RecensioniRecensione di 'Carta e colla': Un superfluo pezzo di...

Recensione di ‘Carta e colla’: Un superfluo pezzo di accompagnamento di ‘Faces Places

-

- Advertisment -spot_img


L’autrice francese Agnès Varda non c’è più, ma l’artista di graffiti e il fotografo JR continuano il lavoro su cui hanno collaborato, e documentato, in “Faces Places” del 2017, creando installazioni su larga scala in cui luoghi impoveriti e/o frammentati sono tappezzati con immagini dei loro residenti. “Paper & Glue” è un compagno non ufficiale del precedente film non-fiction di JR e Varda, che si concentra esclusivamente sulla carriera del primo, e mentre si dimostra certamente una simile celebrazione della capacità dell’arte di dare voce a chi non ha voce, e di costruire ponti tra individui e classi disparate, manca della novità e della profondità del suo predecessore. Dato il suo soggetto fuori misura, un’uscita limitata nelle sale ha un senso estetico, ma le sue prospettive al botteghino appaiono comunque ridotte.

“Paper & Glue” si apre con la citazione di Varda: “Se aprissimo le persone, troveremmo dei paesaggi”. Il documentario di JR è sia d’accordo con questo sentimento sia il suo rovescio della medaglia, sostenendo che i paesaggi sono composti da uomini e donne affascinanti le cui storie desiderano essere raccontate. La sua produzione incentrata sui murales cerca di promuovere questa nozione, trasmettendo i volti degli emarginati e degli esclusi come mezzo per amplificare la loro presenza nel mondo. Progettato per costringere le persone a guardare coloro che normalmente non vedono e, così facendo, a capire che non siamo diversi gli uni dagli altri, la visione di JR è quella di unire il mondo dando la possibilità a chi non ha potere di parlare per se stesso.

Se uno non lo capisce dai progetti esposti in “Paper & Glue”, il perennemente abbronzato JR lo rende chiaro riaffermando abitualmente il suo ethos guida nella narrazione. La ripetizione è un difetto costante del film di JR, che avanza così rapidamente e definitivamente i principi dietro l’arte del suo autore che quasi immediatamente esaurisce le cose uniche da dire. Piuttosto, si limita a ripeterli in una serie di nuovi e vecchi ritratti di installazioni di JR, ognuno dei quali adotta un approccio simile: individuare un gruppo ostracizzato; fotografare i suoi membri in primo piano per mettere in luce la loro umanità di base; e poi ingrandire quelle istantanee in dimensioni enormi e incollarle alle pareti di case e spazi pubblici.

In “Paper & Glue”, vediamo JR fare questo alla frontiera messicano-americana dove ospita un pranzo di passaggio, in una favela di Rio de Janeiro devastata dalla violenza delle gang, nel trascurato complesso residenziale Les Bosquets di Clichy-Montfermeil, dove si è fatto un nome nel mondo dello spettacolo – e ha incontrato per la prima volta il suo amico di lunga data Ladj Ly (ora l’acclamato regista di “Les Misérables” del 2019) – e in una prigione di massima sicurezza della California, dove instaura un improbabile legame con il detenuto Kevin, la cui guancia sinistra vanta un tatuaggio a svastica. Affiancando queste imprese, JR equipara loro e i loro soggetti. Tuttavia, rifiutando di indagare anche le loro nette differenze – per esempio, che Kevin e i suoi fratelli imprigionati sono criminali violenti la cui condotta li ha lasciati “dimenticati”, mentre l’ergastolana della favela Rosiete è una donna coraggiosa e innocente che lotta per sopportare privazioni non dovute a lei – il suo punto di vista generale risulta in qualche modo superficiale.

Con la musica di Adam Peters e il montaggio jazz di Keiko Deguchi, “Paper & Glue” beneficia dell’entusiasmo sincero di JR, il cui entusiasmo ed energia sono accompagnati dalla forza delle sue convinzioni. Le convinzioni di JR sono articolate così frequentemente che potrebbero risultare banali se non fosse per la potenza impressionante del suo lavoro, che usa l’enormità per esprimere senza parole il suo messaggio, e la cui impermanenza riflette inoltre la mortalità in carne ed ossa di coloro che sono catturati nella sua cornice. Molto più dell’esposizione di JR, sono quelle vedute di occhi e visi titanici che dicono molto sui legami universali che ci uniscono tutti.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you