RecensioniRecensione di Saint Omer: il dramma giudiziario francese richiede...

Recensione di Saint Omer: il dramma giudiziario francese richiede tutta la tua attenzione

-


L’aspetto centrale del film d’esordio della regista francese Alice Diop, Saint Omer, è un crimine insondabile: una madre ha lasciato la figlia di 15 mesi su una spiaggia per essere trascinata in mare, provocandone la morte. Si ispira a un caso reale che ha fatto notizia in Francia e all’estero, il processo al quale il regista ha effettivamente assistito. Mentre il film è interessato alla donna che ha commesso l’atto, segue principalmente un personaggio nella posizione di osservatore di Diop, e la sua domanda guida non è, come avrebbe potuto essere in altri progetti, “Come si fa a dare un senso a una tragedia insensata ?” Invece, Saint Omer chiede: “E se un crimine insondabile non fosse poi così insondabile?” È una linea di pensiero pesante che porta a risposte non facili, ma che Diop segue comunque, con intento avvolgente e paziente. Gli spettatori disposti a dargli la stessa attenzione, quasi incantata, che il protagonista dà a questo caso, lo troveranno una meditazione avvincente su cose così ampie come l’alterità razziale, le relazioni tra madre e figlia e la scivolosità del mondo reale di concetti come verità e giustizia. .

Rama (Kayije Kagame) è un professore e romanziere di origine senegalese che si reca da Parigi al comune di Saint-Omer per il processo di un certo Laurence Coly (Guslagie Malanga) per infanticidio. Il paese è preso da questo caso per le sue singolari caratteristiche: Laurence, che ha confessato, si dichiara non colpevole dopo aver affermato di essere stato sotto l’influenza della stregoneria. Rama intende usarlo come base per un nuovo libro, tracciando un parallelo con il racconto mitologico di Medea. Ma mentre ascolta la testimonianza di Laurence, è invece colpita da molti parallelismi con la sua stessa vita. L’imputato, un immigrato senegalese, è venuto in Francia per studiare e diventare un accademico. Ha avuto una relazione con un francese bianco, come Rama, e una storia difficile con sua madre, come anche Rama. Più la vita di Laurence viene messa a nudo, più Rama si ritrova in grado di capirla, fino a quando tutto ciò che rimane è l’unica orribile decisione che dovrebbe essere totalmente incomprensibile, il che rende l’apprensione di Rama per essere incinta di quattro mesi ancora più fastidiosa.

Guslagie Malanga a Saint-Omer

I drammi in tribunale sono ingannevolmente difficili da dirigere, poiché l’ambientazione non consente naturalmente molto movimento, ma la sicurezza formale di Diop abbraccia la staticità senza diventare seria. La telecamera è solitamente bloccata in determinate posizioni mentre Laurence e altri testimoni vengono interrogati dal giudice (Valérie Dréville), dall’avvocato dell’accusa (Robert Cantarella) e dall’avvocato difensore, Vaudenay (Aurélia Petit). Queste scene si svolgono come ricreazioni di trascrizioni reali (quelle del caso reale hanno effettivamente ispirato la sceneggiatura), a parte alcune iniezioni della prospettiva di Rama, ma la regista non si limita a attingere alla sua esperienza di documentarista. Saint Omer trae significato da scelte precise e non ostentate. L’angolo in cui è posizionata la telecamera, ad esempio: dopo aver ripreso Laurence da una diagonale, si sposta per catturarla frontalmente mentre l’empatia di Rama per lei cresce. Il film si interrompe spesso tra gli oratori, ma raramente all’inizio di una battuta, insegnando al pubblico a concentrarsi maggiormente su come reagiscono i personaggi piuttosto che su ciò che viene detto. Queste non sono caratteristiche che possono essere apprezzate passivamente; Saint Omer richiede la piena attenzione dei suoi spettatori.

Richiede molto anche ai suoi attori, che grazie a questo stile di montaggio ottengono un certo primato tematico. Prendi quando l’ex professore di filosofia di Laurence (Charlotte Clamens) mette in dubbio la validità del suo interesse per Wittgenstein, a causa della sua distanza dalla sua cultura africana. La telecamera cattura prima la reazione di Laurence, il cui sguardo rabbioso si fonde in qualcosa di simile all’insicurezza e alla sconfitta, minacciando la sua determinazione. Si siede, solo per sentirsi dire dal giudice che deve rimanere in piedi; quando si rialza, è notevolmente abbattuta. Quindi, mentre la professoressa si siede di nuovo accanto a Rama, la telecamera cattura lo sguardo sdegnoso della protagonista, con la sua stessa rabbia che ribolle sotto il linguaggio del corpo che rimane risoluto. Questi momenti di recitazione di Malanga e Kagame non sono usati solo per sviluppare i loro personaggi, ma riflettono anche l’impatto del pregiudizio razziale e dell’oppressione sistemica, la cui esistenza è mostrata, non raccontata. Anche se la corte sembra disinteressata a come Laurence’s Blackness abbia contribuito all’isolamento sociale stabilito dal processo, Saint Omer lo è davvero, ed è attraverso la performance di Malanga che gli spettatori vedono come l’essere alterata, insieme alle altre sfide della sua vita, abbia schiacciato lo spirito di Laurence. in un certo senso non ha quello di Rama.

Kayije Kagame a Saint-Omer

Il film di Diop non è privo di svolazzi formali, in particolare quando si tratta di esplorare i ricordi d’infanzia di Rama, ma è più interessato ad accumulare dettagli significativi che a fare affermazioni chiare e radicali. Come si addice al suo interesse per il mondo accademico, Saint Omer beneficia dello studio e il pubblico scoprirà che rifletterci in seguito fa emergere nuove connessioni. Ad esempio: Rama si sta davvero identificando con Laurence, al punto da essere costretta a immaginarsi in quello scenario impossibile? O vede qualcosa di Laurence in sua madre, anch’essa immigrata dal Senegal, e si chiede quanto sia vicina a condividere il destino del bambino? Tale è lo stato di interrogatorio che Saint Omer lascia al suo pubblico in quanto questa possibilità potrebbe rivelarsi a uno spettatore giorni dopo averlo visto (come nel caso qui) – un’indicazione della sua qualità come opera d’arte.

Saint Omer è uscito in sale limitate negli Stati Uniti il ​​13 gennaio. Il film dura 122 minuti ed è classificato PG-13 per alcuni elementi tematici e un breve linguaggio forte.

Ultime News

The Flash Season 10 avrebbe ripagato la presa in giro della Justice League di Arrowverse

La stagione 10 di Flash avrebbe ripagato la presa in giro della Justice League di Crisis on Infinite...

Lo strano problema dei diritti di Hannibal ha danneggiato ENTRAMBI i programmi TV

Le questioni relative ai diritti legali che circondano la serie Hannibal Lecter di Thomas Harris hanno danneggiato entrambi...

Resident Evil: Death Island Trailer ha finalmente Leon, Chris e Jill insieme

Il trailer di Resident Evil: Death Island unisce finalmente tre dei famosi personaggi del franchise. Basata sul...

L’intricato set LEGO Il Signore degli Anelli unisce la compagnia a Rivendell

Dopo quasi 9 anni dalla fine della linea originale, LEGO torna nel mondo de Il Signore degli Anelli...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te