Asiatica Film Mediale

Recensione di Sex Appeal: la nuova commedia per adolescenti di Hulu non può essere paragonata all’educazione sessuale

Recensione di Sex Appeal: la nuova commedia per adolescenti di Hulu non può essere paragonata all’educazione sessuale
Marco

Di Marco

15 Gennaio 2022, 21:00


Appello sessuale è una commedia per adolescenti che sembra troppo simile a un’imitazione del programma televisivo di successo Educazione sessuale e l’acclamato dalla critica Libro intelligente. Se non fosse sulla scia di diverse storie eccezionali su giovani donne complicate che scoprono la loro sessualità, allora Appello sessuale avrebbe potuto valere la pena di guardare.

Avery Hansen-White (Mika Abdalla) è un’adolescente delle superiori che eccelle nelle cose in cui è brava. Ciò significa che evita le cose in cui sa che non sarà eccellente, come le normali cose per adolescenti. Il suo obiettivo nella vita è avere successo, quindi quando il suo ragazzo a distanza suggerisce di fare sesso, Avery ha inaspettatamente un nuovo obiettivo. Fortunatamente per lei, un nuovo concorso STEM diventa una strada in cui Avery può scoprire come essere brava nel sesso. Decide di sviluppare un’app per aiutarla a diventare un maestro e per farlo chiede l’aiuto del suo più vecchio amico Larson (Jake Short) come soggetto di prova. Ne derivano ilarità e imbarazzo.

Margaret Cho, Mika Abdalla e Rebecca Henderson

Appello sessuale è un film che lotta su due fronti: gioca con una nuova serie di archetipi e convenzioni che sono stati meglio articolati in altri progetti e c’è troppa enfasi sulla realizzazione di una commedia erotica per adolescenti eccentrica e stilizzata che lo sviluppo del personaggio per il suo protagonista viene lasciato indietro. L’approssimazione più vicina a Appello sessuale sarebbero i due progetti precedentemente menzionati. Si può immaginare l’incontro di presentazione per Sex Appeal che ha messo in evidenza il collegamento con Booksmart e Sex Education perché è così palesemente ovvio nel prodotto finale: dalle madri entusiaste “parliamo di sesso” all’eccentrico gruppo di studenti delle scuole superiori che sfidano le convenzioni. Che sia intenzionale o meno, il problema con progetti come Sex Appeal è che finisce per essere privo di personalità e il protagonista cresciuto da un trio di lesbiche non lo compensa.

Il film ruota attorno a una ragazza adolescente che impara a conoscere il consenso, i preliminari, il piacere, la collaborazione e le molte altre sfaccettature del sesso che lo rendono un’esperienza piacevole. Conduce interviste improvvisate con i suoi compagni studenti che insegnano le sue idee sbagliate e incomprensioni sul sesso a cui spesso gli adolescenti si aggrappano. Avery implementa quindi ciò che impara con Larson, ma non sa, il suo soggetto di prova ha sviluppato forti sentimenti per lei. Lungo la strada, Avery deve imparare che il sesso non è un’esperienza puramente fisica, è anche emotiva. Tutto questo è materiale piuttosto importante e rilevante in una commedia sessuale adolescenziale, specialmente in un’epoca in cui sempre più adulti fuorviati vogliono dissuadere i giovani adulti dall’apprendere qualcosa su questa esperienza perfettamente naturale. Quindi, per quello che si propone di fare, Appello sessuale almeno riesce a far passare il suo messaggio. È un lungometraggio ben intenzionato e ben diretto.

Mika Abdalla in Sex Appeal

Mentre Sex Appeal mira a essere informativo e divertente, vacilla quando si tratta di esplorare questi temi attraverso il suo protagonista sottosviluppato. Mika Abdalla è estremamente affascinante nel ruolo di Avery, ma non riesce a superare il suo protagonista tragicamente sottosviluppato. Avery, sulla carta, subisce una crescita, ma gran parte di quella crescita si traduce in una narrazione fuori campo. Ad Abdalla, e per estensione Jake Short, non viene dato molto da fare per interpretare gli archi dei personaggi sullo schermo. Inoltre, Avery e Larson mancano di qualità interessanti o determinanti. Tutto il senso della personalità viene assorbito dai giocatori di supporto che non sono altro che stranezze e dialoghi scattanti. Poi ci sono le piccole vignette carine che giocano quando Avery e Larson hanno incontri sessuali che tentano di compensare ciò che questi personaggi mancano di personalità. Questi momenti perdono rapidamente il loro fascino, e ogni volta che lo schermo viene inondato da una tenue foschia al neon rosa/viola, gli sguardi si alzano al cielo.

Affinché questo film funzionasse, doveva enfatizzare la crescita emotiva del suo protagonista. Rimane ostinatamente stagnante per troppo tempo, e una volta che inizia a girarsi, arriva troppo tardi. La regola più pronunciata, “mostra, non dire”, avrebbe dovuto applicarsi qui. Troppo spesso Avery ci dice cosa sta pensando e provando durante le riprese di lei che guida uno scooter o immette codice senza parole nella sua app. Con così tanto dello sviluppo del suo personaggio definito dalla narrazione, il pubblico rimane con una pista piuttosto vuota. E senza un personaggio centrale evocativo, l’intero film va in pezzi. C’è bisogno di più film e programmi TV guidati da giovani donne e ragazze complicate e ricche di sfumature. Appello sessuale ha buone intenzioni e un buon istinto, ma la mancanza di sfumature vanifica l’intera impresa. Forse l’ultimo film di Hulu troverà un pubblico disposto ad accettarlo con i suoi difetti, o forse la maggior parte delle persone si sentirà incline a guardare qualcosa di meglio.

Sex Appeal inizia lo streaming su Hulu a partire da venerdì 14 gennaio. Dura 90 minuti e non è valutato.

Date di rilascio chiave Sex Appeal (2022)Data di rilascio: 14 gennaio 2022


Potrebbe interessarti

Recensione in frantumi: nemmeno John Malkovich può salvare il prevedibile thriller
Recensione in frantumi: nemmeno John Malkovich può salvare il prevedibile thriller

Negli ultimi anni, la maggior parte dei thriller erotici è andata male tra la critica e il pubblico, i motivi predominanti sono la mancanza di una trama avvincente, elementi disallineati e il rigurgito di tropi che sono stati uccisi. Shattered di Luis Prieto non tenta di instillare plausibilità o ingegno nella sua trama, finendo con […]

Recensione Borrego: Lucy Hale conduce un thriller sconsiderato, disordinato e fuorviante
Recensione Borrego: Lucy Hale conduce un thriller sconsiderato, disordinato e fuorviante

Borrego è un film con una crisi d’identità. Non del tutto il film promesso nella sua pergamena di apertura e finisce per non cogliere mai appieno la profondità di ciò che sta cercando di trasmettere. Il testo di apertura del film fa riferimento all’aumento dell’uso di farmaci da prescrizione, overdose e decessi correlati alla droga […]