RecensioniRecensione di Firestarter: il remake di Stephen King senza...

Recensione di Firestarter: il remake di Stephen King senza ambizioni manca di horror ed emozioni

-


Non c’è dubbio che Stephen King ei suoi romanzi abbiano una stretta sul genere horror. Il suo lavoro è stato costantemente adattato al grande schermo dagli anni ’70. Ora saldamente in un’era in cui il suo lavoro viene riadattato, ogni new entry offre rendimenti decrescenti. Firestarter, remake dell’omonimo film del 1984, non ne giustifica l’esistenza. Firestarter è un noioso rimaneggiamento di materiale che gli spettatori probabilmente già conoscono e che è stato fatto meglio la prima volta.

L’apertura del film presenta il piccolo Charlie, Vicky (Sydney Lemmons) e Andy McGee (Zac Efron). Sono una famiglia giovane, apparentemente normale, fino a quando Charlie ha quasi dato fuoco alla sua cameretta e poi ha preso fuoco tra le braccia di suo padre. Questo è, ovviamente, un incubo che sta vivendo Andy, preoccupato e stressato. Successivamente, viene mostrata una sequenza di montaggio di Andy e Vicky come studenti misti che entrano in un processo medico. I due vengono iniettati e sopravvivono alle prove, solo per andarsene con i propri poteri. Quando hanno Charlie, lei sviluppa poteri straordinari e più distruttivi di loro. La storia continua con Charlie (Ryan Keira Armstrong) mentre naviga essendo una giovane ragazza ostracizzata a scuola e in fuga da “The Shop”.

Zac Efron e Ryan Kiera Armstrong in Firestarter

Il segmento relativo ad Andy e Vicky avrebbe potuto facilmente essere una miniserie su Peacock perché Firestarter sembra una copia in sordina di Stranger Things. Il pubblico contemporaneo sarà più abituato al successo in buona fede di Netflix e meno al romanzo di Firestarter o al film guidato da Drew Barrymore del 1984. La storia di Charlie non è così impressionante come quella di Undici, né più coinvolgente del film originale. Quindi, cosa fa questo remake? Quando si è trattato del remake del 2017 di IT di Andy Muschietti, il suo adattamento si è basato su decenni di progressi tecnologici per visualizzare le terrificanti buffonate di Pennywise con l’ulteriore vantaggio dell’evoluzione dell’horror. Alcuni aggiustamenti della storia dai libri hanno anche contribuito a renderlo un remake succinto ed efficace che si regge da solo. Firestarter non sfrutta la tecnologia per far sentire i poteri di Charlie più grandi e spaventosi di prima e i cambiamenti della storia non sono così efficaci come potrebbero essere.

Firestarter è messo in scena e girato come un film per la TV, il che suggerisce che avrebbe dovuto essere una miniserie. Gli sforzi del regista Keith Thomas e dello scrittore Scott Teems sono ammirevoli, ma è tutto inutile quando i loro tentativi di realizzare un avvincente thriller di fantascienza sono contenuti in un film poco brillante che ha avuto bisogno di più tempo per dare corpo alla sua storia. La sceneggiatura di Teems è interessata agli aspetti che circondano il concepimento di Charlie e l’istituzione che la insegue. È anche impegnato negli obblighi morali che i genitori di Charlie hanno nei confronti della figlia. C’è anche un tocco di commedia nel dialogo che non viene sfruttato abbastanza, soprattutto quando Zac Efron è desideroso di entrare in quei momenti. In definitiva, c’è una cattiva gestione delle aspettative e delle ambizioni.

Ryan Kiera Armstrong in Firestarter

La regia di Thomas è ferma e solida. Non c’è alcuna grandezza coinvolta, il che è un peccato per i poteri di Charlie. Questo horror di fantascienza ha una netta mancanza di orrore, con la telecamera di Thomas che si allontana dai momenti più spaventosi. Invece, tutti gli elementi che rendono questa storia spaventosa o un’intrigante fantascienza sono presentati e raccontati blandamente. Il film è classificato R, ma sembra che sia solo per i dialoghi e le brevi inquadrature all’indomani degli attacchi di Charlie. A parte questo, non c’è orrore sostanziale in tutto il film per giustificare la valutazione. Inoltre, viene fatto molto poco per creare un personaggio completo di Charlie, i cui poteri la vedono emettere esplosioni di fuoco che inceneriranno gatti e persone.

Nonostante si senta bene nell’usare i suoi doni, c’è una netta mancanza di ambizione o dramma del personaggio in lei. È solo una ragazzina spaventata, il che va bene, ma crea un concetto noioso. I personaggi hanno paura di lei, ma non c’è niente in lei, anche quando inizia a scatenare i suoi poteri. Tutto cade piatto. Nessuno può salvare in modo convincente questa storia nonostante le solide interpretazioni di Michael Greyeyes, Gloria Rueben, Efron e Ryan Kiera Armstrong. Ogni attore apparentemente appartiene a una versione completamente diversa della storia. Rainbird di Greyeyes, che corregge un errore di casting dell’originale, è gravemente sottoutilizzato. I suoi sentimenti di stupore o ossessione per Charlie sono fuori luogo e mal stabiliti. I versi di Reuben sono punteggiati da un vortice metaforico. Efron è forse il più in sintonia con ciò che ci si aspetta, ma la sua interpretazione soffre di una regia poco o nulla decisiva. Armstrong sembra e si comporta come qualcuno che ha sicuramente visto la performance di Millie Bobby Brown in Stranger Things. La sua interpretazione, unita alla colonna sonora basata sul sintetizzatore del film, chiarisce quale fosse la direttiva per il fulmine verde in questo film e nel casting di Armstrong per il ruolo.

Firestarter è in uno sfortunato svantaggio in quanto deve superare diversi romanzi, film e programmi televisivi che hanno affrontato temi e personaggi simili. Purtroppo, questo adattamento non riesce a distinguersi da tutti gli altri orrori di fantascienza sulle persone utilizzate per gli esperimenti. Non è nemmeno paragonabile al film originale del 1984 né si erge a fianco dei grandi recenti adattamenti di Stephen King come IT del 2017 e Doctor Sleep del 2019. Firestarter è più simile a Pet Sematary e Carrie, un remake noioso ed estenuante che non fa nulla di nuovo.

Firestarter è uscito nelle sale e ha iniziato lo streaming su Peacock venerdì 13 maggio. È lungo 94 minuti e classificato R per contenuti violenti.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

La nostra valutazione:

2 su 5 (Ok)

Ultime News

Brie Larson e Vin Diesel si avvicinano nella nuova immagine Fast 10 BTS

Vin Diesel e Brie Larson si abbracciano in una nuova immagine dietro le quinte di Fast & Furious...

Il thriller horror di Captain America Frank Grillo è il protagonista di Merciless

La prolifica star del cinema d'azione e membro del MCU Frank Grillo reciterà nel thriller horror Merciless. ...

L’attore Obi-Wan Kenobi Grand Inquisitor non ha visto Star Wars Rebels

La star di Obi-Wan Kenobi Rupert Friend rivela di non aver visto Star Wars Rebels. Obi-Wan Kenobi,...

Secondo quanto riferito, la nuova serie Disney di Daredevil sarà una continuazione

Un nuovo rapporto indica che il nuovo Daredevil di Disney+ la serie sarà una continuazione dello spettacolo esistente...

Da Non Perdere

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

45,6 Miliardi Di Won In Euro Quanti Sono? Squid Game Lo Rivela

È ufficiale: la seconda stagione di Squid Game su...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te