Asiatica Film Mediale

Recensione di Lucy e Desi: Poehler batte il suo debutto nel documentario fuori dal parco

Recensione di Lucy e Desi: Poehler batte il suo debutto nel documentario fuori dal parco
Marco

Di Marco

06 Marzo 2022, 03:18


Amazon è andato all-in su Lucille Ball e Desi Arnaz con Being The Ricardos di Aaron Sorkin, candidato all’Oscar. Anche se costellato di stelle, quest’anno non è stato il miglior film sul duo comico, né il miglior film che Amazon ha pubblicato su di loro. Quel superlativo appartiene al rivelatore Lucy e Desi, il debutto nel documentario della regista Amy Poehler. Preciso, non disposto a scendere a compromessi e che ha ancora tempo per essere divertente, il documentario di Poehler lascerà gli spettatori a chiedersi perché non ha interpretato Ball in Being The Ricardos. Il filmmaking di Lucy e Desi non lascerà a bocca aperta nessuno, ma il cuore porterà il pubblico su un’emozionante montagna russa che i fan della coppia non dimenticheranno presto.

Lucy e Desi raccontano l’ascesa di Lucille Ball e Desi Arnaz, le star della sitcom di successo I Love Lucy, mentre navigano verso la celebrità di Hollywood. Ball non era deciso a diventare una star bambina; è arrivata alla modella perché voleva solo fare soldi per sostenere la sua famiglia. Dopo aver recitato in una sfilza di film di serie B e aver pagato i suoi debiti come attrice emergente, era finalmente in un posto in cui le chiamate al casting dicevano “Il tipo di Lucile Ball”. La sua carriera era in corso, ma nessuno stava utilizzando la sua commedia. Cioè, fino a quando non ha fatto coppia con il musicista e personaggio televisivo cubano Desi Arnaz. Il resto è storia… tranne per il fatto che la storia tende a finire con I Love Lucy. In realtà, la coppia continua non solo a rivoluzionare le sitcom, ma a formare il più grande studio cinematografico indipendente del mondo all’epoca.

“Non ho mai imparato la moderazione”. L’etica del lavoro di Arnaz ha giocato un ruolo enorme nel successo di I Love Lucy. Non c’è un vero inizio e una fine nella storia di questi titani di Hollywood perché il loro impatto si sente ancora oggi. Il film dà ad Arnaz il merito che merita di essere un geniale produttore televisivo. È stato lui a suggerire di riprodurre vecchi episodi come un modo per guadagnare tempo mentre si aspettavano e avevano il loro secondo figlio, il che ha portato a repliche come li conosciamo oggi. Ball sarebbe rimasto sotto gli occhi del pubblico molto più a lungo e, purtroppo, il lavoro di Arnaz lo avrebbe consumato. “Avevo solo due scelte”, ha detto Arnaz, “o smettere o diventare più grande. Questo è il modo in cui sono gli affari negli Stati Uniti. Non puoi avere un successo a metà”.

Lucy e Desi sono al top della forma quando analizzano l’atmosfera comunista della nazione negli anni ’50. Arnaz non è nato con radici umili. Insieme alla ricchezza generazionale dell’azienda di rum Bacardi, suo padre era un famoso politico che imprigionava i comunisti fino a quando non lo imprigionarono. “Desi non era un’immigrata. Era un rifugiato”. Sentire Arnaz ringraziare pubblicamente l’America è una scena complessa da guardare perché non ha lasciato la sua casa: è stato esiliato. Mentre l’America aveva un disperato bisogno di un cubano-americano che non fosse uno stereotipo, la raffinatezza e il talento che ha portato sullo schermo sono tossici quando le telecamere si oscurano. In totale opposizione, Ball si è registrata come comunista per rendere felice suo nonno quando ha iniziato a votare per la prima volta. Più di un decennio dopo, quella scheda elettorale con “comunista” in grassetto rosso li costringerebbe entrambi a usare ogni favore a loro disposizione per cambiare la percezione pubblica, inclusa una chiamata del presidente in carica.

La loro figlia Lucie Arnaz ha detto meglio: “Non le importava di essere la prima donna in assoluto”. Le scene finali del documentario mostrano Ball come ospite ricorrente in The Carol Burnett Show e ricevendo un premio alla carriera con una standing ovation. In quel momento, è chiaro che solo lei avrebbe potuto aiutare le interpreti femminili, in particolare le comiche, ad arrivare dove sono oggi e la sua cieca ambizione da giovane è stata il motore che l’ha messa in un posto per cambiare Hollywood in meglio. Le voci fuori campo di Ball e Arnaz in Lucy e Desi sono voci fuori campo che funzionano perfettamente poiché il pubblico si sente come se fossero le voci di Dio. Le interviste con i loro figli possono essere difficili da guardare, ma la gioia sul volto di Carol Burnett ricorda a tutti noi perché amiamo Lucy.

L’arma segreta di Poehler è la sua capacità di entrare nella mente dei suoi sudditi. Le loro voci creano una narrazione commovente, ma le loro riprese quando il regista chiama il taglio – e la facciata che cade – portano a casa il messaggio che, purtroppo, gli spettatori hanno ottenuto le parti migliori della loro relazione. Poehler non sta affatto cercando di dipingere una triste storia di divorzio in Lucy e Desi. Piuttosto, è il modo in cui descrive l’ascesa alla fama di Ball e la volontà di Arnaz di aiutarla ad avere successo che rende il finale del documentario così bello da vivere. Il divorzio di una celebrità media sarebbe stato fortunato a finire come il loro: lavorare insieme, felicemente sposati con altre persone, ancora amici e ancora ammirati l’uno dall’altro. Alla fine, Poehler tesse un ritratto distinto ed energico dell’originale donna rinascimentale di Hollywood in Lucy e Desi.

Lucy e Desi è disponibile per lo streaming su Amazon Prime Video a partire dal 4 marzo. Il film dura 103 minuti ed è classificato come PG per elementi tematici, fumo e linguaggio.

Date di uscita chiave Lucy e Desi (2022)Data di uscita: 04 marzo 2022


Potrebbe interessarti

Recensione del salone di Huda: il thriller palestinese non è all’altezza del suo potenziale
Recensione del salone di Huda: il thriller palestinese non è all’altezza del suo potenziale

Il film del 2021 Huda’s Salon ha una premessa avvincente: un thriller ambientato in Palestina e vede una donna ricattare una giovane madre facendola diventare una spia. Tutti i pezzi sono lì per il cinema accattivante: spionaggio, tradimento, interessi contrastanti, pericolo e, naturalmente, pathos. È un’idea che dovrebbe funzionare e lo sceneggiatore, regista e produttore […]

Recensione contro il ghiaccio: Coster-Waldau guida l’avventura artica grintosa e bruciante
Recensione contro il ghiaccio: Coster-Waldau guida l’avventura artica grintosa e bruciante

L’avventura artica del regista Peter Flinth (L’occhio dell’aquila), interpretato e co-sceneggiato da Nikolaj Coster-Waldau (Il Trono di Spade), è uno sguardo duro alla complessa storia della Groenlandia attraverso la lente degli uomini che sono quasi morti cercando di raggiungerla. Il cast di supporto è ancorato dal collega di Game of Thrones Charles Dance e dall’attore […]