Asiatica Film Mediale

Recensione di Dotty & Soul: il debutto tempestivo del film di Saunders è sincero e umoristico [SDIFF]

Recensione di Dotty & Soul: il debutto tempestivo del film di Saunders è sincero e umoristico [SDIFF]
Marco

Di Marco

24 Ottobre 2022, 16:35


Al culmine di un’epoca in cui la “cultura dell’annullamento” ha preso piede in tutta Hollywood, Adam Saunders pone una domanda importante e opportuna nel suo lungometraggio d’esordio, Dotty & Soul. A che punto si concede alle persone il tempo di imparare e crescere dai loro comportamenti offensivi ed errori prima che avvenga l’ostracismo? Dovrebbero esserci piani pratici in atto per le persone per “riconquistare” il pubblico se sono state sincere nelle loro scuse e nella loro crescita? Saunders esplora le risposte a queste domande attraverso Ethan Cox. Dopo che un errore del suo passato diventa pubblico, si rivela costoso per la sua nuova impresa. È un cliché e prevedibile, ma Dotty & Soul è sincera nel mostrare come le persone possono imparare dagli errori del passato quando gli viene dato il tempo di dedicarsi al lavoro.

Adam Saunders interpreta il rumoroso e odioso imprenditore hot-shot, Ethan Cox. A questo punto della sua carriera, Cox è pronto a vendere la sua società di auto a guida autonoma e a rendere i suoi investitori ricchi sporchi. Ma quando il suo problematico costume di Halloween viene twittato, la conseguente tempesta di fuoco sui social media mette quasi fine alla carriera di Ethan. Nel disperato tentativo di trovare una via da seguire, Ethan escogita un piano folle. Assume un venditore di carrelli di snack nero di 71 anni, Dotty (Leslie Uggams), per fingere di essere il nuovo CEO della sua azienda, con Ethan che gestisce ancora da dietro le quinte. All’insaputa di Ethan, Dotty non tollera la mancanza di rispetto da parte di nessuno e in realtà ha opinioni proprie, il che crea problemi ai suoi partner d’affari.

In apparenza, il debutto alla regia di Saunders è un’altra storia di un CEO privilegiato immeritevole il cui passato torna per impedirgli di accelerare nella sua vita professionale. In realtà, però, Dotty & Soul riesce a sfuggire ai confini della sua trama e a dimostrare l’importanza e il valore della diversità. Non è troppo zelante, né viene coinvolto nella vendita eccessiva dei personaggi “buoni contro cattivi” che così tanti di questi film spesso mostrano. Invece, questi personaggi hanno profondità e la loro volontà di imparare e crescere da soli, mentre in realtà prendono provvedimenti per farlo, lo distingue dai suoi predecessori.

Anche se i problemi in Dotty & Soul si risolvono non appena si formano, non si può negare la dolce costruzione dell’amicizia tra i due protagonisti. In momenti diversi della loro vita, Dotty ed Ethan sono agli antipodi. Ethan è ricco, privilegiato e spende ogni dollaro che ha in cose stravaganti, dalle macchine che guida ai vestiti sgargianti che indossa. Dotty, data la sua vita e le sue esperienze attuali, ha imparato ad essere più frugale e intenzionale con le sue spese. Quando i due iniziano a lavorare insieme, offre opportunità di apprendimento e crescita per entrambi, quando il film si lancia in un insieme di lavoro divertente e commovente. Dotty ed Ethan possono provenire da generazioni e culture diverse, ma presto scoprono somiglianze nella loro educazione, attitudine e sogni.

Questi temi centrali nel film di Saunders – la crescita nonostante l’età, le differenze socio-economiche e l’esame del vivere una vita autentica – rafforzano la sceneggiatura di Saunders in quella che sarebbe tipicamente una base abusata per una trama. Tuttavia, la storia e i personaggi progrediscono in modo naturale e il buon film si riduce alla sua esecuzione da parte del cast e della troupe. Adam Saunders, che ha scritto la sceneggiatura, diretto e interpretato il protagonista in Dotty & Soul, riconosce che questa non è in realtà la storia di Ethan Cox, è quella di Dotty. Succede che sono entrati nella vita l’uno dell’altro al momento giusto. Con sorpresa di nessuno, Leslie Uggams di Deadpool è eccezionale nei panni di Dotty e offre una performance mozzafiato. Quando Saunders è in una scena con lei, Uggams lo rende un interprete migliore, il che è bello da osservare.

Il debutto alla regia di un lungometraggio di Saunders è sicuro. Con umorismo e cuore, scrive e dirige temi ed esperienze rilevanti che il mondo è arrivato a comprendere bene a questo punto della società. Dotty & Soul è genuino senza essere predicatore e divertente senza inclinarsi in territorio offensivo. Ma soprattutto, insegna una lezione incredibilmente preziosa in questo giorno: lasciare che le persone imparino dai propri errori facendo il lavoro necessario per evolversi. Uno potrebbe non abbandonare il film perdonando o addirittura apprezzando Ethan Cox, ma vederlo riflettere e applicare le sue conoscenze alla sua vita è ciò che lo rende facile.

Dotty & Soul è stato presentato in anteprima al San Diego International Film Festival del 2022. Il film dura 79 minuti e non è ancora stato valutato.


Potrebbe interessarti

Recensione di Armageddon Time: Gray’s Latest non è entusiasmante e non impegnativo [SDIFF]
Recensione di Armageddon Time: Gray’s Latest non è entusiasmante e non impegnativo [SDIFF]

C’è qualcosa da dire sulla capacità di James Gray di infondere emozioni nei suoi lineamenti con uno sforzo minimo o nullo. Nell’acclamato Ad Astra, intreccia un viaggio intergalattico con passione, stile e una profonda connessione con l’umanità quando ogni sentimentalismo si sente perso. Sperando di inglobare questi ultimi concetti nel suo prossimo progetto, Gray si […]

Freedom’s Path Review: il sincero debutto di Smith non può superare i suoi ostacoli [SDIFF]
Freedom’s Path Review: il sincero debutto di Smith non può superare i suoi ostacoli [SDIFF]

C’è qualcosa da dire sui film incentrati sulla schiavitù e/o sulla lotta per la libertà. C’è sempre un trauma incorporato, non importa quanto edificante o positivo possa prendere la storia. Per gli spettatori neri, c’è un consenso non scritto sul fatto che gli spettatori non hanno più bisogno di questo tipo di storie. O, almeno, […]