RecensioniRecensione di 'Love Is Love Is Love': Il trittico...

Recensione di ‘Love Is Love Is Love’: Il trittico romantico offre una saggezza guadagnata su un cuscino di privilegi

-

- Advertisment -spot_img


Contenuto maturo significa qualcosa di diverso quando si tratta dei lungometraggi narrativi di Eleanor Coppola. “Love Is Love Is Love” – che apre venerdì nelle sale – è il secondo film narrativo della regista. E come con il suo debutto del 2017, “Paris Can Wait”, la Coppola scrive e gira ciò che conosce: le vite delle donne di una certa età – ma anche di uno status piuttosto rarefatto.

La Coppola ha riunito un bel gruppo di attori, molti dei quali probabilmente condividono le sue preoccupazioni sulla scarsità di storie da grande schermo per – e con – donne adulte. Le tre vignette di questa a volte tenera, a volte divertente avventura nel romanticismo, nel matrimonio e nell’amicizia forniscono un certo numero di momenti strutturati per le loro interpreti femminili. Johanna Whalley inchioda la conoscenza coniugale in “Two for Dinner”. Kathy Baker dimostra di essere l’adulto nella stanza – er, sul ponte – in “Sailing Lesson”. Il tavolo della cena in “Late Lunch” è circondato da ospiti graditi (tra cui Cybill Shepherd, Rita Wilson e Rosanna Arquette) che sottolineano che l’amicizia può essere l’ultimo strumento di presa di coscienza.

Fin dall’inizio, Whalley è saggia e seducente nel ruolo di Joanne, la moglie di un produttore cinematografico (Chris Messina) che è spesso sul posto. Quando “Two for Dinner” si apre, la coppia sta flirtando su Skype, anticipando chiaramente un appuntamento che avranno a breve in un ristorante. Sono cose vivaci, il tipo di battute che fanno sembrare attraente un matrimonio a lungo termine. Vestendosi, Joanne dice a Chris che uno degli amici dei loro figli adulti le ha chiesto quale sia il segreto di un lungo matrimonio. La sua risposta: “Non divorziare”. La risposta è divertente, ahi, azzeccata – e suona come una saggezza guadagnata.

C’è un intoppo nella loro serata: lui è in Montana. Lei è a casa in California. Così i due cenano via Skype. La vediamo sistemare il suo portatile troppo grande su un tavolo nel mezzo di un ristorante francese. È una cliente abituale – abbiamo capito. È una routine familiare allo staff, ma c’è qualcosa di un po’ fuori luogo, per quanto carino, nell’allestimento. E questo indica qualcosa di leggermente fastidioso in “Love Is Love Is Love”. Consideratelo il problema del film “il privilegio è privilegio è privilegio”.

L’ubicazione lussuosa di ogni racconto e il raduno di un cast di talento fanno venire in mente la serie di commedie romantiche di Nancy Meyers. Solo che la Coppola e la co-sceneggiatrice Karen Leigh Hopkins affrontano le esperienze dei loro personaggi femminili con più serietà. Eppure, più il film afferma le verità delle vite di queste donne, più quelle vite sembrano sigillate da un mondo che informa e respinge.

In “Lezioni di vela”, il marito di Diana, John (Marshall Bell), ha raggiunto il suo prurito dei sette anni dopo circa 33 anni di matrimonio. “Voglio una ragazza”, le dice in una telefonata, dopo aver dormito altrove la notte prima. Il titolo di questo racconto dolce e leggero allude alla disavventura a cui Diana acconsente. Le viene il mal di mare, motivo per cui non condivide questo passatempo con John. Polly Draper interpreta l’amica di Diana, Milly, che consiglia a Diana di non cedere alle richieste passive-aggressive di John. Una volta in acqua, le cose vanno male in modi prevedibili e non.

“Late Lunch” dà una leggera svolta alla nozione di “signore che pranzano” quando diventa evidente che le donne realizzate sedute intorno al tavolo della sala da pranzo amorevolmente apparecchiato si sono riunite perché un amico è morto. Questa è la più lunga delle vignette di “Love Is”, e nel corso del pasto, ciascuna condivide un aneddoto su Claire: Alcuni sono divertenti, altri tristi, quasi tutti rivelazioni a Caroline, la figlia di Claire e ospite del pasto.

Maya Kazan interpreta Caroline. Con l’aria colpita e un po’ spaventata dalla lista degli invitati al power-lunch, porta con sé un certo senso di colpa – e una grande quantità di dolore – per le ultime interazioni tra lei e sua madre. Questo gruppo di donne, di amici, così ben curato dal caro estinto, potrebbe portare conforto? Si conosce la risposta, ma per arrivarci le donne dovranno condividere storie di coming out, aborto, infedeltà, perdono e altro. Si ha la sensazione che la Coppola abbia salvato le migliori intuizioni per ultime. Certo, gli altri due racconti sottolineano le sfide di sostenibilità del matrimonio, ma “Late Lunch” celebra le affinità che alimentano e fortificano.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you