RecensioniRecensione La figlia del re: Brosnan è protagonista di...

Recensione La figlia del re: Brosnan è protagonista di un pasticcio da favola senza gioia e confuso

-


La figlia del re è letteralmente un film d’altri tempi. Girato nel 2014 e sospeso dall’uscita per una miriade di motivi, l’adattamento del romanzo del 1997 La luna e il sole di Vonda N. McIntyre ottiene finalmente il suo giorno al sole nel 2022. Scaffare i film è spesso una mossa drastica e triste, ma questo film dimostra che cose del genere possono accadere. Alcuni film semplicemente non hanno la caratteristica di essere grandiosi, nonostante il potenziale sia così alto e La figlia del re è sicuramente uno di questi film.

A dare il via a questa fiaba particolare è la figlia illegittima di re Luigi XIV (Pierce Brosnan), Marie-Josèphe (Kaya Scodelario), che era nascosta in un patto. Il re non solo ha un’avversione per la cura dei suoi figli, ma è anche contrario all’invecchiamento. Per combattere la mortalità, il re Luigi XIV commissiona la ricerca di una mitica sirena. I suoi sforzi si complicano quando invita sua figlia a corte per diventare la sua nuova compositrice di musica e le capita di scoprire l’esistenza della creatura. Marie-Josèphe è una giovane donna dallo spirito libero che si connette istantaneamente con la sirena CGI (Fan Bingbing), trovando uno spirito affine all’interno della creatura. Marie deve fare il possibile per proteggere la sirena dall’egoista reale, che, all’insaputa di Marie, è suo padre. La storia sembra abbastanza semplice, ma quello che si svolge per un’ora e trenta minuti è un film tutt’altro che.

Kaya Scodelario e Crystal Clarke ne La figlia del re

La figlia del re è un po’ un pasticcio contorto. È fastidiosamente ambientato in Francia mentre la storia è abitata da attori non francesi. Con le libertà creative che la sceneggiatura – di Barry Berman e James Schamus – si prende con il romanzo, il film avrebbe potuto trapiantare la storia nel Regno Unito e dare molto più senso al casting del progetto. Più tempo sullo schermo ha Pierce Brosnan, più difficile è superare il suo accento molto irlandese, che è solo esacerbato dalla sua brutta parrucca e dalla sua interpretazione davvero fuori luogo come il re avido. Tuttavia, il suo accento e i vari accenti britannici dell’ensemble sono l’ultimo dei problemi di questo film.

La figlia del re manca di coerenza e non c’è il senso del tempo o del luogo poiché accenti, parrucche/capelli, costumi e scenografie si scontrano tra loro. Tutto ciò potrebbe essere in qualche modo trascurato se la storia non fosse interamente composta da fili narrativi vagamente legati. Per prima cosa, il re ha troppa presenza nel film senza mai guadagnare l’interesse degli spettatori. È un re orgoglioso, un padre negligente, un donnaiolo che cerca il perdono di Dio ogni mattina e altro ancora. Ma con ogni nuovo dettaglio aggiunto, meno conosciamo o capiamo il protagonista. Tuttavia, per dare corpo al personaggio di Brosnan è stato fatto di più rispetto a Marie-Josèphe, il personaggio principale del film, il che rende un grande disservizio all’appassionata interpretazione di Kaya Scodelario. Il film, attraverso un montaggio estremamente instabile, divide anche la sua attenzione tra altri personaggi che hanno tutti le proprie motivazioni e archi narrativi, anche se tendono a essere irrilevanti o mai raccontati adeguatamente. La figlia del re alla fine lotta con la prospettiva, con la trama che include strati di storia che creano una narrativa eccessivamente abbellita.

Kaya Scodelario e Benjamin Walker ne La figlia del re

Con la narrazione centrale che coinvolge la sirena, c’è l’aggiunta di un ambizioso giovane duca (Ben Lloyd-Hughes), una nascente storia d’amore tra la principessa illegittima con l’umile pescatore Yves De La Croix (Benjamin Walker), un losco dottore (Pablo Schreiber) che desidera sezionare la sirena per la sua forza vitale, e un prete (William Hurt) che ha un’obiezione morale all’intera situazione della sirena. Con ogni nuovo arco narrativo del personaggio, La figlia del re si allontana sempre più da Marie, che è una raccolta di idee e dettagli che non formano mai una persona completamente realizzata. È una musicista di talento che sente un’attrazione verso il mare, ma è distrattamente ingenua su quasi tutto, una sognatrice con gli occhi spalancati che è vuota come un tamburo.

Inoltre, non c’è sviluppo della relazione di Marie con Yves, che è stata cambiata dall’essere il fratello maggiore di Marie nel libro al suo interesse romantico per il film. Scodelario ha più chimica con la deliziosa Crystal Clarke, che interpreta Magali, l’amica di Marie, che con Walker. Una sceneggiatura più semplicistica avrebbe fatto miracoli per Marie come personaggio (e come protagonista del film), e avrebbe anche reso il film molto più sopportabile. Il film ha difficoltà nel reparto narrativo, ma non è nulla in confronto alla sua presentazione confusa. Come notato in precedenza, il figlia del re sembra confuso su come dovrebbero suonare i francesi, ma è anche confuso su come dovrebbero apparire. I costumi riducono notevolmente il divertimento del film poiché nessuno di ciò che viene indossato riflette la Francia del XVI secolo.

Pierce Brosnan ne La figlia del re

I costumi accurati per il periodo non sono del tutto la fine della narrativa storica, ma quando gli abiti sembrano strappati da un episodio del ballo di fine anno Pettegola c’è un problema. Il costume anacronistico non è una novità ed è sicuramente diventato un po’ una tendenza oggi Bridgerton, Il grande, e Dickinson giocare con il tempo e modernizzare quella che spesso può essere una moda poco pratica o eccessivamente elaborata. Tuttavia, i costumi di La figlia del re riflette inavvertitamente ciò che manca al film: l’incantesimo. Con la fantasia e l’imponenza scintillanti dello sfondo, è terribilmente controintuitivo non avere i costumi conformi agli standard stabiliti dalla Reggia di Versailles.

La figlia del re non è privo di vittorie e la colonna sonora è opportunamente drammatica e affascinante. Il film ha un bell’aspetto, con un tocco di quel bagliore “questa è una fantasia”. Tuttavia, La figlia del re aveva bisogno di molto meno sulla pagina e molta più attenzione al suo montaggio e al personaggio principale. Ogni scena non dovrebbe sembrare come se appartenesse a un film diverso, soprattutto considerando il suo finale incredibilmente selvaggio. La figlia del re è senza vita e nulla al riguardo è incantevole, il che rende la storia contorta, il protagonista ampiamente sottosviluppato e le scelte di costume che distraggono molto più evidenti. Avrebbe potuto esserci molto di cui amare La figlia del re, ma sembra che il team creativo semplicemente non sapesse cosa farne.

The King’s Daughter è uscito nelle sale il 21 gennaio. È lungo 97 minuti e classificato PG per alcuni elementi di violenza, materiale suggestivo ed tematico.

Date di uscita chiave La figlia del re (2022)Data di uscita: 21 gennaio 2022

Ultime News

Un pezzo di costume di Harrison Ford del 1923 ha impiegato molto tempo per capirlo

Un costumista per il prequel di Yellowstone 1923 discute il lungo processo di selezione del cappello di Ford....

Angela Bassett di Black Panther 2 ha filmato una scena con il figlio di T’Challa

La star di Black Panther: Wakanda Forever, Angela Bassett, ha recentemente rivelato di aver filmato una scena con...

Robert Downey Jr. rivela cosa gli manca di più del MCU

Robert Downey Jr. rivela cosa gli manca di più dell'essere parte del Marvel Cinematic Universe. Downey Jr....

National Lampoon Star rivela la storia del sequel non prodotto

La star di National Lampoon's Vacation, Beverly D'Angelo rivela l'idea per un sequel cancellato. Uno dei franchise...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te