Asiatica Film Mediale

Recensione di Rye Lane: il vivace debutto di Allen-Miller vanta un cast accattivante [Sundance]

Recensione di Rye Lane: il vivace debutto di Allen-Miller vanta un cast accattivante [Sundance]
Marco

Di Marco

24 Gennaio 2023, 06:24


La regista Raine Allen-Miller ha fatto il suo debutto a Hollywood con il suo impressionante cortometraggio d’esordio, Jerk, nel 2018. La storia segue un uomo giamaicano mentre combatte contro la depressione e la disillusione. Per il suo lungometraggio, Rye Lane, Allen-Miller si rivolge alla spensieratezza e alla commedia per affrontare il dramma relazionale e la fiducia in se stessa. Il film è interpretato da David Jonsson e Vivian Oparah mentre navigano in una storia d’amore in erba mentre affrontano il crepacuore nel sud di Londra. La loro chimica è elettrica, trasuda giocosità e tenerezza attraverso le loro esibizioni. Nella sua leggerezza e nel commento sull’essere di nuovo aperti all’amore, Rye Lane offre un’esperienza avvincente piena di cuore, umorismo e gioia.

David Jonsson interpreta Dom, un londinese squattrinato di 20 anni che sembra non riuscire a superare il tradimento del suo ex. Dopo una serata di pianti orribili in un bagno, incontra Yas (Vivian Oparah), la ragazza dallo spirito libero con una sua spiacevole relazione passata. Insieme, Dom e Yas decidono di trascorrere la giornata l’uno con l’altro nella speranza di attenuare le punture delle loro precedenti ferite. Mentre si preparano per le riunioni con i loro ex, iniziano a fare affidamento l’uno sull’altro per il supporto emotivo, rendendosi conto che potrebbero benissimo essere ciò di cui l’altra persona ha bisogno.

David Jonsson e Vivian Oparah in Rye Lane

È difficile immaginare come un lungometraggio d’esordio possa essere così semplice nei suoi temi ma fornire un prodotto finale impressionante e coinvolgente come Rye Lane. Ma Allen-Miller lo fa con precisione, creatività e una spensieratezza così accattivante. Il primo imbarazzante incontro tra Dom e Yas pone le basi per questa sceneggiatura turbolenta e divertente che porterà il suo pubblico in un incantevole viaggio per imparare ad amare di nuovo. E così facendo, Allen-Miller usa l’assurdità creativa per prendere in giro brutte rotture e drammi relazionali, il tutto aggiungendo una calda tenerezza nella sua direzione che le consente di brillare.

Come si suol dire, si sente dire che ci si deve rompere, ma a Rye Lane superare una rottura è più impegnativo. Ma grazie alla perspicace sceneggiatura di Nathan Bryon e Tom Melia, a volte rivisitare ciò che è andato storto nelle cattive relazioni può essere terapeutico, ancora di più quando hai un perfetto sconosciuto con cui farlo. Attraverso il gioioso caos di andare a ritroso nella memoria e rintracciare tutto ciò che è andato storto rispetto a ciò che avrebbe potuto essere fatto, il debutto di Allen-Miller affronta coraggiosamente il concetto di stabilire relazioni attraverso la dinamica dei suoi due protagonisti. E anche se ricordano il bene e il male delle loro precedenti relazioni, trovano una confortante serenità nell’essere se stessi l’uno con l’altro.

David Jonsson e Vivian Oparah in Rye Lane

La parte migliore del film d’esordio di Allen-Miller è la sua capacità di essere disponibile sulla tossicità nelle relazioni rispetto alle sue creazioni visive. Queste caratteristiche generano interazioni vivaci tra Dom e Yas che cattureranno sicuramente il cuore degli spettatori. A tal fine, le loro esibizioni spingono Rye Lane in un’accattivante commedia romantica che vale la pena guardare. Se “incontrare la persona giusta al momento sbagliato” fosse un film, sarebbe questo. Gli impegni di Jonsson e Oparah nel dare forma a una storia incentrata sull’andare avanti e sulla ricerca di un nuovo amore sono semplicemente spettacolari. La loro chimica elettrica rende facile fare il tifo per questa coppia improbabile dal primo momento in cui si incontrano.

L’originale lungometraggio di Allen-Miller sospende tutto ciò che si può sapere sull’andare avanti troppo presto e superare il crepacuore. Il mondo creativo che evoca è vibrante e divertente, portando a un’esperienza divertente e coinvolgente. Con la sceneggiatura di Bryon e Melia, Rye Lane celebra il concetto di essere di nuovo aperti all’amore dopo una dura rottura. E sebbene i suoi temi siano semplici e familiari, il film è rinfrescante poiché incorpora finemente il cuore e lo spirito al centro del ripristino della fede nel romanticismo. In poche parole, Rye Lane è allettante, audace e confortante.

Rye Lane è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival del 2023 il 23 gennaio. Il film dura 82 minuti ed è classificato R per linguaggio, alcuni contenuti sessuali e nudità.


Potrebbe interessarti

Past Lives Review: il debutto di Celine Song è pieno di sentimento, tenero, devastante [Sundance]
Past Lives Review: il debutto di Celine Song è pieno di sentimento, tenero, devastante [Sundance]

Il lungometraggio d’esordio della sceneggiatrice e regista Celine Song, Past Lives, è assolutamente stupefacente. La storia del film è semplice, ma c’è così tanta bellezza nei suoi strati, nelle sue interpretazioni e nella connessione straziante e profondamente commovente tra i suoi personaggi principali. Past Lives è incredibilmente emozionante; tocca come il passare del tempo, la […]

Recensione di Infinity Pool: Skarsgård e Goth sono intensi in un horror selvaggio e vuoto [Sundance]
Recensione di Infinity Pool: Skarsgård e Goth sono intensi in un horror selvaggio e vuoto [Sundance]

Non tutti i film dell’orrore hanno qualcosa di premuroso da dire. Infinity Pool è uno di questi film. Scritto e diretto da Brandon Cronenberg, Infinity Pool vanta allettanti interpretazioni di Mia Goth e Alexander Skarsgård, ma non si può fare a meno di interrogarsi sulla superficialità del film nonostante la sua depravazione fuori dal comune. […]