Notizie FilmRecensione di 'Clifford the Big Red Dog': Un piacevole...

Recensione di ‘Clifford the Big Red Dog’: Un piacevole diversivo CGI-Critter

-

- Advertisment -spot_img


Clifford il grande cane rosso è nato in una serie di libri per bambini, il primo dei quali è stato pubblicato nel 1963. Nei decenni successivi, le avventure della mascotte canina scarlatta sono state trasformate in tre popolari serie televisive della PBS Kids, in un musical dal vivo, in videogiochi e nel film d’animazione del 2004 “Clifford’s Really Big Movie”, che è stato adattato da una delle serie televisive (e ha fatto pochissimo successo). Tutto questo per dire che, per quanto improbabile possa sembrare, “Clifford the Big Red Dog” è il primo vero e proprio grande film di Clifford. E questo cosa significa?

Significa che il film conserva alcune delle benigne qualità umanistiche della sua fonte, ma anche che è stato spinto nel paradigma delle commedie di sbruffonaggine da sbruffoni come “Sonic the Hedgehog” e “Garfield: The Movie” e i film “Alvin and the Chipmunks”. La maggior parte di questi film presentano eroi animati che parlano come scrittori di commedie corrotte, ma in “Clifford” il personaggio del titolo rimane puro: un cucciolo che assomiglia a un Labrador Retriever (e ha il temperamento dolce di un Lab), con una pelliccia rossa come il vestito di Babbo Natale, che cresce fino a diventare alto 3 metri e lungo 3 metri ma rimane in ogni modo un cucciolo adorabile – fino al fatto che non parla. Nessun kitsch antropomorfico esagerato qui.

Se non altro, il Clifford del film, che è in tutto e per tutto un autentico cane (gigante), è meno apertamente goffo della versione PBS. Ma non temete: il film, diretto da Walter Beck (che ha fatto uno dei film di “Alvin”), compensa più che bene questa moderazione con il suo tono aggressivamente vertiginoso di sano vandalismo sopra le righe – un tono nato nelle commedie degli anni 80 che non è mai andato via. A pensarci bene, il tono esiste da più tempo. L’ho sperimentato per la prima volta nella commedia Disney del 1966 “The Ugly Dachshund”, e nel mio modo di 7 anni fa pensavo che fosse esagerato allora.

In “Clifford”, il personaggio centrale, Emily Elizabeth, è interpretato da Darby Camp come un’adorabile lentigginosa e simpaticamente sincera studentessa di prima media che cerca di far fronte alle studentesse più ricche della sua scuola privata d’élite di Harlem; la chiamano “Food Stamp”. Ma quando sua madre single parte per un viaggio d’affari, i doveri di custode ricadono su suo zio Casey, interpretato dall’attore-comico Jack Whitehall come il tipo di senzatetto sfigato millenario dalla frase a effetto che fa pensare a Jason Lee incrociato con la seconda venuta di Carson Daly. Ogni volta che una scena minaccia di diventare troppo stabile, si può contare su di lui per far cadere una battuta come “Questa è la cosa più pazza che abbia mai visto – e sono stato al Burning Man”.

Emily trova Clifford, che inizia come un cucciolo di taglia normale, quando lei e Casey vagano in un rifugio di salvataggio di libri di fiabe gestito da Mr. Bridwell (interpretato da John Cleese e chiamato come l’autore della serie di libri, Norman Bridwell). Clifford finisce per essere riposto nel suo zaino, e qualche giorno dopo lei si sveglia con la sua faccia che si libra proprio sopra di lei; ora, magicamente, è grande come la sua camera da letto. Non sono sicuro in quante direzioni un film come questo possa veramente andare, ma “Clifford the Big Red Dog” serve la sua parte di affabile caos, tutto causato da Clifford, nella sua innocenza di cane grande, con un colpo di coda. Al parco, un uomo che si rotola in una palla paraurti diventa una vittima della pura friskiness di Clifford.

C’è un fastidioso cattivo sorridente tagliato dalla tela satirica dei titoli dei giornali di oggi? Certo che c’è. Il suo nome è Tieran (Tony Hale), ed è un avido imprenditore tecnologico maniaco del controllo che sta cercando di coltivare e commercializzare cibo geneticamente modificato oversize; spia Clifford, vede una miniera d’oro (per qualche motivo), e afferma in modo fasullo che il cane è scappato dal suo laboratorio. “Clifford the Big Red Dog” diventa un chiassoso film d’inseguimento – piacevole come Clifford stesso, carino e allo stesso tempo inaspettato, e genialmente casuale nella sua capacità di creare caos.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you