in giro e le location sono molto diverse. Questo potrebbe essere il passato della Terra di Mezzo, ma sembra fresco e nuovo.

Aiuta il fatto che The Rings of Power attinga a tradizioni meno note, dalle appendici e dalle note personali dello stesso JRR Tolkien. “Tolkien ha parlato di non creare la Terra di Mezzo ma di scavarla. Ci siamo sentiti come se stessimo scoprendo cose che erano già lì”, ha spiegato il co-creatore JD Payne (tramite Vulture). “La gente ne ha sentito parlare in montaggi e flash, ma questi sono enormi storie non raccontate”. In due episodi, The Rings of Power introduce nuovi personaggi come Halbrand, che non sembrano esistere nella tradizione consolidata (a meno che, ovviamente, Halbrand non utilizzi, o utilizzerà, uno pseudonimo). Le ampie pennellate della storia possono essere facili da dedurre, ma i dettagli e gli archi dei personaggi rimangono un mistero.

Gli anelli del potere racconta una storia straordinariamente efficace

Il Signore degli Anelli è stato l’ultimo franchise a quattro quadranti, con qualcosa per tutti. The Rings of Power raggiunge lo stesso equilibrio, fondendo spettacolo e momenti più tranquilli dei personaggi, minacce drammatiche e ricco umorismo. Sarebbe così facile per lo spettacolo sentirsi appesantito da un cupo senso di oscurità, poiché Sauron inizia a manipolare gli eventi a suo favore e progetta la creazione degli Anelli del Potere, ma The Rings of Power evita abilmente quell’errore. L’identità di Sauron rimane sfuggente, infondendo all’intera storia un senso di mistero che è del tutto appropriato dato che il cattivo è un mutaforma e un bugiardo.

È sorprendente quanto velocemente The Rings of Power abbia arricchito il suo personaggio, in parte schierando gli stessi archetipi dello stesso JRR Tolkien. Gli Harfoots sono deliziosi e la dinamica tra Nori e Poppy ricorda meravigliosamente Merry e Pippin senza essere derivativa. Elrond e Durin si sentono come un riff su Legolas e Gimli, ma con oscuri segreti tra di loro. Il ritratto di Galadriel si è rivelato un po’ più divisivo, con la sensazione che il personaggio di Tolkien non avrebbe mai dovuto essere reinventato come un guerriero. Eppure, nonostante tutto ciò, il suo arco narrativo sembra cruciale e il suo personaggio si evolverà chiaramente. La storia di Galadriel in realtà migliora il finale de Il Signore degli Anelli, in cui finalmente salpa per le Terre Immortali, la sua missione è stata completata e Sauron finalmente sconfitto.

La fotografia e la colonna sonora degli anelli del potere sono buone come Il Signore degli Anelli

I film de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson hanno fatto di tutto per sviluppare la Terra di Mezzo come un personaggio a sé stante, con una cinematografia straordinaria e una vasta gamma di riprese di paesaggi che hanno messo in mostra la Nuova Zelanda in tutta la sua bellezza. The Rings of Power segue lo stesso approccio, con una cinematografia sontuosa e straordinari effetti visivi che sono tanto più impressionanti dato che è stato girato durante la pandemia. Per quanto sbalorditivo possa essere il budget, ogni singola scena mostra perché lo spettacolo era così costoso. The Rings of Power presentava oltre 9.500 colpi VFX, attingendo alle abilità di 20 studi VFX.

Nel frattempo, vale anche la pena individuare la colonna sonora di The Rings of Power, pubblicata su Spotify prima della premiere. Il Signore degli Anelli è sinonimo del lavoro del compositore canadese Howard Shore, che ha vinto quattro Grammy Awards, tre Oscar e due Golden Globe per il suo lavoro nei film di Peter Jackson. Amazon ha saggiamente coinvolto Shore ancora una volta per comporre la melodia del tema principale, assicurando che ci fosse un forte senso di continuità tra le rappresentazioni della Terra di Mezzo. La colonna sonora principale è del compositore americano Bear McCreary, che ha apertamente ammesso di essere un fan di Shore; era felice di come la sua musica si adattasse bene a quella di Shore, e con buone ragioni.

La prima stagione di The Rings of Power è lunga otto episodi e solo due sono stati rilasciati. Sulla base di questi primi due episodi, questo è tutto ciò che Amazon voleva: un degno successore de Il Signore degli Anelli, riuscendo in qualche modo ad essere buono come quei film indimenticabili. La sfida, tuttavia, sarà vedere se The Rings of Power potrà continuare a prosperare nella stagione 2, quando la produzione si sposterà dalla Nuova Zelanda al Regno Unito, un cambiamento che molti hanno criticato come non in linea con il mondo del franchise. Sarà emozionante vedere cosa ha in serbo il futuro per The Rings of Power.

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere continua giovedì/venerdì su Prime Video.

Unisciti ad Amazon Prime: guarda migliaia di film e programmi TV in qualsiasi momento

Inizia subito la prova gratuita

Vuoi altri articoli di The Rings of Power? Dai un’occhiata ai nostri contenuti essenziali qui sotto…

  • Quanti episodi degli anelli del potere ci sono (e quando è il finale)
  • Gli anelli del potere: cast e descrizioni dei personaggi
  • Tutto ciò che The Rings of Power tralascia sulla Guerra dell’Ira
  • Spiegazione di ogni nuova posizione di Tolkien negli anelli del potere


Potrebbe interessarti

Le riprese della seconda stagione di Rings Of Power inizieranno presto
Le riprese della seconda stagione di Rings Of Power inizieranno presto

Con la premiere che ha già stabilito record di spettatori per Prime Video, lo showrunner JD Payne ha rivelato che le riprese della seconda stagione di Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere inizieranno presto. Con solo due degli otto episodi pubblicati finora, l’epica serie fantasy basata sui romanzi di JRR Tolkien ha già […]

Brec Bassinger di Stargirl vuole Superman e Lois Crossover
Brec Bassinger di Stargirl vuole Superman e Lois Crossover

Brec Bassinger, che interpreta Courtney Whitmore in Stargirl della CW, ha espresso interesse per Superman & Lois, uno degli ultimi spettacoli dell’Arrowverse. Sebbene l’Arrowverse sia stato uno dei franchise di punta di The CW dal 2012, le cose hanno preso una svolta drastica all’inizio del 2022 dopo che è stato confermato che i proprietari di […]