RecensioniRecensione di 'Shelter': Un dramma tetro e cupo sull'isolamento...

Recensione di ‘Shelter’: Un dramma tetro e cupo sull’isolamento e la solitudine

-

- Advertisment -spot_img


La solitudine e la nostalgia sono esaminate con un occhio forense e spietato in “Shelter”, un cupo dramma in lingua irlandese su un ventenne solitario che deve affrontare il mondo da cui è stato protetto per tutta la vita. Questo ritratto di un’anima timida le cui vulnerabilità sono crudelmente esposte mentre cerca amicizia e affetto è molto ben interpretato e visivamente impressionante, ma la sua intensità e il rifiuto di indulgere nel sentimentalismo lo rende a volte difficile da guardare. Adattato dal romanzo del 2013 “The Thing About December” di Donal Ryan, “Shelter” segna un promettente debutto dello scrittore e regista Sean Breathnach ed è stato selezionato come candidato ufficiale dell’Irlanda all’Oscar internazionale del 2022.

Lo schema di base di “Shelter” riecheggia film come “L’enigma di Kaspar Hauser” di Werner Herzog e “Bad Boy Bubby” di Rolf de Heer, in cui giovani maschi adulti vengono improvvisamente spinti nel mondo dopo esservi stati crudelmente rinchiusi per tutta la vita. In “Shelter” non è la prigionia ma l’accettazione volontaria dell’amore travolgente dei genitori che ha tenuto John Cunliffe (Donal O’Healai di “Aaracht” e “Impossible Monsters”) separato dalla corrente principale della vita. Lo scopriamo nel lento rilascio di informazioni dopo la morte della madre di John e la sua successiva eredità della fattoria di famiglia nella bellissima regione del Connemara.

John è una creatura a dir poco curiosa. Dopo aver scoperto il corpo di sua madre nel salotto, fissa il vuoto per un bel po’ di tempo prima di fare qualcosa. Alla sua veglia funebre si intrufola in un bagno per masturbarsi. Non viene mai chiarito se John soffre di un disturbo mentale o se è solo terribilmente timido e impacciato. In alcune inquadrature sembra avere circa 25 anni. Da altre angolazioni potrebbe avere 40 anni. È difficile dire molto di John, tranne che è un vuoto emotivo che sembra incapace di affrontare la propria esistenza o di relazionarsi con le altre persone.

Quando l’anziano vicino Paddy (Macdara O’Fatharta) dice a John che deve “smettere di vivere come un fantasma”, è più facile dirlo che farlo. Sempre vestito con blandi toni marroni e verdi che lo fanno sembrare parte del paesaggio, John sembra in pace solo quando cammina intorno alla “palude e alle pietre” della sua proprietà mentre recita nomi di luoghi e ricorda lo spirito del padre che ancora venera. La pesante nuvola che incombe sul fragile stato d’animo di John trova una potente metafora visiva nelle magnifiche immagini di nebbie che aleggiano nelle valli e oscurano le cime delle colline che circondano il pezzo di terra di John. Anche qui non è completamente al sicuro. In agguato, minaccioso, c’è Stephen (Diarmud de Faoite), un locale che vuole comprare la terra di John per molto meno del suo valore e trasformarla in un parco eolico.

Già considerato come lo scemo del villaggio nella sua remota comunità rurale, John diventa vittima di violenza quando si diffonde la notizia della sua eredità. Un pestaggio selvaggio per mano del tormentatore di lunga data Eugene Penrose (Eion Geoghegan) lascia John in ospedale e rischia di perdere la vista. Il suo lungo periodo di convalescenza lo porta in contatto con il compagno Dave (Cillian O’Gairbhi) e Siobahn (Fionnuala Flaherty), un’infermiera gentile e premurosa.

È straziante osservare il tentativo di amicizia di John con Dave, un vile misogino e bullo che si vanta delle sue conquiste sessuali mentre prende in giro John per la sua verginità. C’è più speranza per John nei suoi tentativi di formare una relazione romantica con Siobhan, ma anche se si muove verso momenti teneri e toccanti questo racconto non è mai lontano dal dolore e dalla delusione.

Anche se Siobhan è un personaggio appena abbozzato, Flaherty porta una profondità e un calore al ruolo che ci fa credere e preoccupare per questa strana relazione. Lo stesso si può dire per O’Healai, che appare in ogni scena e usa gesti sottili ed espressioni facciali per generare comprensione per un uomo che è senza fascino e senza colpa. Mentre per molti spettatori sarà molto più difficile provare calore e simpatia genuini per John Cunliffe, è uno di quegli strani personaggi che non svaniscono rapidamente dalla memoria.

Anche se è più facile ammirarlo che goderlo, “Shelter” ha molte buone qualità, e sarà interessante monitorare i progressi di Breathnach da qui in poi. Questo dramma splendidamente fotografato è ben servito dalle ossessionanti sculture sonore create dal compositore islandese Sindri Mar Sigfusson (aka Sin Fang).



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you