Asiatica Film Mediale

Recensione di Raymond e Ray: Ethan Hawke ed Ewan McGregor eccellono in un dramma imperfetto

Recensione di Raymond e Ray: Ethan Hawke ed Ewan McGregor eccellono in un dramma imperfetto
Marco

Di Marco

13 Ottobre 2022, 14:24


Le dinamiche familiari non diventano più complicate di quelle al centro di Raymond & Ray. Meglio ancora, si spera che non diventino più complicati. La commedia oscura dello sceneggiatore e regista Rodrigo García si addentra nel disordinato e nell’assurdo attraverso la storia di due fratellastri legati da traumi passati. Sebbene ci siano alcuni thread che non si esauriscono tanto quanto ci si potrebbe aspettare, ciò sembra adattarsi ai temi della perdita e dei conflitti irrisolti. Ancorato da due grandi interpretazioni da protagonista, Raymond & Ray dà il meglio di sé quando esplora le strane relazioni tra i suoi complicati personaggi.

Raymond (Ewan McGregor) e Ray (Ethan Hawke) sono fratellastri con molto poco in comune all’esterno. Raymond, il più schietto dei due, una notte fa il viaggio verso la baita rustica di Ray per dare alcune notizie pesanti: il loro padre (Tom Bower) è morto e uno dei suoi ultimi desideri è che partecipino al suo funerale. Fin dall’inizio, è chiaro che Raymond e Ray non avevano il miglior rapporto con il padre, e questo è un eufemismo. Sebbene Ray inizialmente resista all’idea di andare, viene convinto da Raymond e i due decidono di seppellire il padre. Letteralmente, sembra, poiché anche il loro papà (Harris, come lo chiamano gli uomini) ha chiesto ai suoi figli di scavare loro stessi la tomba.

Maribel Verdu e Sophie Okonedo in Raymond & Ray

Dalla prima conversazione tra i fratelli titolari, Raymond & Ray stabilisce i contorni di base dei personaggi e il loro difficile rapporto con il padre. Il dialogo di García è tutt’altro che sottile e talvolta rischia di essere troppo schietto. Sebbene alcuni dettagli riguardanti il ​​passato di Raymond e Ray siano lasciati scoperti, c’è abbastanza accenno agli spettatori per avere il quadro completo. Harris era un padre violento e donnaiolo, e ha lasciato molte cicatrici sui suoi figli. Tuttavia, con grande shock di Ray e Raymond, incontrano più persone che parlano bene dell’uomo defunto. Dall’amante/compagna di Harris Lucia (Maribel Verdú) alla sua nutrice Kiera (Sophie Okonedo), sembra che nei suoi ultimi anni l’uomo abbia voltato pagina. Raymond e Ray saggiamente non cercano di produrre risposte facili su questo ricordo di un uomo, lasciando invece che i suoi personaggi rimangano in quel posto imbarazzante che spesso arriva dopo una perdita. Raymond e Ray non sono in grado di riconciliare il padre che conoscevano con l’uomo che la gente continua a descrivere loro e Garcia non tenta di colmare alcun vuoto.

Sebbene il fulcro del film siano essenzialmente le sequenze sulla tomba, Raymond & Ray si prende il suo tempo per raggiungere quel punto. Il ritmo più lento all’inizio riduce l’impatto di alcuni momenti e sembra quasi che il film sia stato adattato da uno spettacolo teatrale. Questa non è necessariamente una cosa negativa, ma dà alla storia generale un’atmosfera più letargica. Quando gli uomini arrivano al cimitero e iniziano il loro compito di scavare l’ultima dimora di Harris, Raymond e Ray assumono un aspetto più avvincente. Ciò è in parte aiutato dal cast unico di personaggi che si uniscono a loro. Oltre a Lucia e Kiera, c’è l’elegante pastore di Vondie Curtis-Hall e il burbero impiegato delle pompe funebri di Todd Louiso, oltre ad alcune aggiunte sorprendenti. Mentre Raymond e Ray scavano faticosamente sei piedi nella terra, vengono rivelati nuovi segreti e affiorano emozioni complicate. Garcia inserisce alcuni momenti cupamente divertenti nel film e alcuni dei migliori escono al cimitero. È anche qui che McGregor e Hawke possono davvero scatenarsi.

Ewan McGregor ed Ethan Hawke in Raymond & Ray

Dei due fratelli, Hawke ottiene il massimo con cui giocare nei panni del più ruvido e tormentato Ray. Alcuni dettagli del suo passato vengono rivelati tramite il Raymond di McGregor, ma Hawke fa molto per vendere i fantasmi interiori di Ray con la sua stessa performance. Sebbene cerchi di sembrare inalterato dalla morte di suo padre, i momenti successivi riprendono la devastazione che si trova sotto la sua pelle e Hawke si immerge in quelle scene con abilità impressionante. McGregor corrisponde spesso all’impegno di Hawke, ma il suo personaggio ha una trama più instabile. Raymond è ferito quanto Ray, ma il modo in cui elabora le sue emozioni è un po’ più prevedibile, il che ne attenua l’impatto. Tra il cast di supporto, Verdú suscita risate nei panni dell’incredibilmente schietta Lucia, e Okonedo stringe un delizioso rapporto con Hawke che dà a Raymond e Ray una scossa di intrighi in più. Dimostra di essere una delle personalità più avvincenti dell’ensemble.

Alla fine, Raymond & Ray si conclude con una nota agrodolce venata di speranza per il futuro. Se si tratta di una conclusione soddisfacente dipenderà probabilmente dal singolo spettatore. Tuttavia, è sicuro dire che il viaggio in anticipo è un viaggio divertente e un po’ contorto. Raymond & Ray non è un film con personaggi del tutto simpatici o momenti felici. Ha anche alcuni difetti, ma tra la performance avvincente di Hawke e la volontà del film di andare in posti imbarazzanti, si rivela un’avventura utile.

Raymond & Ray sarà presentato in anteprima su Apple TV+ venerdì 21 ottobre. Dura 106 minuti ed è classificato come R per il linguaggio e del materiale sessuale.

Date di rilascio chiave Data di rilascio di Raymond & Ray: 21-10-2022


Potrebbe interessarti

Recensione della ragazza più fortunata al mondo: Mila Kunis porta il tiepido adattamento di una storia intensa
Recensione della ragazza più fortunata al mondo: Mila Kunis porta il tiepido adattamento di una storia intensa

Quando La ragazza più fortunata del mondo di Jessica Knoll ha debuttato nel 2015, il romanzo è stato favorevolmente paragonato a Gone Girl di Gillian Flynn e The Girl On The Train di Paula Hawkins. Entrambi i libri sono stati infine adattati per il cinema, con Gone Girl che è diventato un enorme successo. Il […]

Recensione di Rosaline: Kaitlyn Dever è una protagonista vincente in un racconto revisionista imperfetto
Recensione di Rosaline: Kaitlyn Dever è una protagonista vincente in un racconto revisionista imperfetto

Le rivisitazioni delle opere di Shakespeare sono classiche quanto il famoso drammaturgo stesso. Che si tratti di un fedele adattamento delle sue opere o di un trapianto moderno, sembra che non ci sia praticamente carenza di ciò che i registi possono fare con quelle storie iconiche. Rosaline, l’ultimo film della regista Karen Maine, cerca di […]