RecensioniRecensione di The Good Boss: Javier Bardem è eccellente...

Recensione di The Good Boss: Javier Bardem è eccellente nella commedia oscura sul posto di lavoro

-


Se il nuovo lungometraggio di Fernando León de Aranoa The Good Boss (titolo originale: El buen patrón) è una commedia sul posto di lavoro, è seccamente viziosa e sfiancante. Non lasciarti ingannare dalla colonna sonora spesso giocosa o dal fascino prevedibile del suo protagonista, poiché le cupe risoluzioni del film sono sceneggiate dalla sua prima scena. Javier Bardem spara a tutti i costi nei panni di Boss Blanco, il blandamente spregevole caposquadra di un’azienda manifatturiera che produce bilance industriali, che raccoglie una personalità costruita interamente con materiali di superficie e un costante appetito per riconoscimenti sintetici e conquiste sessuali extraconiugali. The Good Boss è una commedia nera come la pece con un’interpretazione perfetta di Bardem, che interpreta il miglior foraggio per le freccette per il proletariato.

Un crimine d’odio introduce il dramma sul posto di lavoro del film, con un trio di giovani MENA (Medio Oriente e Nord Africa) che condividono una canna in un parco di notte prima di essere avvicinati da un gruppo di delinquenti tatuati in motorino. L’arresto degli aggressori segue un monologo aziendale che induce a sbadigliare consegnato tramite raccoglitore di ciliegie ai dipendenti della fabbrica di Básculas Blancos, lavoratori che Boss Blanco considera ironicamente i suoi “figli”. L’azienda è stata nominata per un premio aziendale per l’eccellenza e Blanco vuole assicurarsi che le marce girino in modo impeccabile per l’arrivo in attesa del comitato del premio.

Javier Bardem ne Il buon capo

Quasi tutte le scene del film dipendono dalla svolta stranamente magnetica di Bardem nei panni di Blanco, un mix che fonde un carisma imponente con un sorriso stupido rivolto al pubblico, una soffice scopa grigia e una pesantezza paterna. È la sua grande “energia da papà” che completa la facciata, uno scudo difensivo che nasconde le sue attività libertine e una rabbia ribollente e spettrale che raramente affiora per respirare. Eppure, il personaggio è meno un mostro calcolato o connivente che impetuoso, una persona al potere che raccoglie decisioni che cambiano la vita in un centesimo e si sbarazza dei membri della sua cerchia ristretta secondo necessità.

In un vero stile da commedia nera, The Good Boss gioca a glorificare il suo personaggio centrale per il pubblico, offrendo un posto da fucile attraverso le sue lotte e le sue realizzazioni. Quando i problemi coniugali dell’amico d’infanzia e capitano di negozio Miralles (Manolo Solo) emergono, la presenza solidale di Blanco e gli incoraggianti massaggi alla schiena possono apparire come le reazioni premurose di un confidente. In verità, sta solo facendo del suo meglio per rafforzare l’armonia della fabbrica, una pretesa per accompagnare quell’ennesimo premio in arrivo, una targa per riempire lo spazio su un muro tra decine di suoi fratelli.

Quindi, no, Blanco non considera i suoi dipendenti come una famiglia o una progenie, anche se il discorso aggiunge uno strato incestuoso alla sua ricerca di Liliana (Almudena Amor), una stagista recente che non riconosce come la figlia adulta di un socio. Non è che una delle porte girevoli di stagisti che allo stesso modo ha perseguitato come preda, membri delle sue lente crociere quotidiane oltre la fermata dell’autobus della fabbrica per insinuarsi con nuove assunzioni. La giudica male, però, proprio come giudica male il dipendente Jose, recentemente inscatolato, che ha istituito una zona di protesta individuale vicino alla fabbrica per frantumare la sua patina pacifica. Con tutti i suoi sproloqui e insulti anticapitalisti, Jose diventa il “cattivo” di Blanco, se ne ha davvero uno.

La sfida per il film è trovare il suo equilibrio metaforico quando quasi ogni aspetto è freddo e ovvio come la sua tavolozza cromatica clinica. Il concetto di fabbrica delle bilance è minato per qualsiasi profondità apparente e quindi lascia poco da esplorare, e un momento eccellente che offre la “Danza dei cavalieri” di Prokofiev poiché il tema burrascoso interno di Blanco è adorabile, ma anche inerte e definitivo. C’è anche uno scatto veloce ma ponderato che fonde la finta tomba di Blanco – un pezzo di agitprop fatto in casa costruito da Jose – come una croce in fiamme. Il simbolismo è sempre lì sullo schermo, tutt’altro che sottile.

Simile per certi versi all’incredibile svolta di Willem Dafoe come shlub con i piedi per terra in The Florida Project, Blanco di Bardem è sempre stranamente riconoscibile e accessibile, uno straordinario tra i ruoli contemporanei che di solito lo trovano in mostre più grandi della vita. Blanco è il tipo di tiranno rilassato che viene così raramente portato giù dalla sua nuvola, e la scena più bella del film si svolge a una cena per la quale non è preparato, quella in cui sua moglie corregge rapidamente la sua mitologia da self-made man ricordandogli che lui ereditò l’attività dal padre. È un singhiozzo della realtà per un uomo che ha fatto le sue ricchezze credendo, camminando e riuscendo in quelle bugie.

Per chi attende l’eventuale e meritata detronizzazione di Blanco, è meglio cercare un’altra cava. The Good Boss alla fine si manifesta più come una cupa affermazione sull’ineffabile durata del privilegio che in qualsiasi altra cosa, facendo eco alle anti-risoluzioni e alle ingiustizie che si trovano in film come Crimes and Misdemeanors. I mostri casuali persistono e i dipendenti vengono ridotti al minimo; anche l’eventuale punizione di Liliana è impantanata in un triste compromesso e manipolazione. Andrà lontano, proprio come Blanco, o chiunque sappia come giocare, si metterà in fila e poi colpirà al richiamo dell’opportunità. Il resto può dare un pugno e un pugno all’infinito. Come lo stesso Básculas Blancos, c’è un messaggio qui che l’equilibrio non è universale e nemmeno naturale. È contraffatto, contraffatto e venduto.

The Good Boss è uscito nelle sale limitate venerdì 26 agosto e si espanderà in più sale il 2 settembre. Il film dura 116 minuti e non è classificato.

Marco
Sono Marco, un appassionato di cinema e serie TV che scrive recensioni per il sito di cinema Asiatica Film Mediale. Sono una persona determinata e appassionata, che ama condividere la propria passione per il cinema e la televisione con il pubblico. Sono arrivato a scrivere per Asiatica Film Mediale dopo aver vinto un concorso per giovani critici con la mia recensione del film "Parasite". Tra le serie TV italiane preferite ci sono "Gomorra" e "Suburra". Durante la scrittura delle mie recensioni mi piace ascoltare la colonna sonora dell'opera che sto recensendo per trasmettere tutte le emozioni dell'opera ai lettori.

Ultime News

“Un’altra giornata, anticipazioni del 31 marzo 2023”

In una nuova puntata di "Un altro domani" del 31 marzo 2023, Francisco avrà una reazione molto aggressiva alla...

Anteprime di Terra Amara del 31 marzo 2023

La puntata di oggi di Terra Amara, in onda il 31 marzo 2023 alle 14:10 su Canale 5 (con...

“La bellezza, anticipazioni della puntata odierna del 31 marzo 2023”

Oggi, 31 marzo 2023, Canale 5 trasmetterà una nuova puntata di Beautiful, nel quadro della programmazione della settimana dal...

“Il Mondo Incantato delle Donne 7, anticipazioni episodio 135: oggi 31 marzo 2023”

Il Paradiso delle Signore 7, la famosa soap che ci porta negli Anni Sessanta a Milano, torna oggi, 31...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te