RecensioniRecensione Doctor Strange In The Multiverse of Madness: Raimi...

Recensione Doctor Strange In The Multiverse of Madness: Raimi rende l’MCU davvero spaventoso

-


Il Marvel Cinematic Universe incontra l’horror in Doctor Strange nel multiverso della follia. Diretto da Sam Raimi – la cui ultima avventura nel mondo dei supereroi è stata con Spider-Man 3 – da una sceneggiatura di Michael Waldron, Doctor Strange 2 è visivamente sorprendente. Osa fare ciò che altri film MCU non hanno, elevando i suoi effetti e la cinematografia in un modo che lo distingue dai suoi predecessori. Le sequenze d’azione sono divertenti e, abbinate allo stile visivo e agli elementi horror del film, vanno abbastanza bene, anche se mancano i viaggi personali.

Il dottor Stephen Strange (Benedict Cumberbatch) sta facendo sogni bizzarri, vedendo America Chavez (Xochitl Gomez) e una versione di se stesso con la coda di cavallo che corre verso qualcosa e si allontana dal raccapricciante mostro che li insegue. Ciò che il dottor Strange si rende presto conto è che non è affatto un sogno; quello che sta vivendo è un altro universo. Non ci vuole molto perché lo stregone e Wong (Benedict Wong), ora Stregone Supremo, incontrino l’America nel loro mondo. Viene inseguita da creature che lavorano per qualcuno che sta tentando di rubare i suoi poteri, che le permettono di viaggiare tra ogni dimensione del multiverso. Si unisce a Wong e al dottor Strange, che tenta di reclutare Wanda Maximoff (Elizabeth Olsen), ora Scarlet Witch, mentre lavorano per trovare il Libro dei Vishanti, un potente libro contenente magia che consentirebbe loro di fermare il loro nuovo avversario prima che il multiverso è messo in pericolo.

Elizabeth Olsen in Doctor Strange nel multiverso della follia

A livello emotivo, Doctor Strange in the Multiverse of Madness lascia molto a desiderare. Al dottor Strange viene costantemente chiesto, o si chiede, se è felice. È una domanda valida, ma il problema è che la posta in gioco personale per Stephen Strange – almeno oltre a essere un supereroe – è praticamente inesistente perché il primo film non è riuscito a stabilire con fermezza tali cose e l’MCU non ha fatto un buon lavoro nel seguire sulla sua linea emotiva. Doctor Strange 2 vorrebbe che il pubblico credesse che lo stregone si rammarica davvero di non aver fatto abbastanza per salvare la sua relazione con Christine, un rimpianto che sembra nutrire per tutto il film.

Ma sarebbe stato emotivamente più efficace se l’MCU avesse gettato le basi per questo. È più un’alzata di spalle qui che qualcosa di sostanziale, privo della profondità e del sentimento necessari per farlo risuonare. Lo stesso vale per l’arco narrativo di America Chavez. Mentre il personaggio ottiene alcune scene fantastiche che mettono in mostra ciò di cui è veramente capace, la storia di America è cambiata in breve, con la maggior parte del suo retroscena relegato in una scena veloce. Anche se non c’è mai un momento di noia, il sequel si muove abbastanza velocemente nel tentativo di portare avanti la sua trama, lasciando per strada lo sviluppo del personaggio di quasi tutti.

Rachel McAdams, Benedict Cumberbatch e Xochitl Gomez in Doctor Strange nel multiverso della follia

Doctor Strange in the Multiverse of Madness è più una vetrina per Wanda, un’estensione della storia iniziata in WandaVision. Ha fatto molta strada da Avengers: Age of Ultron e questo film mostra tutta la portata dei suoi poteri, che sono cresciuti dalla fine della sua serie Disney+. Esattamente come li usa e perché entusiasmerà sicuramente il pubblico, anche se le sue azioni qui sono meglio comprese dopo aver visto prima WandaVision. A differenza degli altri personaggi, tuttavia, la storia di Wanda chiude il cerchio ed Elizabeth Olsen ottiene il massimo con cui lavorare in termini di performance emotiva. Fondamentalmente, Rachel McAdams ha molto di più da fare in questo film nei panni di Christine Palmer rispetto all’ultimo, il che è rinfrescante e un migliore uso dei suoi talenti.

Visivamente, il film porta le cose a un altro livello. Raimi intreccia elementi horror semplicemente fantastici, elevando il film da banale avventura multiverso a un viaggio horror inquietante e alquanto inquietante. Una scena vede America, Doctor Strange e Christine in piedi, in attesa prima che un’ombra si precipiti oltre e una figura, intrisa di sangue e arrabbiata, appaia di fronte a loro. È un favoloso momento di paura del salto e sono scene come questa che aiutano a creare la tensione. È sicuramente un film di Sam Raimi in questo senso. Il direttore della fotografia John Mathieson fa un ottimo lavoro con il multiverso, distinguendo ogni mondo dagli altri con tocchi di colore brillante o con grigi scuri e acciaio in luoghi che hanno visto giorni migliori. Una scena che vede l’America e Doctor Strange sfondare le varie dimensioni del multiverso è straordinaria, offrendo al pubblico un assaggio di ciò che è là fuori in modo unico. Sebbene il multiverso sia un buon terreno di gioco, non sembra ancora essere utilizzato al massimo delle sue potenzialità. È come se la Marvel volesse giocare nel sandbox del multiverso senza correre troppi rischi o andare all-in.

Doctor Strange in the Multiverse of Madness è nel complesso solido, se non particolarmente rivoluzionario. Il film è incentrato principalmente sulla trama che dimentica di dare ai personaggi, salvo Wanda, un vero sviluppo. Il ritmo si muove rapidamente e, anche se non c’è mai un momento noioso, ci sono diversi punti in cui la storia potrebbe essere leggermente rallentata per consentire una maggiore costruzione di relazioni tra i personaggi. È un grande punto debole in un film altrimenti utile. Il sequel introduce informazioni sufficienti per far progredire il futuro del MCU raccontando una storia relativamente chiusa, ma ciò che distingue Doctor Strange 2 sono i suoi elementi estetici e horror, il che rende felice che Raimi abbia deciso di dirigerlo.

Doctor Strange in the Multiverse of Madness uscirà nelle sale il 6 maggio. Il film dura 126 minuti ed è classificato PG-13 per intense sequenze di violenza e azione, immagini spaventose e un po’ di linguaggio.

Date di uscita chiave Doctor Strange in the Multiverse of Madness (2022)Data di uscita: 06 maggio 2022

Ultime News

Gordon Smith di Better Call Saul produce la serie Destroyer per Sony

Dopo aver recitato in oltre 150 romanzi, Remo Williams si sta facendo strada sul piccolo schermo. Pubblicato...

Le voci di Holiday 2 affrontate da Kate Winslet e dal regista originale

Kate Winslet e Nancy Meyers hanno risposto alle recenti indiscrezioni secondo cui è in fase di sviluppo un...

L’ultimo aggiornamento di Alita 2 è il più entusiasmante di sempre

Il potenziale sequel Alita: Battle Angel 2 ha appena ricevuto il suo aggiornamento più promettente. Il primo...

Dustin Rhodes parla dei pro e dei contro del programma più leggero della AEW

Dustin Rhodes è uno dei wrestler più anziani di All Elite Wrestling e la sua visione di cose...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te