RecensioniRecensione di 'Red Notice': Il trio delle star gareggia...

Recensione di ‘Red Notice’: Il trio delle star gareggia in un’elaborata caccia alle uova di Pasqua

-

- Advertisment -spot_img


Prendendo il titolo dalla lista dei più ricercati dell’Interpol, la tortuosa caccia al tesoro del regista Rawson Marshall Thurber, “Red Notice”, confonde i confini tra buoni e cattivi e si concentra su quale dei due famigerati ladri d’arte sia più bravo a infrangere la legge: il sarcastico maestro falsario Nolan Booth (un Ryan Reynolds affidabile e lamentoso) o la sua nemesi di alto livello, conosciuta solo come “il vescovo” (una Gal Gadot più vinosa).

Il loro obiettivo è quello di raccogliere tre sfere ornamentali – del valore di circa 300 milioni di dollari, ma solo come set – originariamente regalate da Antonio a Cleopatra, poi sparse agli angoli del mondo. Mentre Booth e Bishop rimbalzano per il mondo, impegnandosi in quella che equivale a una caccia alle uova di Pasqua ad alta quota, il profiler criminale John Hartley (Dwayne Johnson) cerca di catturarli, dando vita a un divertissement divertente, frenetico e spesso divertente. Prodotto da Universal, poi venduto a Netflix per un’uscita ibrida (nei cinema il 5 novembre, poi in streaming per gli abbonati una settimana dopo), “Red Notice” funziona sorprendentemente bene per quello che è.

La sceneggiatura, che Thurber stesso ha scritto, parte a razzo, mentre Booth ruba il primo uovo di Cleopatra, sfuggendo per un pelo alle grinfie di Hartley, solo per essere arrestato quando arriva a casa in un altro emisfero. Poi spunta il vescovo, ruba il premio recuperato e fa finire Hartley in acqua calda, dato che l’agente dell’Interpol in carica, l’ispettore Das (Ritu Arya), ora sospetta che l’ex profiler dell’FBI l’abbia rubato lui stesso. La prossima cosa che Hartley sa è che si trova a dividere la cella con Booth in una remota prigione russa.

Siamo esattamente nel territorio dei film d’azione degli anni ’80 e ’90, e Thurber (che ha portato l’improbabilità a nuove altezze con “Skyscraper”, interpretato da Rock) sa certamente come offrire combattimenti selvaggi e ben coreografati, inseguimenti e altre scene guidate da stunt. Prendiamo la prima rapina, quando Booth corre attraverso il museo, solo per trovarsi messo all’angolo in una stanza con una gigantesca impalcatura di metallo, che lui procede a sganciare un perno alla volta, fino a quando l’intera cosa crolla. Così facendo, Reynolds supera agilmente i suoi inseguitori come avrebbe fatto Jackie Chan ai suoi tempi.

L’influenza di Indiana Jones è innegabile nello spumeggiante diario di viaggio di Thurber, che incanala anche favoriti retrò come “True Lies” di James Cameron (compreso un tango sexy in cui un grosso uomo in smoking – Johnson, non Schwarzenegger in questo caso – si fa irresponsabilmente notare mentre è sotto copertura). Ancora più divertente dell’azione retrò è la dinamica all’antica tra questi tre diffidenti nemici, che devono cautamente accettare di lavorare insieme per localizzare tutte le uova di Cleopatra. C’è un’inconfondibile qualità da screwball-comedy nelle battute, quando gli improbabili partner Booth e Hartley litigano, o ogni volta che il vescovo si presenta e mette in scena gli altri due.

È stato ampiamente riportato che nei film di “Deadpool”, Reynolds improvvisa (o altrimenti si prepara con) molte delle sue battute, e il ladro sarcastico che interpreta qui sembra un’estensione di altri irriverenti cut-up che ha incarnato prima. Naturalmente, questo atteggiamento rompe qualsiasi realtà a cui il pubblico dovrebbe credere, ma ne vale la pena, dato che le sue battute sono spesso efficaci (ad esempio, descrivendo la sicurezza di un bersaglio sempre attenta e sempre in ascolto come “un po’ come Alexa con le pistole”, o litigando con Johnson, poi lasciando cadere un “Questa è un’erezione così confusa” perfettamente sincronizzato).

Reynolds è uno dei pochi protagonisti contemporanei che può costantemente cavarsela ammiccando al pubblico durante una performance. Da quasi tutti gli altri a Hollywood ci si aspetta che recitino, o che almeno fingano di scomparire nel personaggio. In diretto contrasto, parte del piacere di “Red Notice” sta nel guardare le tre star che si scambiano le loro personalità da star. Nessuno compra Johnson come un mite profiler dell’FBI (quando Das gli dice che non sembra la parte, risponde con un appropriato e stanco “Me lo dicono spesso”), ma è soddisfacente sospendere l’incredulità e vedere cosa farà The Rock con questo ruolo. Nel frattempo, Gadot, che è stata spinta allo status di A-list da “Wonder Woman” solo pochi anni fa, riesce a dimostrare che anche lei ha un senso dell’umorismo, mentre il Vescovo prende in giro e tormenta gli altri due.

Il suo soprannome deriva dagli scacchi, ma la strategia di quel gioco è molto più sofisticata di qualsiasi cosa che il Vescovo riesca a orchestrare qui. In realtà, guardando “Red Notice” ci si sente più come a dama, dove un giocatore ogni tanto riesce a fare una di quelle mosse in cui salta diversi pezzi dell’avversario in un solo turno. Questi tre sono costantemente più furbi l’uno dell’altro, tanto che le uova di Cleopatra cambiano spesso di mano, mentre le manette legano spesso i polsi sbagliati. Booth e Hartley si incastrano abbastanza da non avere altra scelta che cercare di andare d’accordo. Dopo aver viaggiato da Bali a Roma all’Argentina al Cairo (gran parte del film è stato evidentemente girato nello stato della Georgia), il trio finisce inevitabilmente per infiltrarsi in un bunker nazista segreto pieno di manufatti rubati. “Cercate una scatola con scritto ‘MacGuffin'”, dice Reynolds, ricordandoci che è tutto un film – e ragionevolmente intelligente. Basta non scrutarlo troppo da vicino.

“Red Notice” potrebbe essere lo spin di Thurber su “National Treasure”, con altrettanto DNA dal classico della RKO “Gunga Din”. Lo scrittore-regista si dimostra molto abile nell’inventare scuse per questi personaggi per infiltrarsi e fuggire da luoghi elaborati e protetti, e anche se il film si basa un po’ troppo su un’esposizione ingombrante (i primi minuti del film sono tra i più goffi che il genere abbia mai visto), si muove abbastanza velocemente che la maggior parte del pubblico non inciamperà in – o non si fermerà nemmeno a mettere in dubbio – i molti buchi della trama. Come un abile artista della truffa, il film ruba il vostro tempo, ma vi lascia la sensazione di aver ottenuto la parte più vantaggiosa dell’accordo.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you