RecensioniRecensione Tahara: Il racconto disordinato di amore e amicizia...

Recensione Tahara: Il racconto disordinato di amore e amicizia è esaltato dalle sue due piste

-


Per molti versi, il film Tahara di Olivia Peace è un progetto ambizioso. Cerca di esplorare i temi della sessualità, dell’amicizia e della morte in un tempo straordinariamente breve. Basandosi su una sceneggiatura originale di Jess Zeidman, Peace si tuffa a capofitto in queste aree oscure e arriva con un film che non lascia risposte facili sulla sua scia, ed è tanto più intrigante per questo. I paragoni con lo Shiva Baby a tema simile sono inevitabili, ma Tahara riesce a essere qualcosa di molto diverso. Sebbene alcuni aspetti possano sembrare lievi, Tahara è un avvincente racconto di formazione rafforzato dal suo stile visivo distintivo e dai protagonisti ben assortiti.

Dopo la morte di un compagno di classe, le migliori amiche Carrie (Madeleine Gray DeFreece) e Hannah (Rachel Sennott) si ritrovano a partecipare sia al suo funerale che a una “riflessione tra adolescenti” nella loro sinagoga locale. Il talk-back ha lo scopo di aiutare i vari ragazzi a elaborare il loro presunto dolore, ma Hannah è più preoccupata di attirare l’attenzione di Tristan (Daniel Taveras), la sua cotta di lunga data. In un momento di sbalorditiva ignoranza, Hannah convince Carrie a baciarla per valutare le sue capacità. Per Hannah è un momento passeggero, ma per Carrie porta a una rivelazione sorprendente che colora il resto del discorso agonizzante e imbarazzante.

Madeline Grey DeFreece a Tahara

Tahara si svolge interamente nella sinagoga, che normalmente correrebbe il rischio di far sembrare un film troppo stagnante. All’inizio, tuttavia, Peace lavora contro questo utilizzando trucchi visivi unici. Dall’intreccio nell’animazione all’espansione delle proporzioni squadrate durante i momenti di scoperta di sé di Carrie, Peace trova modi creativi per mostrare davvero ciò che le ragazze stanno pensando e provando. Carrie ottiene l’esplorazione più interna dei due protagonisti in Tahara, il che può essere un po’ frustrante per coloro che potrebbero voler capire meglio Hannah. Tuttavia, poiché Carrie è la protagonista de facto qui, ha senso che il suo viaggio sia al centro della scena sopra ogni altra cosa.

DeFreece è più che all’altezza della sfida di sopportare le complicate emozioni di Carrie in tutta Tahara. Dalla sua eccitazione speranzosa nel rendersi conto di provare dei sentimenti per Hannah al suo disagio mentre scopre cosa prova Hannah stessa, DeFreece interpreta l’arco narrativo di Carrie con un’autenticità e serietà che elevano la sceneggiatura di Zeidman. Come Hannah più polarizzante, Sennott non si tira indietro dagli aspetti più disordinati del suo personaggio; infatti, scivola nel suo ruolo con facilità. Sennott e DeFreece hanno un solido rapporto insieme, anche se l’elemento di amicizia della relazione tra Carrie e Hannah sembra sottosviluppato. Peace ha un modo intelligente di mostrare la facilità con cui comunicano in una scena iniziale, alludendo a una lunga storia, ma sembra che manchi ancora qualcosa nel loro legame.

Rachel Sennott e Madeline Grey DeFreece a Tahara

Sotto la sua storia di scoperta queer e amicizie complicate, Tahara tocca anche la perdita attraverso la trama che coinvolge il compagno di classe defunto. Poiché nessuno dei personaggi coinvolti era particolarmente vicino alla ragazza, il pubblico apprende solo una manciata di dettagli su di lei. Ci sono momenti in Tahara che suggeriscono che Hannah potrebbe aver avuto un impatto sulla sua morte, ma il film non lo approfondisce mai completamente. Con un tempo così breve, è comprensibile, ma considerando la natura della morte del compagno di classe (che è avvenuta per suicidio), Tahara avrebbe forse potuto cimentarsi con questo per un po’ più a lungo. Avrebbe aggiunto più profondità alla storia in generale.

Tuttavia, per quello che si propone di fare, Tahara riesce. Cattura le sfumature imbarazzanti della scoperta di sé queer e non evita le spinose questioni di un’amicizia che forse è più dannosa che positiva. DeFreece e Sennott si adattano perfettamente ai loro ruoli, mentre il resto del cast di supporto aiuta a far sentire Tahara vissuto. È tutt’altro che un tipico film di formazione, ma questo è ciò che lo rende un’istantanea così intrigante. Il pubblico alla ricerca di una nuova voce da regista sarebbe intelligente nell’ascoltare ciò che Peace (e Zeidman, del resto) hanno da dire.

Tahara è uscito nelle sale venerdì 10 giugno. Il film dura 77 minuti e non è classificato.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

La nostra valutazione:

3 su 5 (Buono)

Ultime News

Il ritorno di Peggy Carter nell’MCU riceve un dubbio aggiornamento da Hayley Atwell

Dopo la scomparsa della sua variante in Doctor Strange in the Multiverse of Madness, Hayley Atwell ha un...

The Swimmers Review: le sorelle Issa brillano come le eroiche sorelle Mardini

I film basati su storie vere non sono nuovi. Semmai, sono un punto fermo del cinema. ...

Le probabilità della stagione 5 di Doom Patrol affrontate dallo showrunner

In vista della premiere della stagione 4 dello show, lo showrunner e produttore esecutivo Jeremy Carver ha affrontato...

Come Sam Raimi e John Carpenter hanno ispirato il regista di Cocaine Bear

Elizabeth Banks spiega come il suo prossimo film, Cocaine Bear, si sia ispirato a Steven Spielberg, John Carpenter...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te