RecensioniRecensione di The Lost Daughter: il debutto alla regia...

Recensione di The Lost Daughter: il debutto alla regia di Maggie Gyllenhaal è squisito

-


Tratto dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante, La figlia perduta è sorprendentemente sconcertante, chiedendo di essere visto con occhi acuti. Nel suo debutto alla regia, Maggie Gyllenhaal (che ha anche scritto la sceneggiatura) trasuda fiducia nella sua capacità di narrazione, gestendo abilmente la trama e i personaggi del film. La figlia perduta esplora la maternità e le emozioni conflittuali e complesse che sono sepolte ed emergono per le donne nel ruolo. Sfumato, ponderato e profondamente efficace, il film di Gyllenhaal è sicuramente eseguito, risollevato da una forte e sorprendente interpretazione di Olivia Colman.

La storia segue Leda (Colman), un professore inglese e traduttore di letteratura in vacanza in una piccola località balneare greca. Madre di due figlie, Bianca e Martha, Leda si gode del tempo tranquillo mentre lavora, ma non passa molto tempo prima che la sua pace venga interrotta da una famiglia numerosa e rumorosa del Queens che è in vacanza nella loro casa di famiglia. Gli occhi di Leda sono immediatamente attratti da Nina (Dakota Johnson), una giovane madre che lotta per mantenere sua figlia calma, felice e occupata. Dopo aver assistito a un litigio tra Nina e il marito dominatore Toni (Oliver Jackson-Cohen), Leda aiuta la famiglia a trovare la figlia di Nina, innescando ricordi del tempo di Leda da giovane madre (Jessie Buckley) decenni prima. La trama si infittisce quando viene rivelato che la bambola senza la quale la figlia di Nina non può vivere è stata presa da Leda.

Dakota Johnson ne La figlia perduta

La figlia perduta funziona perché è osservativo – non importa quanto le tensioni aumentino più a lungo Leda ha la bambola e non importa quanti dettagli vengono forniti sulle azioni passate di Leda come madre, l’obiettivo di Gyllenhaal non è giudicare. Come sentirsi riguardo a tutto ciò che si svolge spetta al pubblico a decidere, il che rende il dramma ancora più avvincente e in qualche modo moralmente ambiguo. Non c’è giusto o sbagliato qui, solo ciò che è e non è. La figlia perduta chiede al suo pubblico di pensare fuori dagli schemi, di esaminare i propri pregiudizi e aspettative sulle madri e su come dovrebbero o non dovrebbero comportarsi. Ciò diventa particolarmente evidente nel modo in cui Gyllenhaal tiene il marito di Leda (Jack Farthing) ai margini della storia. È lì, ma non, con gran parte della pressione e degli obblighi dei genitori che vengono silenziosamente imposti a Leda mentre sfugge del tutto al giudizio.

Gyllenhaal ha una solida conoscenza della storia, mescolando il passato e il presente senza soluzione di continuità per fornire più contesto su Leda senza perdere di vista la storia o volgersi a sentimentalismi immeritati. La figlia perduta non si dà mai una via d’uscita facile, guadando le acque delle dure verità su Leda, compresi i suoi complicati sentimenti di colpa e risentimento – cruciale, il suo senso di libertà e sollievo quando si libera di certe responsabilità. Leda, come tutte le donne, è complessa. È persa ed egoista, orgogliosa del suo lavoro, frustrata, amorevole, arrabbiata e semplicemente disordinata. Il suo ruolo di madre non la rende una santa, ma diminuisce la comprensione che ha di se stessa e aumenta i sentimenti sfaccettati che ha sulla sua vita. Leda si vede in Nina e forse spera anche che sia qualcuno che possa capire ciò che non ha mai espresso a parole prima.

Olivia Colman in La figlia perduta

In questo modo, La figlia perduta è profondamente profondo, una combustione lenta che si dipana lentamente, rivelando nuovi dettagli che cambiano l’opinione di Leda più a lungo va avanti il ​​film. Eppure, Leda rimane un personaggio degno di simpatia nonostante tutto, che è l’ultimo trionfo del film e che Gyllenhaal cattura magnificamente. Il film è anche inaspettato. Quando sembra che la storia vada in una direzione (o riveli un po’ di informazioni sullo stato d’animo di Leda), ruota in svolte sorprendenti che non sembrano mai artificiose. Leda è una figura tragica e, sebbene alcuni possano vederla come un’antagonista nella sua stessa storia, essere costretta a fare i conti con il suo passato attraverso il rapporto di Nina con sua figlia rende la lettura delle sue azioni profondamente stratificata e degna di essere esaminata. La telecamera di Gyllenhaal si sofferma su ogni dettaglio, ogni espressione facciale che approfondisce ulteriormente la storia.

Gli elementi affascinanti (e, sì, spesso snervanti) del film sono esaltati dalle fantastiche interpretazioni del cast. Olivia Colman è, come sempre, fenomenale nei panni di Leda. Il suo linguaggio del corpo posiziona Leda come un individuo un po’ goffo, guardingo e fermo che dice così tanto con i suoi occhi. Tra mostrare le vertigini di Leda come un’estensione emotiva della sua mentalità e difendere se stessa contro Callie di Dagmara Dominczyk, la zia di Toni, Colman ha un’ampiezza immensa nel ruolo. Jessie Buckley è favolosa nei panni della giovane Leda, elevando i momenti emotivamente pesanti che sanguinano nella rappresentazione del personaggio di Colman. Mentre Dakota Johnson ha molto meno da fare, il suo ruolo è cruciale per gli eventi del film e l’attrice infonde a Nina un senso di perdita, i suoi occhi implorano che qualcuno capisca e simpatizzi, motivo per cui il suo cameratismo con Leda è così pertinente.

La figlia perduta è una decostruzione della maternità e di cosa succede alle donne le cui identità si piegano in un tale ruolo, se potranno mai liberarsene, e come la società disprezzerà chiunque si discosti da ciò che ci si aspetta da loro come figura materna. Gyllenhaal gestisce abilmente questi temi, lasciando una forte impressione come regista per la prima volta. Leda si aggrappa alla bambola, simbolo delle aspettative generazionali di maternità tramandate alle bambine. E mentre potrebbe non capire le ragioni per cui lo fa, La figlia perduta dipinge un ritratto indimenticabile, intricato e sfumato di Leda, uno che è così totalmente umano e un vero studio del personaggio che risuona emotivamente.

The Lost Daughter è uscito in alcune sale cinematografiche il 17 dicembre e sarà trasmesso in streaming su Netflix a partire dal 31 dicembre. Dura 121 minuti ed è classificato R per contenuto sessuale/nudità e linguaggio.

Questa recensione è stata originariamente pubblicata il 19 ottobre in congruenza con il Middleburg Film Festival 2021.

Date di uscita principali The Lost Daughter (2021)Data di uscita: 17 dicembre 2021

Ultime News

Lo showrunner di The Witcher affronta il contraccolpo dei fan sull’uscita di Henry Cavill

Con molti comprensibilmente delusi dalla partenza, la showrunner di The Witcher Lauren Schmidt Hissrich ha affrontato il contraccolpo...

1899 Colpo di scena finale e scena finale affrontati in modo intrigante da Star

Attenzione: questo post contiene spoiler per la star della stagione 1.1899 del 1899 Gabby Wong si apre sui...

La formazione della DCU Justice League reinventata in straordinari ritratti artistici basati sull’intelligenza artificiale

La tendenza dell'arte dell'IA continua e questa volta ha raggiunto la Justice League, con straordinari ritratti artistici dell'IA...

Il trailer onesto di Andor non riesce a superare il fatto che questo è uno spettacolo di Star Wars

Dopo aver ottenuto ampi consensi, l'Andor Honest Trailer si unisce al carrozzone degli innamorati dello spettacolo di Star...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te