Asiatica Film Mediale

Recensione di Emily: Mackey si libra in una svolta sognante e ispirata al gotico su un tipico film biografico

Recensione di Emily: Mackey si libra in una svolta sognante e ispirata al gotico su un tipico film biografico
Marco

Di Marco

15 Febbraio 2023, 23:09


Entrando in Emily, il primo lungometraggio della regista Frances O’Connor, è importante capire che il film non è un film biografico. Il personaggio del titolo potrebbe essere Emily Brontë, l’autrice del classico letterario Wuthering Heights, ma è chiaro che O’Connor, che ha anche scritto la sceneggiatura, ha scelto di aggiungere un tocco di fantasia nel dare vita a questa figura. Mentre alcuni potrebbero irritarsi per l’approccio non convenzionale, quelli disposti ad andare avanti per il viaggio rimarranno incantati dalla storia che Emily racconta. In molti modi, risuona con i giorni nostri senza virare in anacronismi, e dipinge un affascinante ritratto di una donna che esisteva ben prima che l’immaginazione di oggi prendesse forma. Guidata da una splendida Emma Mackey, Emily è una rappresentazione sorprendente di una donna che abbraccia la sua individualità mentre crea un pezzo iconico della letteratura.

Emily inizia alla fine, mentre la sua omonima eroina (Mackey) lotta per combattere una malattia mortale. Mentre aspettano il dottore, la sorella di Emily, Charlotte (Alexandra Dowling), è abbastanza vicina da porre una domanda che sembra averla perseguitata per un po’ di tempo: cosa ha spinto Emily a scrivere il suo controverso romanzo, Wuthering Heights? Il film poi svela un racconto fittizio di come Emily sia arrivata a dare vita a quella storia perenne, che, al momento della sua pubblicazione, era polarizzante a causa del suo rifiuto dei valori tipici. Un’emarginata sia all’interno della sua famiglia che della sua comunità in generale, Emily sembra trarre conforto solo dalle sue storie e dal fratello altrettanto ribelle, Branwell (Fionn Whitehead). Tuttavia, l’arrivo di un nuovo curato locale, William Weightman (Oliver Jackson-Cohen), accende un nuovo senso di scoperta in Emily, che la aiuta a lasciare il segno nella storia della letteratura.

Oliver Jackson-Cohen ed Emma Mackey in Emily

O’Connor crea Emily quasi come una storia di fantasmi da sogno. Dalla colonna sonora di Abel Korzeniowski, che è a sua volta vivace e inquietante, agli splendidi paesaggi delle brughiere dello Yorkshire, Emily dà vita alla stoffa di un romanzo gotico. O’Connor attinge da parti ampiamente ipotizzate della vita di Brontë per raccontare la sua storia avvincente, e questa libertà funziona con grande effetto. Il film potrebbe non raccontare una storia di vita del tutto accurata, ma invece si adatta perfettamente al modo in cui Emily Brontë e il suo famoso lavoro sono spesso visti nella cultura moderna. Ci sono aspetti della storia di Emily che risuonano fortemente oggi, vale a dire il suo status di outsider all’interno di una società che apprezza il pensiero più conservatore. Il rifiuto di Emily – o forse l’incapacità – di inserirsi in scatole prestabilite si attaccherà a qualsiasi spettatore che abbia sentito di non poter essere in linea con uno specifico tipo di stile di vita. Inoltre, O’Connor si intreccia nei casi in cui Emily soffre di cose a cui le persone oggi possono dare un nome – un attacco di panico, per esempio – ma forse era disprezzato nel 1800. Questo serve solo a collegare ulteriormente la storia di Emily con il presente.

O’Connor è aiutato dall’impressionante lavoro di artigiani chiave, tra cui il direttore della fotografia Nanu Segal e il costumista Michael O’Connor, che offrono contributi eccezionali. Segal concede a Mackey tutto il tempo per brillare lasciando che la telecamera si soffermi sul suo viso, a volte anche centrandola direttamente su di lei per catturare ogni sfarfallio e spostamento; questo trascina il pubblico ancora di più nell’orbita di Emily. Allo stesso tempo, quelle riprese paesaggistiche di cui sopra stabiliscono pienamente l’ampiezza del mondo di Emily. Michael O’Connor, nel frattempo, sembra prendere la decisione consapevole di vestire Emily con abiti più scuri rispetto alle altre donne intorno a lei, distinguendola sottilmente. È solo quando Emily compie alcuni passi verso la conformità a quegli ideali desiderati che si avventura in abiti più leggeri. Aiuta anche il fatto che i costumi stessi siano stupendi.

Emma Mackey in Emily

Emily non è priva di inciampi, però. Ci sono alcuni sviluppi chiave nella sceneggiatura che arrivano un po’ troppo in fretta per sentire davvero il loro impatto, come un punto della trama che coinvolge Branwell abbastanza lontano nel film da essere considerato uno spoiler. La velocità della risoluzione di Emily può offuscare la sua impressione generale. Fortunatamente, però, il film ha un grande vantaggio in Mackey. La star di Sex Education si getta nel personaggio di Emily con tutto il cuore, dando una performance pienamente impegnata che chiede a Mackey di essere estatico, curioso, vulnerabile e vendicativo in vari punti. Mackey dà vita alla sua Emily in modo così vivido che si vorrebbe che avessero l’opportunità di conoscerla davvero. Come suo corteggiatore illecito, Jackson-Cohen interpreta la parte di un interesse romantico minaccioso. La sua chimica con Mackey illumina lo schermo. Whitehead merita anche un elogio per la sua interpretazione del fratello libertino di Emily; svolazzando tra buffonate spensierate e dolore sottostante, Whitehead conferisce a Branwell una profondità avvincente.

Emily è un pezzo d’epoca che indossa la sua sensibilità moderna sulla manica, e per fortuna tira fuori quell’atto di alto livello piuttosto bene. Problemi di ritmo a parte, è uno studio del personaggio ben realizzato di una persona che ha vissuto davvero, anche se forse non proprio nel modo in cui suggerisce il film. I puristi storici potrebbero non approvare le libertà che O’Connor si è preso con Emily, ma quelli più interessati a un film in stile gotico che sia sia una storia d’amore che un racconto di formazione saranno affascinati da ciò che questo ha da offrire.

Emily uscirà nelle sale venerdì 17 febbraio. Dura 130 minuti ed è classificato come R per un po’ di sessualità/nudità e uso di droghe.


Potrebbe interessarti

Ant-Man And The Wasp: Quantumania Review – Kang dà il via alla Fase 5 con il botto
Ant-Man And The Wasp: Quantumania Review – Kang dà il via alla Fase 5 con il botto

Dopo una Fase 4 sperimentale che ha introdotto una serie di nuovi personaggi, i Marvel Studios stanno lanciando la Fase Cinque del Marvel Cinematic Universe con Ant-Man and the Wasp: Quantumania. Il film ha il duplice compito non solo di completare la trilogia di Ant-Man di Paul Rudd iniziata nel 2015, ma anche di preparare […]

Recensione più nitida: un cast eccezionale regge un thriller di truffa elegante ma prevedibile
Recensione più nitida: un cast eccezionale regge un thriller di truffa elegante ma prevedibile

Un “più acuto”, come raccontato nei titoli di testa della collaborazione A24 e Apple giustamente intitolata Sharper, è “qualcuno che vive del proprio ingegno”. Per la maggior parte, tutti in Sharper mantengono la loro intelligenza su di loro. Questo potrebbe essere ciò che fa sembrare il film sia un debutto sorprendentemente sicuro sia come se […]