RecensioniRecensione Wendell & Wild: il film ambizioso in stop-motion...

Recensione Wendell & Wild: il film ambizioso in stop-motion è un divertimento inquietante per la famiglia

-


Wendell & Wild, il primo lungometraggio del regista Henry Selick dopo Coraline del 2009, è un film eccitante e ambizioso. È un pezzo con il suo precedente lavoro in stop-motion in quanto combina la sensibilità dei film per famiglie con immagini macabre in un modo che sicuramente farà da seme alla prossima generazione di fan dell’horror. La sua voce qui è anche chiaramente in dialogo con il maestro del genere Jordan Peele, accreditato come co-sceneggiatore, produttore e (in una gioiosa riunione con l’ex compagno di sketch Keegan-Michael Key) attore. La diversità è stata una chiara stella polare, ampliando la portata dei ragazzi che ora possono vedere la loro sensibilità fuori luogo riflessa in un film di Selick, e la sceneggiatura è carica di interessi tematici e politici, più di quanto abbia spazio per disfare completamente. Sebbene questa densità non sia così delicatamente stratificata come potrebbe essere nei progetti di Peele, alla fine fa poco danno all’esperienza visiva, soprattutto perché è rispecchiata da un’animazione visivamente fantasiosa che non esita a ricordare allo spettatore come è stata realizzata . In parti uguali inquietante, divertente e impressionante, Wendell & Wild (nonostante sia inspiegabilmente classificato PG-13) è un orologio ideale per tutta la famiglia questo Halloween.

La storia del film segue due filoni destinati a scontrarsi. In uno, Kat (Lyric Ross), una ragazza nera di 13 anni rimasta orfana in un incidente d’auto anni prima, è costretta dalle circostanze a tornare nella sua città natale di Rust Bank. Indurita dal tempo trascorso nei sistemi di affidamento e correzione minorile, Kat ha una possibilità di ricominciare da capo da una soffocante scuola privata cattolica che ha bisogno dei fondi che ottengono ospitandola, e trova Rust Bank sull’orlo di essere rubata dal sinistro Klax Korp. L’altro si svolge negli inferi, dove due demoni di dubbia intelligenza, i titolari Wendell (Key) e Wild (Peele), si sono messi nei guai con il loro onnipotente padre, Buffalo Belzer (Ving Rhames). L’enorme demone che porta sulla pancia un parco “divertimenti” per anime perdute accusa i suoi figli di tradimento quando scopre che stanno progettando di costruire una fiera tutta loro e vengono condannati a svolgere il lavoro manuale per tenerlo con sé. una folta chioma. Più o meno nello stesso periodo, i tre personaggi principali scoprono qualcosa di speciale su Kat. È quella che viene chiamata Hell Maiden e Wendell e Wild sono essenzialmente i suoi demoni personali. Mentre si adatta alla sua nuova vita, i due la fissano come biglietto per uscire dalla servitù e per la terra dei vivi.

Sebbene la narrazione non sia mai difficile da seguire, la sua struttura non è delle più naturali e Wendell & Wild a volte si basa su rughe della storia che sembrano emergere dal nulla. Questo difficilmente si rivelerà fastidioso, però. Come indica il lato demoniaco della sinossi, questo film ha una sensibilità comica che è radicata nell’assurdamente sciocco, e il pubblico è incoraggiato fin dall’inizio a rispondere alla casualità con una risata. Aiuta che il dialogo spesso divertente sia venduto da alcune performance vocali molto forti. Key e Peele sono ovvi elementi di spicco e Selick sfrutta al massimo il loro rapporto naturale tenendo uniti i loro personaggi, sviluppando Wendell e Wild come individui principalmente attraverso la loro relazione.

Dal punto di vista comico, Rhames e il leggendario James Hong, nei panni del maestro di scuola di Kat, Father Bests, danno vita ai loro personaggi ben progettati in un modo che li rende memorabili. Al di fuori di Ross, che interpreta abilmente il protagonista umano amareggiato, il lato drammatico del film tende a prendere l’estremità corta del bastone quando si tratta di sviluppo del personaggio, e di conseguenza gli spettatori potrebbero ritrovarsi a soffermarsi meno su quelle interpretazioni. Ma il personaggio nell’animazione è una collaborazione tra attore e animatore, e la forza visiva di questo film porterà il pubblico oltre ogni lamentela in quel reparto. Sebbene sia intrigantemente distinto dall’aspetto del lavoro precedente di Selick, ogni aspetto di Wendell & Wild beneficia di un approccio espressivo al design e non ci vuole assolutamente tempo per stabilirsi nei mondi duali di Rust Bank e Hell.

Ci sono alcuni tableaux che sembrano destinati a fare impressione, in particolare quelli che si appoggiano al lato inquietante delle cose, anche se i genitori non devono essere troppo preoccupati. Anche se esplora l’oscurità, il film ha un cuore vivace e le sue immagini sembrano meno inquietanti di Coraline o James and the Giant Peach, entrambi classificati come PG. Wendell & Wild si appoggia anche alla sua qualità artigianale in un modo davvero emozionante. Anche se gli spettatori sono coinvolti nella narrazione, l’animazione stop-motion ha quella speciale capacità di mantenere attiva la parte del cervello focalizzata sull’oggetto stesso e su come è realizzato. I momenti di stupore e smarrimento per il modo in cui viene realizzata una determinata ripresa o transizione sono fondamentali per l’esperienza visiva.

Il punto in cui il film soffre di più è nella qualità ammirevole di avere troppo da dire. In definitiva, il concetto di maggiore interesse per i registi è la famiglia, e questa idea viene esplorata in modo abbastanza convincente su più livelli. Ma nel suo desiderio di affrontare temi così ampi come l’effetto liberatorio dell’affrontare il proprio trauma e l’impatto devastante dell’avidità politicamente sanzionata sulle comunità locali, Wendell & Wild lascia i fili della storia intrecciati, se non sospesi. C’è un desiderio di impegnarsi profondamente con il mondo reale che fa sembrare qualcosa come La mia vita da zucchina una potenziale pietra di paragone, ma questo non si concilia mai del tutto con l’uso della fantasia nel film per esplorare concetti in astratto: questo sembra un punto in cui Peele e le voci autoriali di Selick hanno sperimentato più attrito che armonia.

​​​​​​​Tuttavia, i potenziali spettatori non dovrebbero criticare il film per aver morso più di quanto potrebbe masticare prima di dargli una vera possibilità di impressionarli. Meglio correre rischi e accumulare disordine che giocare troppo sul sicuro e finire per coltivare nulla di reale interesse.

Wendell & Wild è uscito nelle sale limitate il 21 ottobre ed è disponibile per lo streaming su Netflix dal 28 ottobre. Il film dura 106 minuti ed è classificato PG-13 per alcuni materiali tematici, violenza, uso di sostanze e linguaggio breve e forte.

Ultime News

La rivelazione di Rainbow Road del film Super Mario Bros. lo rende molto migliore

L'ultimo trailer di The Super Mario Bros. Movie presenta una rivelazione di Rainbow Road, che fa molto per...

Perché la grande rivelazione di Wakanda Forever è avvenuta nei titoli di coda

Il montatore di Black Panther: Wakanda Forever Michael P. Shawver spiega perché è stata presa la decisione di...

James Gunn prende in giro il progetto DC segreto su cui sta già lavorando

James Gunn anticipa un progetto DCU super segreto a cui sta già lavorando. Meglio conosciuto per Guardiani...

Il trailer della terza stagione di Emily In Paris mostra Emily che vive una doppia vita al lavoro

Emily in Paris stagione 3 ottiene un nuovo trailer, rivelando ulteriormente la doppia vita di Emily al lavoro....

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te