Asiatica Film Mediale

Recensione di One Fine Morning: Léa Seydoux presenta un dramma piccolo ma stimolante

Recensione di One Fine Morning: Léa Seydoux presenta un dramma piccolo ma stimolante
Marco

Di Marco

27 Gennaio 2023, 16:58


C’è un senso di piccolezza in One Fine Morning (Un beau matin) di Mia Hansen-Løve che è parte integrante del suo intento come progetto artistico. Il film è contenuto nell’ambito della vita di una donna, che è essa stessa abbastanza contenuta, sia per circostanza che per scelta. Succedono cose che in altri film potrebbero essere accentuate per il dramma o l’intrigo, che qui invece vengono presentate come ordinarie. Non è che non siano drammatici o intriganti, ma esistono come parte di una trapunta di momenti segmentati, ognuno dei quali ha lo stesso peso dell’altro. Il pubblico, una volta sistemato nel suo ritmo gentile, può vedere come i vari aspetti compartimentati della propria vita quotidiana siano in realtà sempre collegati, cuciti insieme dal tempo reale come lo sono qui dal montaggio. Se One Fine Morning non offre grandi rivelazioni, è pieno di echi, parallelismi e scintille che lasciano lo spettatore attivato oltre il suo tempo di esecuzione, forse impegnandosi con il mondo un po’ più pensieroso di quanto non fosse prima di guardarlo.

Sandra (Léa Seydoux) è molte cose: interprete professionista, fluente in inglese e tedesco oltre al francese nativo; madre single di una figlia di otto anni, Linn (Camille Leban Martins); figlio di Georg (Pascal Greggory), un professore in pensione la cui malattia neurodegenerativa sta per richiedere cure 24 ore su 24. Si dedica a questi ruoli nella sua vita, forse per colpa, finché non incontra Clément (Melvil Poupaud), un vecchio amico con cui sente un legame immediato. Il sentimento è reciproco e con Clément infelice nel suo matrimonio, i due iniziano una relazione: la prima relazione di Sandra da quando suo marito è morto cinque anni prima. Quando si sovrappone al lento dolore del deterioramento del padre e allo stress di organizzare le sue cure, il tumulto emotivo di questa relazione (appassionata, ma sporadica e venata di senso di colpa) spinge i suoi sentimenti in superficie, dove non può fare a meno di affrontarli.

Léa Seydoux e Melvil Poupaud in Un bel mattino

In One Fine Morning il montaggio regna sovrano. Le scene sono generalmente brevi e terminano con un taglio netto, incoraggiando allo stesso tempo lo spettatore a vedere i diversi pezzi della vita di Sandra come distinti e dimostrando la loro interconnessione. Questo ritmo funge da grande equalizzatore, con la forma del film che declina in singoli momenti e invece lascia che Sandra, attraverso la performance di Seydoux, mostri quali sono i più importanti. Questi per lo più finiscono per essere casi di sanguinamento emotivo, quando un filone della sua vita (di solito senza preavviso) si interseca con un altro. Per quanto scossa dal declino di suo padre, riesce a mantenere la calma quando è davvero con lui, ma ondate di quella tristezza la sopraffanno in momenti inaspettati. Seydoux colpisce proprio le note giuste in queste scene per mantenere il film fedele alla quotidianità. Ancora One Fine Morning con una sincerità di espressione che mostra il bene del sentimento che Sandra porta senza mai aver bisogno di metterlo completamente in mostra.

Il modo in cui Hansen-Løve struttura la narrazione serve anche come un modo efficace per meditare sull’esperienza di perdere un genitore a causa di una malattia degenerativa e sui suoi molti strati sfumati. Le interazioni di Sandra con Georg sono così chiaramente rispecchiate da quelle che ha con Linn, in quanto lei, agendo come custode, deve essenzialmente fare da genitore a suo padre. La sceneggiatura si concede solo l’esposizione che renderebbe il dialogo credibile al momento, ei dettagli su chi fosse Georg prima della sua malattia si accumulano lentamente, ognuno aggiungendo colore all’acutezza della perdita di Sandra. Viene sollevata la questione se suo padre sia ancora lì, e il film gli offre persino una metafora avvincente e sfuggente della sua stessa esperienza.

Léa Seydoux e Camille Leban Martins in Un bel mattino

Ci sono anche momenti nelle loro conversazioni che oscillano tra il tragico e il comico, come spesso accade nella realtà, e il pubblico non sa se ridere o piangere. Il processo in cui vengono consegnati i pezzi del puzzle e la necessità di assemblarli da soli si rivela stimolante, e mentre One Fine Morning pone più domande di quante ne risponda, c’è anche una certa verità in questo. Qualcosa di simile a quello che stanno vivendo Georg e Sandra, sebbene certamente non unico, è troppo grande per essere compreso appieno. Venire via dopo averne compreso un senso sembra una vittoria.

Data la sua portata minuta, il film si avvicina a superare il suo benvenuto a quasi due ore, ma compensa ogni potenziale ansia con una forte composizione visiva. C’è un calore nella cinematografia di One Fine Morning che fa venire voglia di rimanere nel suo abbraccio. La scenografia ei costumi sono organizzati attorno a colori forti e primari, che sembrano riflettere lo stato emotivo di Sandra – per lo meno, indossa sicuramente il rosso quando Clément ha riacceso la sua passione dormiente. Per quanto il film si sforzi di rimanere con i piedi per terra, il mondo appare ancora filtrato attraverso la prospettiva di un artista, e per fortuna. Questo mondo proietta cura per i suoi personaggi, come se tutto ciò che serve per rendere le loro sfide più sopportabili sia fermarsi e notare la bellezza nel modo in cui tutto è organizzato. È una sensazione confortante con cui andarsene dopo i titoli di coda.

One Fine Morning è uscito nelle sale venerdì 27 gennaio. Il film dura 112 minuti ed è classificato R per un po’ di sessualità, nudità e linguaggio.


Potrebbe interessarti

Recensione di Fairyland: Jones e McNairy sono eccellenti nel dramma commovente [Sundance]
Recensione di Fairyland: Jones e McNairy sono eccellenti nel dramma commovente [Sundance]

Fairyland si apre con una morte fuori campo. La madre di Alysia Abbott è morta in un incidente d’auto ed è stata lasciata alle cure di suo padre. Il film, basato sul libro di memorie di Alysia Abbott, Fairyland: A Memoir of My Father, porta immediatamente il pubblico nella dinamica padre/figlia al centro della storia. […]

Recensione di Magazine Dreams: la potente performance di Major porta un intenso dramma [Sundance]
Recensione di Magazine Dreams: la potente performance di Major porta un intenso dramma [Sundance]

Scritto e diretto da Elijah Bynum, Magazine Dreams opera solo con pura ferocia. Il film affronta una pletora di temi che stimolano la riflessione, e si appoggia un po ‘alla pesantezza e al disagio, tanto che farà dimenare il pubblico sui loro posti. Alimentato da un’incredibile e devota performance di Jonathan Majors, Magazine Dreams inciampa […]