Asiatica Film Mediale

Recensione di Chariot: fantascienza eccentrica con potenziale finisce per essere senza scopo e confondere

Recensione di Chariot: fantascienza eccentrica con potenziale finisce per essere senza scopo e confondere
Marco

Di Marco

14 Aprile 2022, 20:28


Spesso, gli elementi più difficili da inchiodare in un film sono quelli che sembrano intangibili: atmosfera, ritmo, tono, quelle caratteristiche dell’esperienza visiva che sembrano materializzarsi spontaneamente ma in realtà sono il culmine di diverse scelte sostenute. Stabilire e mantenere un tono può essere già abbastanza complicato, ma alcune storie mirano a combinare (o, cosa ancora più difficile, a passare da una all’altra) due o più, e i film e i registi che hanno successo sono tra i più celebri del mezzo. Quelli che cercano e non riescono a trovare il giusto equilibrio, sebbene non siano così piacevoli da guardare, sono altrettanto interessanti da criticare; casi di studio su come finire dalla parte sbagliata di una linea sottile che separa capolavori e mancate accensioni. Chariot, un film sconcertante dello sceneggiatore e regista Adam Sigal che si presenta come insicuro delle proprie intenzioni, è uno di questi. Bloccato da qualche parte tra il film puzzle e la commedia eccentrica, tra l’imitazione di David Lynch e la sua parodia, attira il suo pubblico con le aperture di un avvincente mistero solo per lasciarlo bloccato in quello che è fondamentalmente un fallimento di tono.

Vale la pena ricordare che la sinossi ufficiale di Chariot è molto più trasparente sulla trama di quanto non lo sia mai il film stesso (il trailer, facendo del suo meglio per suggerire una coerenza narrativa, è costretto a prendere spunto da un monologo consegnato negli ultimi cinque minuti) , ma ecco qui: l’enigmatico Dr. Karn (John Malkovich) è specializzato nel guidare i pazienti inconsapevoli attraverso il processo di reincarnazione. Quando la sua nuova carica, Harrison (Thomas Mann), che arriva dopo aver sperimentato un sogno ricorrente incredibilmente banale quasi 5000 volte senza sollievo, incontra e si collega istantaneamente con Maria (Rosa Salazar), lo psichiatra riconosce un raro problema tecnico nel sistema. Questa donna è qualcuno che Harrison ha amato in una vita precedente, e se il dottor Karn non interviene rapidamente, il loro incontro ha il potenziale per far deragliare irrevocabilmente il suo futuro.

Vernon Davis e Thomas Mann in Carro

Questo riassunto, che mette al centro il personaggio di Malkovich, è fondamentalmente fuorviante: l’acclamato attore appare solo in una manciata di scene. Fatta eccezione per un prologo ambientato nel 1800 (che sembra fare riferimento al finale di 2001: Odissea nello spazio), il film appartiene all’Harrison di Mann, e con lui come loro surrogato, il pubblico è tenuto all’oscuro dell’elemento della reincarnazione fino a quando fine. Il suo sogno, una breve scena della sua infanzia che è notevole solo per aver aggiunto una soffitta alla sua casa dove non c’era, si presenta come un mistero che deve essere risolto. Dopo aver cercato il dottor Karn per curarlo da questo sogno, Harrison si trasferisce in uno squallido appartamento a Lafayette, un edificio che, come lo informa Maria, “raccoglie persone insolite”. Incontra stranezze che vanno dall’eccentrico all’impossibile. È qui che il lavoro di Lynch, in particolare Mulholland Dr., emerge come un’influenza e, cosa importante, risulta tutto strano anche per Harrison. Qualcosa sta succedendo e ci sono momenti in cui Chariot sembra volere che i suoi spettatori investano nello svelare quel mistero.

Ci sono anche lunghi tratti, tuttavia, in cui Sigal sembra indifferente a fornire risposte. Maria è la voce di questo impulso all’interno del film, inquadrando la stranezza come una sorta di normalità di Lafayette e incoraggiando Harrison ad abbracciarla, cosa che praticamente fa. C’è una scioltezza nelle loro scene insieme che suona come una storia d’amore insolita, ma il dispositivo di inquadratura sovrapposto rende difficile goderselo per quello che sono, mentre lo spettatore continua a setacciare ogni momento alla ricerca di indizi. Chariot a volte sembra una parodia di film d’autore come Mulholland Dr. e 2001 che si basano sull’astrazione per raggiungere un significato, ma svolte più sinistre nel terzo atto suggeriscono che il film è davvero impegnato nella sua storia. Eppure, anche in mezzo a questa tensione tardiva, alcune sequenze sono così ridicole che non possono essere prese sul serio. Il tira e molla di questo si rivela frustrante, ancora di più alla luce della conclusione, che lascia senza risposta molte delle domande dello spettatore.

Thomas Mann e Rosa Salazar sul carro

Poiché il tono è il prodotto di una convergenza di scelte artistiche, l’incertezza del pubblico su come sentirsi in un dato momento ha le sue radici in più luoghi, ma la sceneggiatura è qui la più colpevole. Oltre a cadere a pezzi sotto la minima domanda su come questo mondo dovrebbe effettivamente funzionare, il film inquadra ripetutamente il dottor Karn come se avesse intenzioni dannose, creando aspettative che (in base alla sua sinossi) non aveva mai pianificato di realizzare. In definitiva, quali momenti lampeggiano in Chariot non sono sufficienti per superare i sentimenti di confusione e aggravamento che rimangono ai suoi spettatori, ed è difficile sostenere che il divertimento che si prova nel separarlo valesse l’esperienza di guardarlo in primo luogo .

Chariot esce su richiesta, digitale e nelle sale venerdì 15 aprile. Il film dura 90 minuti ed è classificato R per il linguaggio, del materiale sessuale e l’uso di droghe.

Date di rilascio chiave Chariot (2022)Data di rilascio: 15 aprile 2022


Potrebbe interessarti

Recensione di Father Stu: Wahlberg guida un film basato sulla fede interessante ma non sincero
Recensione di Father Stu: Wahlberg guida un film basato sulla fede interessante ma non sincero

Scritto e diretto da Rosalind Ross, Padre Stu vede un agnostico diventare prete. Il film basato sulla fede arriva giusto in tempo per Pasqua, ma a differenza di molti altri film del genere, Padre Stu ha fatto uno sforzo per creare la sua storia. Il film – prodotto e interpretato da Mark Wahlberg nel ruolo […]

Andremo tutti alla rassegna mondiale: un orrore su Internet intelligente
Andremo tutti alla rassegna mondiale: un orrore su Internet intelligente

Quando lavorano con risorse limitate, i registi possono considerarlo un ostacolo da superare, sia massimizzando il budget abbastanza che gli spettatori non se ne accorgano, sia mostrando abbastanza talento che gli spettatori non si preoccupano, o come un principio guida. Alcuni film, come Searching o The Blair Witch Project, hanno successo in parte perché accettano […]