Asiatica Film Mediale

Recensione di consacrazione: Jena Malone presenta un horror religioso avvincente e irregolare

Recensione di consacrazione: Jena Malone presenta un horror religioso avvincente e irregolare
Marco

Di Marco

11 Febbraio 2023, 15:30


Consecration di Christopher Smith ha una trama che si potrebbe ritenere semplice, ma le narrazioni semplici sono ingannevolmente difficili da realizzare con l’orrore. La sceneggiatura di Smith e Laurie Cook è stratificata con un mistero intrecciato con un dramma soprannaturale e psicologico. La loro storia tenta ambiziosamente di affrontare l’oscurità che circonda la Chiesa ed esiste nei suoi personaggi. Suore spietate e preti sospettosi non sono cose che esistono solo nell’orrore, ma Smith & Cook si appoggiano certamente alla mitologia empia della Chiesa che è stata costruita per secoli all’interno del genere così come nella vita reale. In definitiva, la storia parla della missione di una donna per la verità. Insanguinato e infestato come diventa il personaggio di Jena Malone, Consecration è un viaggio in qualche modo soddisfacente perché la sceneggiatura di Smith e Cook comprende che Grace è l’ancora.

Il film segue Grace (Jena Malone), un optometrista che si identifica come ateo. Mentre lei predilige la scienza e la logica, suo fratello si è rivolto alla religione per diventare prete in un convento scozzese. Quando suo fratello apparentemente si suicida, Grace è costretta dal suo scetticismo e dalle sue visioni oscure a indagare sulla sua morte, solo per incontrare resistenza dal comportamento freddo e da culto delle suore. L’evasività e la sfiducia sorgono come tattiche, ma Grace scoprirà che c’è qualcosa di molto empio all’opera.

Jena Malone in Consacrazione

Malone è un’attrice che ha evitato le tendenze popolari e ha optato per progetti più piccoli e interessanti che la sfidano piuttosto che spingerla verso la celebrità. Dopo il suo ruolo in blockbuster come Sucker Punch e The Hunger Games: La ragazza di fuoco, il suo percorso sembrava segnato, ma anni dopo è tornata con un titolo sotto il radar. La consacrazione fa abbastanza bene per consolidare il suo messaggio aspro sulla Chiesa senza perdere di vista il viaggio personale che Grace intraprende. Malone è audace ed efficace come protagonista, con una performance che le chiede di essere una sorella vulnerabile, una scettica, una detective e la donna tradizionale intrappolata in un gioco sinistro. Nonostante un accento traballante – scioccante, considerando il suo accento stellare in Orgoglio e pregiudizio – Malone offre una performance solida e avvincente che mantiene il pubblico impegnato per quasi due ore.

Sulla carta, il film è complesso, coinvolgente e profondamente inquietante. Tuttavia, l’esecuzione tecnica è carente. Ci sono alcune buone paure, ma Smith non riesce a catturare del tutto il terrore della storia al di là della cinematografia cupa e spettrale di Rob Hart e Shaun Mone. Le tattiche utilizzate sono un po’ troppo basilari per una storia così ambiziosa. Tuttavia, alcune delle tecniche di ripresa di Smith catturano perfettamente il terrore e l’ansia del viaggio di Grace. Ci sono alcune prove che Smith faccia riferimento alla storia dell’orrore, ma questo raramente migliora il film ed è solo un dettaglio interessante. Il tempo di esecuzione avrebbe potuto essere ridotto per stringere la storia, dandole un ritmo sostenuto, il che avrebbe potuto anche aiutare il senso di pericolo nella storia di Grace.

Danny Huston in Consacrazione

La consacrazione non è una totale mancanza, ma le paure inefficaci riducono il divertimento. Lo slancio si perde rapidamente durante il film. Nonostante una configurazione molto avvincente che fonde l’orrore soprannaturale e la genuina natura malvagia della Chiesa, Consecration non trova il suo fondamento. Un’atmosfera inquietante e una forte interpretazione principale possono portare il film abbastanza lontano fino a quando non si sgonfia sotto la pressione delle aspettative. Se gli spettatori sono interessati a un nuovo horror, Consecration non è certo uno spreco, ma nel pantheon degli orrori basati sulla Chiesa, non è troppo in alto.

La consacrazione è stata aperta nelle sale venerdì 10 febbraio. Dura 90 minuti ed è classificata R per azione / violenza e linguaggio breve.


Potrebbe interessarti

Recensione di inquietudine: il thriller senza vita non si riprende mai dalla sua pessima sceneggiatura
Recensione di inquietudine: il thriller senza vita non si riprende mai dalla sua pessima sceneggiatura

I film sono il prodotto di più elementi che lavorano all’unisono e, nel migliore dei casi, tutto funziona a pieno regime. Di solito, se uno o due aspetti non sono così eccezionali, la qualità in altri luoghi può salvare l’esperienza visiva. Chi non è stato attratto da una storia poco brillante vincendo spettacoli e una […]

The Blue Caftan Review: Bakri e Azabal sono fantastici in un dramma commovente e sfumato
The Blue Caftan Review: Bakri e Azabal sono fantastici in un dramma commovente e sfumato

Scritto e diretto da Maryam Touzani, The Blue Caftan, che ha debuttato al Festival di Cannes del 2022, comprende la profondità dell’onestà e il suo effetto sull’amore. Due persone che hanno condiviso le loro vite conoscono meglio della maggior parte dei loro segreti. Per la coppia al centro del film, sono più che semplici confidenti […]