Asiatica Film Mediale

Recensione di Tetris: alcuni pezzi mancano in un dramma ben fatto ma standard

Recensione di Tetris: alcuni pezzi mancano in un dramma ben fatto ma standard
Marco

Di Marco

16 Marzo 2023, 02:53


Gli adattamenti dei videogiochi hanno una storia travagliata, dal decisamente cattivo (Assassin’s Creed o Alone in the Dark) al più tollerabile (il franchise di Resident Evil selvaggiamente off-book ma comunque in qualche modo divertente). Quest’anno, tuttavia, il formato è stato portato a nuovi livelli con The Last of Us della HBO, che molti hanno proclamato essere il primo vero grande adattamento di un videogioco. Quando è stato annunciato per la prima volta, Tetris sembrava rientrare nello spettro tra il cattivo e il tollerabile. Come avrebbero trasformato il videogioco puzzle in un cinema avvincente? Per la maggior parte, non fanno esattamente questo. Tetris è un utile adattamento della battaglia nella vita reale per i diritti di uno dei videogiochi più famosi di tutti i tempi, ma nonostante tutto il suo talento visivo e la nostalgia degli anni ’80, manca ancora qualcosa quando tutti i pezzi si uniscono.

Tetris è interpretato da Taron Egerton nei panni di Henk Rogers, un designer di videogiochi olandese che ha fondato Bullet-Proof Software. Il film presenta Henk a una conferenza sui videogiochi di Las Vegas dove si innamora del videogioco titolare e ne acquista alcuni dei diritti. L’unico problema è che nessuno è davvero sicuro di chi detenga i diritti di distribuzione, inclusi Robert e Kevin Maxwell (Roger Allam e Anthony Boyle) di Mirrorsoft, i dirigenti di Nintendo Togo Igawa (Hiroshi Yamauchi) e Minoru Arakawa (Ken Yamamura) e Robert Stein ( Toby Jones). Al centro di tutto: Alexey Pajitnov (Nikita Yefremov), creatore di Tetris e cittadino dell’Unione Sovietica. Mentre la battaglia legale per i diritti di Tetris si surriscalda, Henk, insieme a tutti gli altri in lizza per i diritti, viaggia avanti e indietro dietro la cortina di ferro per avere l’opportunità di distribuire quello che potrebbe essere il videogioco più popolare di tutti i tempi.

Taron Egerton e Nikita Yefremov in Tetris.

Tetris segue una struttura di livelli con cui qualsiasi giocatore avrà familiarità e, con l’aumentare della posta in gioco, aumentano anche i livelli. Ci sono anche momenti di pixelizzazione e riprese che stabiliscono la scena in formato videogioco, ed è un modo divertente per aggiungere l’aspetto e l’atmosfera di Tetris a un film che non riguarda davvero Tetris il gioco, che è il problema più grande del film. Il film è uno sguardo alla battaglia per i diritti di distribuzione di Tetris, che è un argomento arido come sembra. Tetris fatica a elevare questa storia oltre i libri di storia e il film ne soffre. A volte è difficile dire chi stia combattendo per quali diritti (ci sono diritti arcade, diritti PC, diritti palmari) in quale regione (Giappone, America, URSS) e questa mancanza di chiarezza rende difficile investire nella spinta di La trama di Tetris.

Fortunatamente, le armi segrete del film sono Egerton e Yefremov. Egerton potrebbe essere meglio conosciuto per il suo ruolo nel franchise di Kingsman, ma l’attore si è dimostrato capace di affrontare materiale più tranquillo (o, almeno, meno esplosivo) nella serie AppleTV+ Black Bird and Rocketman, il film biografico su Elton John. Qui, Egerton interpreta Henk con una sorta di ottimismo disperato che fa tifare per lui, qualunque cosa accada. Anche il fatto che il film mostri Henk con la sua famiglia aiuta. È l’amicizia di Henk con Alexey che rende davvero giocabile Tetris, rafforzando quello che altrimenti potrebbe essere un confuso tratto intermedio di incontri e discorsi sui diritti.

Taron Egerton, Sofia Lebedeva e Nikita Efremov in Tetris.

Quando Tetris cade nell’intero shtick “comunismo cattivo, capitalismo buono” comune per i film in cui l’URSS è un cattivo senza sfumature, è la relazione tra Henk e Alexey che lo compensa. Ci sono altri momenti salienti come un inseguimento in macchina del terzo atto che fa battere forte il cuore, ma Tetris non è un thriller, anche se cerca di esserlo. Parla di due uomini che cercano di dare una vita alle loro famiglie. Quando perde la concentrazione su Henk o Alexey, Tetris tende a perdere la trama.

Alla fine, c’è poco che sia davvero elettrizzante su Tetris, il che va bene. Tonalmente, potrebbe volere che il pubblico pensi che la posta in gioco sia alta, ma va bene che non lo sia. Al centro di Tetris c’è una commedia drammatica su Rogers che si dirige in URSS per assicurarsi i diritti su Tetris. Egerton dà tutto se stesso al ruolo, dimostrando di poter interpretare un uomo qualunque con la stessa facilità dell’esplosività di Elton John. Anche se non tiene tutto insieme per tutta la durata di due ore di Tetris, il film è migliore della somma delle sue parti grazie a Egerton e Yefremov che si adattano così bene.

Tetris uscirà su AppleTV+ il 31 marzo. Il film dura 118 minuti ed è classificato R per la lingua.


Potrebbe interessarti

Shazam!  Recensione di Fury Of The Gods: un divertente gioco di supereroi con un’esecuzione traballante
Shazam! Recensione di Fury Of The Gods: un divertente gioco di supereroi con un’esecuzione traballante

Come primo film DC ad arrivare dall’annuncio ufficiale dei DC Studios, Shazam! Fury of the Gods si trova in una posizione unica come progetto di un’epoca diversa. I membri del pubblico probabilmente sanno che il panorama cinematografico della DC cambierà drasticamente nei prossimi anni, anche se questo nuovo sforzo, realizzato in un periodo in cui […]

Flamin’ Hot Review: Eva Longoria offre un film biografico affascinante e commovente [SXSW]
Flamin’ Hot Review: Eva Longoria offre un film biografico affascinante e commovente [SXSW]

Flamin’ Hot è basato sulla vita di Richard Montañez, che afferma di aver avuto l’idea di Flamin’ Hot Cheetos — il film afferma di averlo fatto infondendo le stesse spezie e ingredienti che è cresciuto mangiando come messicano-americano (Frito- Lay nega questa affermazione). Diretto da Eva Longoria da una sceneggiatura di Linda Yvette Chávez e […]