RecensioniRecensione di 'Yellowjackets': Christina Ricci, Juliette Lewis e altre...

Recensione di ‘Yellowjackets’: Christina Ricci, Juliette Lewis e altre star

-

- Advertisment -spot_img


Il flashback che ancorano “Yellowjackets” è un breve film horror a sé stante. Il primo episodio si apre con una ragazza che corre a piedi nudi in una foresta ghiacciata, sfrecciando tra gli alberi, inciampando nella neve mentre urla penetranti e grida di battaglia riecheggiano tra le montagne. Proprio quando sembra che il panico possa inghiottirla, il terreno sotto i suoi piedi lo fa invece. Atterra sui bastoni appuntiti sottostanti con un tonfo nauseante, la mano si contrae mentre una figura ammantata in scarpe da ginnastica Converse rosa si arrampica per vedere la sua uccisione.

Questo episodio pilota, che diventa solo più inquietante da questi minuti iniziali, è stato diretto con precisione agghiacciante da Karyn Kusama, il cui curriculum – tra cui film come “Jennifer’s Body” e “The Invitation” – la rende particolarmente qualificata per dirigere uno show come “Yellowjackets”. La nuova serie di Showtime di Ashley Lyle e Bart Nickerson segue una squadra di calcio del liceo che rimane bloccata nel deserto dopo un incidente aereo e poi, 25 anni dopo, i sopravvissuti rimasti devono affrontarlo da adulti completamente traumatizzati. Mescola tropi adolescenziali, horror e dramma psicologico con una sicurezza che rende difficile smettere di guardare, anche quando è più raccapricciante. Per quanto riguarda le aperture in medias res, l’abile ritratto di Kusama di un mondo diventato freddo è una scossa innegabilmente evocativa per i sensi che stabilisce il tono di ciò che deve ancora venire. Questo flashback inoltre non contiene alcun dialogo, ed è più potente per questo – un’indicazione di dove si trovano i punti di forza e le debolezze generali dello show.

In entrambi i suoi flashback al desolato inferno sulla terra della squadra e nel presente quasi più cupo, “Yellowjackets” presenta realtà così tese di tensione che sembrano poter scattare in qualsiasi momento. Inoltre, bilancia due linee temporali, ognuna surreale e terribile a modo suo. Nel 1996, vediamo una squadra un tempo gioiosa di atleti stellati – tra cui la pragmatica Taissa (Jasmin Savoy Brown), la “burnout” Natalie (Sophie Thatcher), la fangirl troppo zelante Misty (Samantha Hanratty), la popolare Jackie (Ella Purnell) e la sua migliore amica Shauna (Sophie Nélisse) – passare attraverso i drammi del liceo e la peggiore tragedia della loro vita. In 2021, ognuna di loro affronta il trauma viscerale del proprio passato, e il suo improvviso riemergere nelle loro vite adulte, con un terrore condiviso che è quasi elettrizzante.

Ci sono così tanti modi in cui questa premessa potrebbe crollare. A volte, quando la sceneggiatura cade piatta e stentata nei suoi tentativi di dare corpo ai suoi molti personaggi il più velocemente possibile, quasi lo fa. Ma a differenza di qualcosa come “The Wilds” di Amazon Prime Video – che incastra ragazze adolescenti su un’isola deserta come risultato di una cospirazione più grande e contorta – “Yellowjackets” funziona meglio quando rimane il più possibile a terra negli orrori fisici e mentali di base della sopravvivenza. Il gore viscerale dello show non sarà per tutti; l’impegno del secondo episodio nel mostrare la devastazione dell’incidente aereo in dettagli raccapriccianti è particolarmente inquietante. Ma mantenere le componenti survivaliste della serie il più possibile radicate nella realtà fa sì che i momenti in cui flirta con qualcosa di meno tangibile, e ancora più ultraterreno, suonino terribilmente veri.

Anche il doppio casting del cast più giovane e delle loro controparti adulte si rivela cruciale. Il cast di adolescenti regge bene, e poi ottiene un’eco inquietante negli attori che li interpretano come donne stanche del mondo. Tawny Cypress è perfettamente impassibile nel ruolo dell’adulta Taissa, ora candidata a senatrice statale che cerca di sopprimere le domande sul suo passato mentre tiene insieme la sua famiglia perfetta, compresi la moglie preoccupata e il figlio emarginato. Nei panni di una Misty sempre sola e calcolatrice, Christina Ricci si muove sulla linea della maniacalità senza sconfinare nel campo completo, come potrebbe facilmente accadere. E nei ruoli della tranquilla e viziosa casalinga Shauna e dell’alcolizzata Natalie, non si può fare molto meglio di Melanie Lynskey e Juliette Lewis, rispettivamente. Tutte sono eccellenti, ma Lynskey e Cypress hanno il compito più difficile di ritrarre donne che negano che qualcosa dentro di loro si sia mai rotto – o che l’idea di cedere ai loro istinti più bassi sia più che affascinante.

Quindi, come fanno le atlete vivaci, la cui più grande preoccupazione era quella di vincere le nazionali, a trasformarsi nelle creature feroci che attirano una di loro verso una morte orribile che vediamo nell’apertura a freddo? Beh, avendo visto sei dei 10 episodi della prima stagione… non è ancora del tutto chiaro. Quello che è, tuttavia, è quanto profondamente feriti rimangono decenni dopo, quando qualcuno (qualcosa?) da quella foresta torna a perseguitarli. Non fatevi ingannare dai suoi strascichi da teen show: “Yellowjackets” è una parabola nera come la pece della disperazione umana che si insinuerà sotto la vostra pelle se ne avrete la possibilità.

Il primo episodio di “Yellowjackets” è attualmente disponibile in streaming su Showtime. La stagione debutta domenica 14 novembre su Showtime.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you