Notizie FilmRecensione di 'Semplice come l'acqua': Rifugiati siriani nel limbo,...

Recensione di ‘Semplice come l’acqua’: Rifugiati siriani nel limbo, dalla Turchia alla Pennsylvania

-

- Advertisment -spot_img


Diciotto anni fa Megan Mylan ha co-diretto “Lost Boys of Sudan”, un memorabile documentario che raccontava la speranza e lo sconvolgimento di sette giovani uomini sbarcati negli Stati Uniti dopo essere sopravvissuti ai massacri nei villaggi durante la seconda guerra civile di quella nazione. (Non è stato molto tempo fa nello schema generale delle cose, ma abbastanza a lungo perché il suo nuovo “Simple as Water” arrivi in un clima molto diverso, dove tali conflitti e i loro rifugiati sono questioni sociopolitiche in tutto il mondo.

Qui, i soggetti sono quattro famiglie separate dalla guerra civile in corso in Siria, il loro ottimismo, se non la loro determinazione, si affievolisce di fronte agli ostacoli burocratici e di altro tipo alla riunione. Ritraendo gli esiliati bloccati in un modello di attesa su cui hanno poco controllo, “Water” non è forse inevitabilmente così coinvolgente come “Lost Boys”, che aveva il vantaggio di testimoniare un reale cambiamento nelle vite dei suoi protagonisti. Ma è ancora un grazioso, toccante campionario di dilemmi che pochi spettatori hanno probabilmente sperimentato, anche se diventano una realtà sempre più comune per i meno fortunati in molte nazioni. HBO sta dando al lungometraggio una visione limitata nelle sale prima della sua trasmissione e del lancio in streaming il 16 novembre.

In un film senza testo esplicativo o narrazione, raramente otteniamo molti dettagli su come esattamente i protagonisti siano arrivati dove sono, o sulle circostanze della loro fuga iniziale. Né c’è un background generale sulla situazione generale siriana, che è stata una lotta violenta tra diverse fazioni interne (alimentata dal sostegno di varie potenze straniere alle forze governative e ribelli) per poco più di un decennio.

Invece, l’attenzione qui si concentra sulla situazione quotidiana delle persone le cui soluzioni forzate e di emergenza si sono trasformate in solchi a lungo termine da cui non ci sono vie di fuga chiare e affidabili. Yasmin è in una tendopoli per rifugiati con i suoi quattro figli piccoli, in una zona del porto di Atene, sotto un cavalcavia. Sono relativamente nuovi arrivati, anche se già desiderosi di andare avanti. Quando questo accadrà è un’ipotesi, dato che suo marito non ha ancora i documenti per avviare un processo di ricongiungimento familiare in Germania, dove è sbarcato.

Ancora più disperata è Samra, il cui marito è stato arrestato qualche tempo fa per le sue affiliazioni al regime e da allora non ha più avuto notizie. Ora lavora come operatrice sul campo in Turchia, costretta a lasciare ogni giorno il dodicenne Fayez, il maggiore, a occuparsi degli altri quattro figli. È una situazione così difficile che sta considerando di affidarli tutti alle cure istituzionali di un orfanotrofio, un’opzione che il prematuro “uomo di casa” Fayez deride come “una vita di umiliazione”.

Omar e suo fratello minore Abdulrahman sono in Pennsylvania in attesa del giudizio sulle loro richieste di asilo separate. Omar lavora in un magazzino; l’adolescente, che ha perso parte di una gamba quando la loro casa è stata bombardata, sta andando bene in prima superiore. Ma anche se sono tutto l’uno per l’altro, il futuro dei fratelli è incerto: Poiché una volta ha servito nell’Esercito Libero Siriano, Omar è visto come “impegnato in attività terroristiche” dal governo degli Stati Uniti. Le loro possibilità potrebbero essere migliori in Canada.

Un caso diverso è quello di Diaa, di mezza età, che rimane con il marito e il figlio minore disabile nella città siriana nord-occidentale di Masyaf. Ma sembra che passi quasi tutto il suo tempo sui dispositivi digitali, cercando di scoprire qualcosa sul figlio maggiore Mohammad. L’hanno mandato in Egitto per sfuggire alla “morte e alla distruzione”, ma lui è tornato di nascosto senza dire nulla. Ora, cinque anni dopo, possono solo sperare che sia tra i detenuti liberati dall’ISIS, eleggibile per un programma di scambio di prigionieri. Sempre che sia ancora vivo.

Anche se presumibilmente girato nel corso di cinque anni, “Semplice come l’acqua” offre più una serie di istantanee individuali che qualcosa che assomiglia a un arco narrativo. Tuttavia, il film se ne distacca nel suo segmento finale, quando vediamo il marito di Yasmin, Safwan, nel pittoresco villaggio tedesco di Butzbach, che condivide l’alloggio con altri uomini siriani ansiosi di riunirsi alle loro famiglie. Per lui, quel giorno arriva davvero, e dopo aver assistito a tanta frustrazione stressante, la gioia di questo clan di essere di nuovo insieme è molto commovente. Qualsiasi avversità continuino ad affrontare, si intuisce che niente sarà così scoraggiante come lo è già stata la loro separazione.

Con tre DP accreditati, la presentazione visiva di Mylan mantiene comunque una certa coerenza nell’elegante composizione widescreen, e il ritmo editoriale complementare qui è conciso ma senza fretta. Un’eterea colonna sonora originale di Hanan Townshend sottolinea lo stato di limbo dei protagonisti, che si muovono sull’acqua sperando in un futuro più stabile in cui i loro figli possano piantare nuove radici.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you