RecensioniRecensione di The Munsters: Rob Zombie dà la priorità...

Recensione di The Munsters: Rob Zombie dà la priorità alla nostalgia rispetto alla buona narrazione

-


I Munster sono tornati. A differenza delle loro controparti spettrali, The Addams Family, che hanno prosperato con diversi adattamenti cinematografici e una prossima serie spin-off su Netflix, il loro ritorno non è da ricordare. I Munsters, nati nel 1964 come sitcom, hanno avuto molte svolte oscure, ma con questo ultimo adattamento la speranza è stata ristabilita. Il regista preferito del cult horror Rob Zombie ha perseguito il film The Munsters, ma la sua lettera d’amore macabramente accattivante non è ciò che The Munsters merita.

Fin dall’inizio, c’è un senso di guai, poiché si apre con un’introduzione simile a una scenetta al mondo della Transilvania. Il dottor Wolfgang (Richard Brake) e il suo servitore Floop (Jorge Garcia) vanno a rubare tombe, alla ricerca di individui che costituiscano l’esemplare ideale. Nel frattempo, Lester Dracula (Tomas Boykin) – il figlio lupo mannaro del Conte Dracula (Daniel Roebuck) – ha pasticciato con Zoya Krupp (Catherine Schell), a cui deve dei soldi. Fa rubare a Lester l’atto alla villa di Dracula o rischia di perdere le sue mani. Lily Dracula, la figlia vampira del Conte e sorella di Lester, è una giovane vampira. È malata d’amore e sta cercando un partner, ma sta fallendo miseramente andando ad appuntamenti con alcuni ghoul indesiderati. Quando Floop rovina la creazione del Dr. Wolfgang, le cose cambiano per Lily e i Dracula nel loro insieme e nasce Herman Munster. Il futuro patriarca del clan Munster-Dracula subisce alcuni dirottamenti che coinvolgono la sua carriera di interprete e dubbioso cognato Lester, trovando infine la sua strada al 1313 di Mockingbird Lane a Los Angeles, California.

La storia è… bella. Anche se ci sono troppi fili della trama, uno scrittore capace sarebbe in grado di metterli insieme in un film solido e coeso. Rob Zombie, tuttavia, non è quello scrittore. È troppo preso dalla fretta di poter giocare con i Munster invece di fare quello che ha fatto il regista Barry Sonnenfeld per La famiglia Addams negli anni ’90. Zombie è incapace di fondare la storia stravagante della storia d’amore tra Lily e Herman senza farsi distrarre dall’estetica bizzarra nel tentativo di recuperare l’atmosfera della sitcom del 1964. I personaggi non sono scritti in un modo che sembri autentico per quello che sono. Sfortunatamente, le prestazioni ne risentono.

Sheri Moon Zombie ha un aspetto fantastico nei panni di Lily Munster, ma la sua interpretazione è eccessivamente familiare. Si imbatte in una persona che ha studiato attentamente la performance di Yvonne De Carlo, dalla pronuncia delle sue battute a come si tiene le mani. È più un’eco esagerata della performance originale, spogliando questa versione pre-casalinga di Lily Munster di qualsiasi personalità o manierismo distintivo. D’altra parte, Herman Munster è perfettamente interpretato da Jeff Daniel Phillips. Phillips fa per Herman Munster quello che Raúl Juliá ha fatto per Gomez Addams. Entrambi gli attori hanno notato ciò che ha reso popolari i rispettivi personaggi nelle loro sitcom e hanno ricontestualizzato attentamente i personaggi per il film. Tuttavia, Phillips non otterrà lo stesso merito in quanto è bloccato con un film mal costruito e una sceneggiatura terribilmente derivata. Philips fisicamente e vocalmente indica il personaggio bonario e sciocco di Herman. Incarna interamente lo spirito di Herman senza essere un imitatore privo di ispirazione della performance definitiva di Fred Gwynne.

Visivamente, The Munsters è perfetto. L’istinto di zombi è in gioco, adottando un’estetica adatta alle famiglie che preferisce le caratteristiche divertenti e festive di Halloween rispetto al macabro e gotico evocato nei film della famiglia Addams. Zombie è stato sicuramente ispirato dall’estetica dei film e degli speciali di Munster. La pelle verde di Herman è pigmentata da cartone animato, priva della tinta verde desaturata che sfoggiava Gwynne. La tavolozza dei colori è impreziosita, il che esemplifica esattamente le differenze tra The Munsters e The Addams Family. The Munsters è sempre stato posizionato come il tipico spettacolo di sitcom per famiglie degli anni ’60 che succede ai mostri stellari. La direzione artistica di Zombie lo abbraccia in misura quasi disgustosa. Sebbene il film sia visivamente buono, la recitazione è un miscuglio, anche se nel complesso va bene. Tuttavia, il film perde la trama. Il film non ha una storia; è un mucchio di fili sciolti con poco legare tutto insieme. La scrittura è aberrante, ma la voglia di rendere omaggio alla sitcom è ammirevole. The Munsters non è semplicemente attrezzato per far funzionare quella modalità di commedia e narrazione per il 2022. Un adattamento cinematografico richiede una riconfigurazione del materiale originale, ma la cattiva gestione della nostalgia e delle aspettative moderne da parte di Zombie lascia il pubblico con un tentativo semicotto che trabocca di Grande potenziale.

È impossibile non fare riferimento alla famiglia Addams, ma le due proprietà sono state intrinsecamente legate da quando le rispettive sitcom hanno debuttato nel 1964. Caroline Thompson e Larry Wilson, insieme a Barry Sonnenfeld, hanno sapientemente preso le idee e i temi dei cartoni animati di Charles Addams e del sitcom del 1964 e li ha elevati per riflettere la società attuale, sviluppando la storia per adattarla perfettamente a un lungometraggio. I Munster, nel loro nucleo, non hanno mai avuto gli stessi temi di fondo; la sitcom era radicata nell’essere una nuova aggiunta alla serie di sitcom degli anni ’60 che seguivano le famiglie americane idealistiche della classe operaia, ma con mostri. Ogni iterazione, inclusa l’entusiasmante ode alla sitcom di Rob Zombies, non è riuscita a trarre alcun significato o rilevanza da The Munsters. L’idea bizzarra che i Munster siano semplicemente sane creature campy in un mondo stridentemente blando non è capitalizzata a sufficienza. C’era un notevole bisogno di raffinatezza e disciplina in questo film. Purtroppo, la nuova versione di The Munsters non riesce a centrare il bersaglio. Zombie era vicino, ma non abbastanza.

The Munsters è stato distribuito in DVD e Blu-ray ed è ora disponibile per lo streaming su Netflix da martedì 27 settembre. Il film dura 110 minuti ed è classificato come PG per materiale macabro e suggestivo, immagini spaventose e linguaggio.

Ultime News

Nuovo trailer di Ant-Man & Wasp Quantumania: Kang ha già ucciso i Vendicatori

L'ultimo trailer di Ant-Man and the Wasp: Quantumania suggerisce che Kang abbia già ucciso i Vendicatori. Diretto...

Mille e una recensione: Taylor è una potenza nel commovente debutto [Sundance]

L'allume del Sundance AV Rockwell ha portato il suo straordinario lungometraggio d'esordio al Sundance Film Festival del 2023....

La teoria di Star Wars rivela un’enorme connessione KotOR

Avvertimento! Questo post contiene SPOILER per Star Wars: The Bad Batch stagione 2, episodio 5 Una...

Dove dovrebbe svolgersi la stagione 3 di White Lotus: 6 destinazioni principali

Dopo due stagioni di successo, The White Lotus si è affermato come uno dei primi spettacoli di HBO...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te