Notizie FilmRecensione di 'Swan Song': Una pietosa commedia che colpisce...

Recensione di ‘Swan Song’: Una pietosa commedia che colpisce le note giuste

-

- Advertisment -spot_img


Il “Canto del Cigno” dello scrittore e regista Benjamin Cleary non perde tempo a porre domande profonde, moralmente complesse e convincenti: Se potessimo risparmiare ai nostri cari la disperazione opprimente e lo strazio, faremmo qualche sacrificio per farlo? Se potessimo clonare noi stessi senza che nessuno lo sappia, lo faremmo? Come ci identifichiamo con gli altri e con noi stessi?

In parte una storia d’amore non convenzionale, in parte un dramma malinconico di alta concezione fantascientifica, il racconto ultra brillante ed elegantemente realizzato è incentrato sul viaggio di un uomo verso le risposte e la risoluzione di sé di fronte alla morte. Il film (che debutta all’AFI Fest prima della sua uscita nelle sale e della prima globale su AppleTV Plus il 17 dicembre) colpisce nel segno, cantando raramente la sua melodia stonata.

Il grafico/artista Cameron Turner (Mahershala Ali) è alle prese con una grande decisione di vita. Malato terminale e con le sue condizioni che peggiorano rapidamente, lotta per dire alla sua amorevole e inconsapevole moglie Poppy (Naomie Harris) della malattia che si sta diffondendo rapidamente nel suo cervello e del suo piano di affrontare il futuro anche se non è più nella sua attuale forma corporea. Cerca un trattamento sperimentale presso gli Arra Labs, guidati dalla dottoressa Jo Scott (Glenn Close) e dallo psicologo/tecnico Dalton (Adam Beach), che clonano i loro clienti fino al loro DNA molecolare e trasferiscono i loro ricordi consci e subconsci in un duplicato sano. Questo trattamento rivoluzionario viene con la sua serie di sfide etiche sfidando le leggi della natura. Ma se la clientela è aperta, è un autentico regalo ai loro cari, risparmiando loro l’agonia e il dolore che accompagna la morte.

Sebbene Cameron inizialmente persegua l’idea dello scambio di corpi, soffre di una crisi di coscienza, non sapendo se ingannare sua moglie e suo figlio giovane e carino (Dax Rey) sia il modo giusto per preservare la loro unità familiare. Ad aumentare la pressione non sono solo la bomba a orologeria nella sua testa, ma anche il fatto che Poppy è incinta, rendendo questo il momento ottimale per uno scambio.

La sua reticenza svanisce rapidamente dopo un altro attacco, che lo manda in un “ritiro” di una settimana nella remota e piovosa struttura forestale dell’azienda. I giorni trascorrono esaminando ogni minimo aspetto dei suoi ricordi, dal suo dolce incontro con Poppy su un treno ai loro conflitti coniugali, entrambi colpiti dalla morte del fratello gemello di lei Andre (Nyasha Hatendi). Fa anche amicizia con un’altra paziente malata, Kate (Awkwafina), che con leggerezza gli fa da mentore durante la dura transizione. Man mano che i ricordi del suo amore e della sua discordia con Poppy affiorano, fanno emergere emozioni e dubbi latenti.

Cleary e il montatore Nathan Nugent stabiliscono un’energia viscerale, un’efficienza e un’economia di tempo attraverso montaggi a montaggio rapido che parlano delle profonde gole dell’amore e della perdita che hanno interessato il viaggio di questa coppia. Mentre la sostituzione di se stesso a beneficio della moglie può sembrare duplice da parte del protagonista, il film rende chiaro che questo le risparmia non solo il peso del dolore, ma anche quello di mantenere il clone un segreto.

La narrazione si impegna in modo significativo con i conflitti interni ed esterni di Cameron, così come i legami tematici con l’identità, la personalità e la moralità. I registi si appoggiano a toni emotivi in evoluzione con grazia, senza essere eccessivamente sdolcinati o saccenti. Il motivo surrealista “fuori dal corpo” sottilmente infilato in tutto il tessuto del film, dagli schizzi che Cameron disegna di un uomo che fluttua in diversi spazi al suo effettivo trasferimento di memoria, è palpabile e affascinante.

Tuttavia, ci sono alcuni pezzi leggermente discordanti che avrebbero potuto essere smussati. Dato che le convulsioni sono incontrollabili, è difficile credere che nessuno vicino a Cameron abbia mai assistito a un episodio. Anche se il suo risentimento ha un lento accumulo, la paranoia di Cameron nei confronti del suo clone Jack dura tutta una scena, essenzialmente inclusa per fornire l’impulso per gli strazianti addii.

Filare una storia d’amore vincente e delicata sarebbe quasi impossibile se non fosse per le performance dei protagonisti. Ali e Harris hanno una chimica impeccabile, facendoci sentire la profondità e la posta in gioco della loro relazione romantica. Harris è dinamico e fa un lavoro pieno di profondità e dimensione. La performance di Ali è piena di pathos, negoziando agilmente le svolte e le sfaccettature sfumate del suo doppio ruolo con abilità, raffinatezza e vulnerabilità a cuore aperto, dove vediamo due ritratti chiaramente e abilmente definiti di una sola anima.

La combinazione dell’illuminazione naturale e umanistica di Masanobu Takayanagi e il superbo e solido production design di Annie Beauchamp fa sembrare il futuro prossimo una realtà familiare non troppo lontana dalla nostra. L’estetica dei due mondi – l’accogliente casa della famiglia Turner e l’istituto Arra, scarsamente moderno – è molto diversa per ubicazione e design stilistico, eppure è la stessa nella loro palpabile sensazione di gentile serenità e sicurezza. Le loro palette di colori sono in qualche modo sincronizzate, rispecchiando la connessione che si forma tra Cameron e il suo duplicato. Il design dei costumi di Cynthia Ann Summers aiuta anche a differenziare le loro vite che presto si separeranno, ammantando Cameron di tonalità profonde e ricche e Jack di sfumature di colore più chiare. E la colonna sonora sinfonica di Jay Wadley riflette la psiche angosciosa e pensosa di Cameron.

Il modo in cui Cleary e il team degli effetti visivi incorporano la tecnologia futuristica come i dispositivi di comunicazione potenziati e la robotica (specialmente se si considera che il film è distribuito dalla Apple, un leader innovativo nel design) aggiunge aspetti di costruzione del mondo senza distrarre dalla storia. Anche il sound design, sobrio e raffinato, guadagna il massimo dei voti. I suoni ambientali del morbido ticchettio delle gocce di pioggia nella foresta e la calda corrente di energia che emana dalla sua casa felice aumentano udibilmente il viaggio contemplativo di Cameron – un viaggio che vale la pena intraprendere.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you