RecensioniRecensione Rumble: il film d'animazione manca di spirito combattivo

Recensione Rumble: il film d’animazione manca di spirito combattivo

-


Reel Fx Studio Rombo mette su un incontro decente, ma non ha lo spirito di un film d’animazione degno di nota. Geraldine Viswanathan (bloccanti) interpreta Winnie Coyle, un giovane tifoso desideroso di diventare un allenatore e Will Arnett (BoJack Horseman, Lego Batman) dà voce al secondo protagonista, Rayburn Jr., un fuggiasco che si nasconde dal suo destino. Le aspettative per Viswanathan come doppiatore devono ancora essere stabilite, ma Arnett è indiscutibilmente una leggenda moderna nel campo e questa offerta sembra tutt’altro che unica. I bambini adoreranno sicuramente lo schiacciamento dei mostri, ma Rombo non è in grado di mantenere pienamente l’attenzione di un adulto.

Il lottatore di mostri professionista, Rayburn Sr. (Charles Barkley) e l’allenatore Jimbo Coyle (Carlos Gomez) sono il duo mostro/allenatore della città natale di Stoker. A Rayburn Sr. non piace che suo figlio, Rayburn Jr., ami ballare invece di lottare. Mentre la figlia di Jimbo, Winnie, vuole essere proprio come suo padre. Quando Rayburn Sr. e Jimbo passano, la città di Stoker cerca un nuovo mostro per cui tifare in Tentacular (Terry Crews). Ma in una mossa direttamente uscita da un ritaglio di notizie di LeBron James, Tentacular lascia immediatamente Stoker per portare i suoi talenti a Slithermore. Promuovendo la migliore battuta del film, “Colpiscilo proprio nei tentacoli!” Tocca a Winnie trovare Rayburn Jr. e reclamare l’orgoglio della sua città. All’inizio, Rayburn Jr. si accontenta di essere un tallonatore vagabondo, ma due montaggi dopo, lui e Winnie sono spessi come ladri, finalmente pronti ad affrontare i loro problemi con il padre.

Rombo vuole insegnare ai bambini che non devono essere i loro padri. Il problema è che la cosa peggiore che questi padri abbiano mai fatto è stata dire a suo figlio di smettere di ballare durante gli allenamenti di wrestling. Poi il film passa alla modalità di non dover vivere nell’ombra di un padre, anche se non funziona nemmeno perché ci sono solo due scene con i padri e parlano a malapena. In poche parole, la trama del padre avrebbe dovuto essere più articolata, il che è ironico perché i film d’animazione tendono a insistere sui genitori morti. C’è un montaggio di 30 minuti nel film che spiega la storia sia di Jimbo Coyle che di Rayburn Sr. Se avesse aperto il film invece dei due minuti di voce fuori campo, Rombo sarebbe molto più vicino ad avere una vera posta in gioco emozionale.

WWE Studios è accreditata come società di produzione in questo film e il wrestling professionale è intrinsecamente e apertamente performativo. I bambini di oggi sono ancora più esperti nei dettagli di questo sport rispetto alle generazioni passate. Prima di Internet, il wrestling era diviso in due fazioni: il wrestling è falso o il wrestling è reale. Ma il wrestling non è reale o falso: sono acrobazie ben eseguite. Quindi, quando l’intero mondo del wrestling si rivolge a Rayburn Jr. perché è un wrestler il cui stile prevede la danza, non suona vero. Considerando che perde apposta tutte le partite precedenti, sembra strano che si dispiaccia per aver ballato e non aver disonorato lo sport. Detto questo, non si può fare a meno di ridacchiare durante la sua mossa finale, che consiste nel ballare intorno al ring prima di lanciare il sedere in faccia al suo avversario urlando: “Preparati per il boom della luna!”

I cittadini di Stoker hanno un grande Parchi e Divertimento atmosfera a loro. Ben Schwartz nei panni del pacchiano promotore di combattimenti sempre al telefono, Jimothy, è sicuramente l’esempio più letterale di questo. Un fan cambia regolarmente ogni tatuaggio sul suo corpo per abbinarlo al suo wrestler preferito e Jimmy Tatro (Vandalo americano) e Stephen A. Smith (Primo Take) brillano come i commentatori, portando ilarità in ogni scena che condividono. È anche nelle loro conversazioni che la domanda: “Quanto ci dovrebbe importare che Rayburn Jr. balli?” viene analizzato nel modo più accurato. Non sorprende, Rombo non appartiene a una conversazione con Alla ricerca di Nemo o altri classici dei cartoni animati. Ma si inserisce anche ben al di sotto dei suoi pari scadenti, come in avanti. Appesantito dalla sua incapacità di impegnarsi completamente in una storia sui padri e privo di spirito combattivo, Rumble è lungi dall’essere un’animazione da non perdere.

Rumble è in streaming su Paramount+ dal 15 dicembre. Il film dura 95 minuti ed è classificato come PG per un po’ di azione e umorismo scortese.

Date di rilascio principali Rumble (2021)Data di rilascio: 15 dicembre 2021

Latest news

After Ever Happy: tutto ciò che sappiamo sul film After 4

Il terzo film della serie After, After We Fell, è arrivato su Netflix e ha sollevato dubbi su...

È morto a 37 anni Gaspard Ulliel, attore francese e star di Moon Knight

Gaspard Ulliel, l'attore che interpreta Midnight Man in Moon Knight, è morto all'età di 37 anni. Ulliel, nato...

Come i Transformers di Michael Bay hanno riscattato la linea di giocattoli più strana del franchise

Con l'inclusione di Alice (Isabel Lucas) in Transformers: La vendetta dei caduti, i film di Michael Bay hanno...

Secondo quanto riferito, il programma TV live-action di Lost Judgment è in fase di sviluppo

Secondo quanto riferito, un programma televisivo live-action di Judgment è in fase di sviluppo con la star Takuya...

Will Smith Ballando con sua madre è il video commovente di cui il 2022 ha bisogno

Will SmithIl post sui social media di lui che balla con sua madre il giorno del suo 85°...

Trailer della sesta stagione di Outlander: Jamie interpreta entrambe le parti in Revolutionary War

Jamie lotta per interpretare sia il lealista che il ribelle nel trailer della sesta stagione di Outlander. ...

Must read

You might also likeRELATED
Recommended to you