Asiatica Film Mediale

Recensione di Knock At The Cabin: Shyamalan offre un horror intenso e stimolante

Recensione di Knock At The Cabin: Shyamalan offre un horror intenso e stimolante
Marco

Di Marco

01 Febbraio 2023, 19:19


M. Night Shyamalan è tornato con Knock at the Cabin, un mistero dell’orrore che si svolge in un luogo e aumenta la tensione in modi interessanti. Basato su The Cabin at the End of the World, il romanzo del 2018 di Paul G. Tremblay, l’ultimo film di Shyamalan – scritto da lui, Steve Desmond e Michael Sherman – è straziante e intrigante. Sebbene indugi in superficie per quanto riguarda i suoi temi, si basa sulla paura e sulla tensione che permeano così chiaramente il film. Con un eccellente cast d’ensemble e un’intensa dinamica dei personaggi, Knock at the Cabin è un horror ad alto rischio che si diletta nel dubbio e nella confusione che ne derivano.

Knock at the Cabin si apre con la bambina di sette anni Wen (Kristen Cui), che è alla ricerca di cavallette quando viene avvicinata da Leonard (Dave Bautista). Wen è chiaramente diffidente nei confronti di Leonard, che si presenta rapidamente e spiega che lei e i suoi padri – Andrew (Ben Aldridge) ed Eric (Jonathan Groff) – dovranno presto prendere una decisione. Quando Wen vede che Leonard ha amici, tra cui Redmond (Rupert Grint), Ardiane (Abby Quinn) e Sabrina (Nikki Amuka-Bird), che si avvicinano con le armi, corre dentro per avvisare i suoi genitori. Leonard ei suoi soci alla fine si costringono a entrare in una capanna, dicendo alla famiglia spaventata che devono decidere chi tra loro tre sarà sacrificato o rischiare che l’apocalisse uccida tutti sulla Terra.

Ben Aldridge, Kristen Cui e Jonathan Groff in Bussare alla baita

Una delle cose che Knock at the Cabin fa così bene è confondere gli spettatori. Uno sarà combattuto tra credere a Leonard e ai suoi soci – sono incredibilmente convincenti – e voler schierarsi con Andrew, che è veementemente contrario ai loro obiettivi e al loro modo di pensare. È tutto – due terremoti, aerei che cadono dal cielo – una mera coincidenza o c’è del vero nelle parole degli invasori? Il film di Shyamalan sembra fornire indizi su quest’ultimo alla fine, ma è ancora abbastanza vago che non si è mai del tutto chiari su quale sia la verità e se sia stata semplicemente una manipolazione, un gioco di potere abbinato a forti coincidenze.

La tensione di Knock at the Cabin è grande, anche se si esaurisce dopo un certo punto perché il pubblico inizia a sapere cosa aspettarsi. Shyamalan non è tanto interessato ai colpi di scena qui quanto al brivido di non sapere, lasciando che l’incertezza travolga il pubblico mentre iniziano a mettere in discussione tutto su cosa sta succedendo. Ci sono casi violenti, ma la valutazione R del film sembra ingiustificata considerando che la maggior parte della brutalità è implicita e ascoltata piuttosto che effettivamente vista. La colonna sonora, inquietante e intensa, contribuisce a elevare l’atmosfera angosciante.

Jonathan Groff e Dave Bautista in Bussare alla baita

Dave Bautista è particolarmente straordinario nell’ensemble. La sua prestazione è misurata, la sua fisicità prepotente bilanciata da una sensibilità grezza che viene gestita con delicatezza. Bautista infonde sincerità a Leonard, ed è abbastanza facile da credere perché è così gentilmente irremovibile riguardo alle sue affermazioni; è fermo, ma morbido. Anche Ben Aldridge è fantastico. L’Andrew di Aldridge è l’antitesi di Leonard. È forte nelle sue convinzioni opposte, si aggrappa ai fatti e comprende la violenza che l’umanità può scatenare, motivo per cui è molto più diffidente nei confronti dell’equipaggio di Leonard che di Eric. Aldridge è una forza protettiva, dalla mente forte e testarda, amorevole e feroce. Il resto del cast, tra cui un tenero e coraggioso Jonathan Groff e una premurosa e calorosa Nikki Amuka-Bird, è meraviglioso e ognuno di loro sfrutta al massimo il proprio tempo sullo schermo, lasciando una forte impressione sugli spettatori.

Knock at the Cabin vacilla nei suoi temi, tuttavia, poiché non è così profondo come mira ad essere. Il film è troppo preso dalla sua struttura, ripetendo discussioni e discussioni in un interminabile botta e risposta tra i due gruppi di personaggi. Ciò gli impedisce di approfondire ulteriormente le sue sfumature religiose e il dibattito su miracoli e coincidenze. Nonostante l’approccio in qualche modo superficiale ai suoi temi, il film di Shyamalan è avvincente, attira facilmente il pubblico nella storia e lo tiene impegnato per tutto il tempo. L’uso di primi piani e angoli ha lo scopo di deformare i pensieri e generare sfiducia in certe scene, mentre suggerisce calore e affetto in altre. È una tattica intelligente che risveglierà i sensi durante la visione.

L’ultimo di Shyamalan è sicuramente uno dei suoi migliori da un po’ di tempo. È magnetico e ti farà indovinare; non importa quanto il pubblico pensi di sapere alla fine, Knock at the Cabin lascerà uno nel dubbio. Questo aspetto è una delle caratteristiche più forti del film, così come le eccezionali interpretazioni del cast corale. Sebbene i temi non siano così efficaci come potrebbero essere, o addirittura esplorati a fondo, ciò non toglie nulla al senso di mistero e curiosità del film. Shyamalan è di nuovo nel suo elemento, e per lo più ripaga.

Knock at the Cabin uscirà nelle sale il 3 febbraio. Il film dura 100 minuti ed è classificato R per violenza e linguaggio.


Potrebbe interessarti

Recensione di You Hurt My Feelings: il cast affascinante eleva la piacevole commedia [Sundance]
Recensione di You Hurt My Feelings: il cast affascinante eleva la piacevole commedia [Sundance]

La sceneggiatrice e regista Nicole Holofcener (Enough Said, Friends with Money) è tornata al Sundance Film Festival con il suo nuovo film, You Hurt My Feelings. Interpretato da Julia Louis-Dreyfus e Tobias Menzies, che sono perfetti nei loro ruoli, You Hurt My Feelings offre un’esplorazione spensierata e divertente delle bugie che le persone raccontano per […]

80 Per la recensione di Brady: Dramedy sportivo spensierato vanta un cast accattivante
80 Per la recensione di Brady: Dramedy sportivo spensierato vanta un cast accattivante

Le super fan di Tom Brady nella vita reale, Elaine, Betty, Anita, Pat e Claire sono le donne che hanno ispirato 80 For Brady del regista Kyle Marvin. Una storia avvincente e spensierata sulle amicizie femminili di lunga durata, la sceneggiatura di Sarah Haskins ed Emily Halpern è gradita alla folla in tutti i modi […]