RecensioniRecensione di Elvis: ciò che manca in profondità al...

Recensione di Elvis: ciò che manca in profondità al film biografico di Luhrmann, lo compensa con stile

-


Baz Luhrmann adotta un approccio diverso a un film biografico su Elvis Presley, affinando il mito che circonda l’iconico cantante, ma con tutto lo stile, il glamour e la teatralità dei suoi film precedenti. Ma a differenza di altre storie di Elvis, questa è più incentrata sul losco manager del cantante, il colonnello Tom Parker, che non vuole altro che dire al pubblico la sua verità su Elvis e sul ruolo che ha avuto nella sua vita. Il regista, che ha scritto Elvis insieme a Sam Bromell, Craig Pearce e Jeremy Doner, abbellisce la vita e la carriera di Elvis, ma evita un esame più approfondito della sua umanità. Il film è bello da vedere e ha una meravigliosa energia elettrica, soprattutto durante le esibizioni di Elvis. Ma mentre Elvis vede una svolta memorabile da parte di Austin Butler nel ruolo del protagonista, il film non può mantenere lo stesso entusiasmo frizzante con cui è iniziato.

Il film inizia con un colonnello più anziano Tom Parker (Tom Hanks sotto un sacco di protesi), che si sveglia dal suo letto d’ospedale per mettere le cose in chiaro su se stesso e sul suo coinvolgimento con la carriera di Elvis (Butler). Parker è stato il manager di Elvis per due decenni, ma è frustrato dalle voci che dicono che ha ucciso l’uomo noto come “il re”. E così la storia torna al 1955: Elvis aveva una canzone in onda alla stazione radio locale e il colonnello, allora abbaiatore di carnevale, fu preso dall’energia e dalla capacità del giovane cantante di far storcere il pubblico. Recluta Elvis per un tour con lui prima di lasciare il luna park, dedicando tutta la sua attenzione al musicista che fa parlare tutti. Elvis abbraccia la carriera del cantante, sfiorando gli aspetti passati della sua vita personale, inclusa la sua vita familiare – dove è un figlio affettuoso di madre Gladys (Helen Thomson) e il suo matrimonio con Priscilla (Olivia DeJonge) – per concentrarsi sulle canzoni, svolta cruciale punti e il manager che lo ha usato a proprio vantaggio.

Austin Butler in Elvis

Elvis ha tutte le caratteristiche di un tipico film di Luhrmann; ha sbalorditivi svolazzi stilistici, il suo suono e la grafica si fondono per creare qualcosa di affascinante e squisito a volte, e i costumi, le scenografie e il valore complessivo della produzione sono di prim’ordine. Il regista spesso rivolge l’attenzione agli occhi, alle gambe e ai fianchi di Butler mentre si contorce e spinge, portando le giovani donne tra la folla a diventare isteriche mentre lo raggiungono. Luhrmann non vede lo stesso Elvis degno di una dissezione, più interessato all’idea del cantante e al suo impatto sul mondo e sulla musica. L’inquadratura dello squallido e spregevole Tom Parker come narratore della storia pone immediatamente Elvis come una vittima del capitalismo e dell’industria musicale che lo usa e lo abusa. Luhrmann dipinge un quadro terribile, appeso principalmente alla schiena del colonnello. Come commento sul trattamento riservato ai musicisti da parte dell’industria musicale, Elvis non è abbastanza feroce, ma non è esattamente quello che vuole.

Elvis non evita di visitare le influenze musicali del compianto cantante, evidenziando i modi in cui Blues e Gospel hanno influenzato lui e le sue scelte di stile/canzone. A tal fine, anche il tempo di Elvis in Beale Street è una parte importante del film, con il cantante mostrato in giro con BB King (Kelvin Harrison Jr.) e altri. Luhrmann sembra capire le influenze musicali di Elvis e non evita il fatto che ha spesso ri-registrato canzoni originariamente prodotte da artisti neri, ma, come per il resto del film, non si ricava molto da queste informazioni. Il film si attiene in gran parte a una visione magnanima della storia personale e della musica di Elvis, offuscando il confine tra l’uomo e la leggenda, scegliendo di percepirlo come sempre il pubblico senza ulteriori esplorazioni.

Austin Butler e Tom Hanks in Elvis

Questi aspetti portano il film al punto in cui avrebbe potuto salire vertiginosamente e la sua lunga durata, che si sente sicuramente, non aiuta poiché il film si snoda un po’ attraverso la seconda metà. Coloro che cercano una lettura più approfondita su Elvis come uomo al di fuori della sua carriera potrebbero andarsene delusi. Ma quando Elvis dà il massimo, offre davvero lo spettacolo e il valore di intrattenimento che la maggior parte del pubblico si aspetta probabilmente da un film come questo. È drammatico in modo esagerato ed è chiaro che gli sceneggiatori hanno dei sentimenti per lo sfruttamento di Elvis tramite il colonnello Tom Parker, i cui problemi di gioco e la crescente avidità lo rendono un cattivo facile, specialmente quando tutto ciò che dice al pubblico non è ciò che vedono recitare fuori nella storia.

Austin Butler prende molto sul serio il suo ruolo di Elvis. Dai suoi modi di fare al suo girovagare sul palco, Butler inquadra la performance in generale, anche se avrebbe potuto essere emotivamente più efficace se il film avesse ampliato l’interiorità di Elvis. Tom Hanks nei panni del colonnello Tom Parker non è per tutti e il ritratto dell’attore è occasionalmente, anche se non intenzionalmente, comico, come un cattivo che si fa roteare i baffi pronto a balzare e approfittare di una situazione in un dato momento. È anche difficile valutare ciò a cui Hanks sta cercando di mirare perché le protesi pesanti e il trucco rendono difficile leggerlo.

Il film mostra le sue scene attraverso diverse prospettive: quella di Tom Parker, di Elvis e il pubblico (quelli che guardano da dietro uno schermo e quelli che urlano ai margini del palco nel film). Scene e montaggi sapientemente modificati coprono gran parte della vita di Elvis, compresi i suoi concerti di recitazione negli anni ’60, mentre l’attenzione prolungata su altre cose come il suo speciale di Natale del 1968 e la residenza a Las Vegas costituiscono il resto. Elvis sembra perfettamente soddisfatto di essere una stravaganza sfarzosa e ingioiellata, anche quando la durata di quasi tre ore del film lascia la sua energia – che non si riprende mai completamente dopo la prima metà – svanendo verso la fine.

Date di uscita chiave Elvis (2022)Data di uscita: 24 giugno 2022

Ultime News

Ginny & Georgia Suggerimenti per l’aggiornamento della stagione 2 Lo spettacolo Netflix si sta avvicinando al ritorno

La data di uscita della seconda stagione di Ginny & Georgia sembra essere sempre più vicina. La...

Edens Zero presenterà in anteprima la sua seconda stagione nel 2023

Sul sito ufficiale dell'adattamento anime del manga scritto e disegnato da Hiro Mashima, Eden Zeroè stata pubblicata una...

Better Call Saul Finale Shot Finale alternativo per Kim

Il finale della serie Better Call Saul ha filmato una scena finale leggermente diversa per Kim Wexler e...

Tensei Shitara Slime Datta Ken sorprende con un nuovo trailer del suo film

Sul sito ufficiale per l'adattamento anime delle light novel Tensei Shitara Slime Datta Ken (Quella volta che mi...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te